Bozzi (M5S): ''Sulle trivellazioni una commissione produttiva e molto partecipata, anche dai cittadini''

movimento 5 stelle m5s 09/08/2015 - Mercoledi 5 agosto alle ore 18.30 si è svolta presso la sala del servizio urbanistica al primo piano della ex-GIL (via Leopardi 6) la seduta della terza commissione consiliare permanente avente come Ordine del Giorno la discussione in merito alla “Mozione contro le trivellazioni nel mare Adriatico e contro lo stoccaggio geologico di CO2 – Progetto Sibilla” presentata dai consiglieri comunali Luigi Rebecchini, Roberto Paradisi, Alan Canestrari e Daniele Messersì e l’Emendamento alla mozione stessa presentato dal consigliere del MoVimento 5 Stelle Riccardo Mandolini.

Oltre ai Commissari sono intervenuti nel dibattito anche l’Assessore allo sviluppo sostenibile Ilaria Ramazzotti e il consigliere regionale del MoVimento 5 Stelle Romina Pergolesi. Ma la vera e assoluta novità è stata la mia scelta, in qualità di Presidente della Commissione, al termine dei lavori della commissione stessa e in pieno stile MoVimento 5 Stelle, di dare la possibilità di parola ai numerosi cittadini intervenuti ad assistere, con richiesta al segretario verbalizzante di non interrompere la registrazione.

E’ risultata quindi una seduta molto partecipata e utile all’approfondimento di un tema, quello delle trivellazioni e dello stoccaggio di CO2, dopo che il famigerato decreto “Sbocca Italia” del Governo Renzi (n. 133 del 12/09/2014) ha inesorabilmente aperto la porta a queste pratiche petrolifere e di stoccaggio che stanno per devastare anche il nostro Mare Adriatico. Il taglio inconsueto ma efficace nella gestione del dibattito lo aveva intuito sin dall’inizio della seduta il consigliere di opposizione Rebecchini (da me chiamato ad illustrare il testo della mozione oggetto centrale dei lavori) che ha espresso “piacevole sorpresa nel vedere una Commissione presieduta da un consigliere che non fa parte né del PD né di alcun partito”.

Nel merito, dopo una mia puntuale e precisa riepilogazione degli eventi e di quanto accaduto a livello comunale, regionale e nazionale dal 2009 ad oggi, il testo della Mozione è stato letto e argomentato da parte del consigliere Rebecchini. L’Atto in questione, di per sé, farà impegnare in maniera chiara e netta la Giunta e il Sindaco in qualità di Presidente Regionale ANCI a “farsi promotori di incisive iniziative nei confronti del Governo Renzi, coordinando anche i Comuni della costa marchigiana, affinché il governo cancelli i progetti di trivellazione e stoccaggio, perché il mare possa continuare ad essere ancora nostro preservando l’ecosistema dell’Adriatico”.

Pur essendo d’accordo, per il MoVimento 5 Stelle ciò non è sufficiente: occorre un impegno PRECISO, CONCRETO e NEL MERITO e non generalizzato da parte di Sindaco, Presidente ANCI e Giunta. Questo perché, come sottolineato più volte, in questa fase cruciale la Regione e i cittadini si stanno attivamente muovendo rispettivamente con un ricorso alla Corte Costituzionale (tenacemente monitorata in Regione, come dichiarato dal consigliere regionale M5S Romina Pergolesi) e con pareri contrari (anche da parte di altre Regioni dell’area adriatica) da esporre alla Conferenza Stato-Regioni di settembre 2015 a Bari e con petizioni che stanno raccogliendo consensi in tutta Italia. Chi, per il momento, risulta un pò latitante sono proprio le Amministrazioni locali che dovrebbero agire in modo concertato e non a singoli “spot”.

E quale miglior occasione per il nostro Sindaco, Presidente Regionale ANCI, e per l’intera Città di Senigallia essere promotori di un’iniziativa significativa e partecipativa in tal senso? Proprio per dare inizio ad un percorso virtuoso che riconosca nuovamente il diritto di espressione delle autonomie locali nei confronti dei poteri nazionali e sovranazionali, il consigliere M5S Riccardo Mandolini ha illustrato un emendamento aggiuntivo (che va ad integrare, senza modificare, la Mozione presentata da Rebecchini) che in maniera ancor più precisa e puntuale recita: “A tale scopo il comune di Senigallia e la presidenza ANCI Regionale si fanno promotori di almeno due meeting, da tenersi nel comune di Senigallia , previo invito di tutti i sindaci ( o loro delegati) dei comuni marchigiani, allo scopo di redigere un documento di consenso finalizzato ad esprimere la contrarietà degli enti co-firmatari ai progetti suddetti. Tale documento dovrà essere inoltrato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e per conoscenza al Consiglio Regionale delle Marche entro il 31-12-2015”.

Seppur l’Assessore Ramazzotti abbia sottolineato che il solo parere di Mangialardi come Presidente ANCI sarebbe sufficiente a rappresentare altri Comuni, la maggioranza dei Commissari presenti hanno sposato l’iniziativa dell’emendamento proposto dal M5S: quella di fare del Comune di Senigallia il promotore di un incontro pubblico al termine del quale i Sindaci partecipanti (invitati in qualità di Presidenza ANCI) sottoscrivano un documento di contrarietà netta a quanto il Governo centrale sta permettendo di fare alle lobbies petrolifere nel tratto di mare antistante la nostra costa. La consigliera di maggioranza Nausicaa Fileri ha anche proposto emendamenti piuttosto articolati, ma sempre nel merito di quanto proposto dal M5S (partecipazione degli Enti territoriali e dei cittadini), della suddetta mozione. Infine, a lavori terminati, hanno preso la parola i cittadini grazie alla mia proposta.

Un passaggio importantissimo che rappresenta uno dei capisaldi del MoVimento 5 Stelle: la democrazia PARTECIPATIVA. Grazie a questa iniziativa sono state accolte delle informazioni importanti che alcuni cittadini hanno messo a disposizione dei Commissari che stanno elaborando l’Atto, tanto che sin dal prossimo mese, presumibilmente, si riunirà una Commissione ristretta che sintetizzerà in un unico documento quanto ieri emerso durante i lavori della III Commissione. L’obiettivo è di presentare quanto prima in Consiglio Comunale una mozione che impegni il Comune di Senigallia e l’ANCI (attraverso il Sindaco Mangialardi) a farsi promotori di un evento che riunisca quanti più Sindaci e cittadini possibile ma che, soprattutto, permetta alla Città di Senigallia di essere antesignana di una battaglia che va oltre ogni confine e casacca politica.


da Marco Bozzi
presidente III Commissione Consiliare




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-08-2015 alle 16:47 sul giornale del 10 agosto 2015 - 429 letture

In questo articolo si parla di politica, Movimento 5 Stelle, M5S, Marco Bozzi, trivellazioni in mare

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/am1X





logoEV