Calcio: nuovo organigramma societario e giocatori del territorio per la Vigor Senigallia

11/08/2015 - “La Vigor Senigallia riparte con la volontà di valorizzare sempre più i giocatori senigalliesi e di aprirsi maggiormente alla città, anche con progetti che vanno oltre il calcio”.

Ad affermarlo è il presidente Valentino Mandolini che, nella gestione societaria 2015-2016, sarà affiancato da Francesco Rossini (responsabile di gestione), Fabrizio Spadoni (team manager e responsabile organizzativo), Luca Pistoli (responsabile marketing), Oscar Manna (responsabile amministrativo), Alessandro Paolinelli (responsabile della comunicazione), Roberta Pelliccia (segretaria sportiva) e Luciano Morbidelli (segretario).

La società rossoblù, come nelle precedenti stagioni, è aperta a tutti- sottolinea il presidente- Intanto siamo felici di aver trovato il supporto di Rossini e Spadoni, in primis perché condividono la filosofia della Vigor Senigallia, ovvero valorizzare i giovani del territorio”.

Una filosofia che, mai come quest’anno, combacia con le esigenze. “Siamo una società con indubbie difficoltà economiche- conferma Mandolini- però siamo riusciti ad iscriverci”. “Ora- prosegue- il nostro obiettivo è quello di risanare il deficit accumulato anno dopo anno e valorizzare i giovani ed i tecnici che sono entrati ed entrano a far parte della nostra famiglia così da lanciarli verso traguardi più prestigiosi (come tra l’altro avvenuto per altri), non vincere il campionato. Poi, se in futuro ci saranno le condizioni per far meglio e pensare ad un salto di categoria ne saremo felici. Adesso è così”.

Infatti, come nel 2010 il rilancio della squadra dopo la retrocessione dall'Eccellenza fu affidata ad Aldo Clementi, proveniente dal settore giovanile vigorino dove allenava gli Allievi, così quest’anno è stato affidato ad Antonello Mancini, anche lui proveniente dal settore giovanile vigorino (Juniores), che potrà contare su 26 giocatori, tutti nati tra il 1994 ed il 1998 e cresciuti in casa rossoblù.

Una formazione sicuramente giovane ma di qualità che- tiene ad evidenziare il presidente Mandolini- sarà competitiva e potrà ben figurare nel torneo di Promozione”. Concorde il sindaco Maurizio Mangialardi che, anticipando forse alcune critiche alla scelta fatta dalla società, osserva- “La differenza di età con gli avversari, a mio avviso, non è un problema. Anzi, è uno stimolo in più per loro”.

Ovviamente sindaco e società sanno che riuscire ad avere in rosa qualche giocatore con più esperienza sarebbe importante ma, alla luce delle difficoltà economiche e consapevoli che l’obiettivo attuale della Vigor Senigallia non è vincere il campionato, Mangialardi conclude - “In un periodo come quello che stiamo vivendo, in cui le famiglie fanno fatica ad arrivare a fine mese, dobbiamo essere felici di avere una società sportiva che valorizza i giocatori del territorio e non spende i soldi per prenderne altri provenienti da fuori. Non sarebbe etico e morale”. “Pertanto- aggiunge il consigliere comunale con delega allo sport Lorenzo Beccaceci- spero che la città capisca l’importanza di sostenere la società ed i suoi principi”.

Da qui l’invito della Vigor Senigallia ai tifosi: “La società va sostenuta per il lavoro che svolge. Occorre imparare ad andare al campo per sostenere i giocatori e non solo per vedere la squadra vincere. Solo così, uniti e con un obiettivo condiviso, forse possiamo diventare più forti, vincere e fare il salto di categoria. Noi siamo determinati ad essere espressione della città”.







Questo è un articolo pubblicato il 11-08-2015 alle 18:55 sul giornale del 12 agosto 2015 - 1036 letture

In questo articolo si parla di sport, senigallia, calcio, vigor senigallia, Sudani Alice Scarpini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/am6b


N.H.m.u.

12 agosto, 09:22
Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV