Hiroshima: Amati, 'Ricordare per rinnovare l'impegno al disarmo nucleare'

silvana amati 05/08/2015 - "E' fondamentale che la riflessione dedicata oggi alle vittime di Hiroshima e Nagasaki, a settant'anni dai bombardamenti nucleari, sia anche un'occasione per ricordare a tutti noi che dobbiamo imparare dall'esperienza e agire di conseguenza".

Lo dichiara la senatrice del Pd Silvana Amati, membro della Commissione straordinaria per la promozione e la protezione dei diritti umani intervenuta oggi in Aula al Senato per ricordare il 70esimo anniversario del tragico bombardamento di Hiroshima e Nagasaki.

"Le armi nucleari sono armi indiscriminate, disumane, con conseguenze catastrofiche e persistenti. La garanzia del loro non utilizzo - continua - non può essere lasciata alla prassi, seppure consolidata. E' necessario che, ad ogni occasione, si ribadisca l'impegno per il rafforzamento del 'Trattato di Non Proliferazione Nucleare' e che si acceleri in ogni modo il processo di disarmo. Solo così - conclude Amati - potremo onorare la memoria delle vittime: mettendo al bando armi che non rappresentano altro che la costante minaccia di una distruzione irreparabile".





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-08-2015 alle 14:13 sul giornale del 06 agosto 2015 - 373 letture

In questo articolo si parla di attualità, silvana amati

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/amSQ


Luigi Alberto Weiss

06 agosto, 08:55
Senatrice, mi tolga una curiosità: come ha votato sul caso Azzollini? Che c'era scritto nelle "carte" in base alle quali i magistrati chiedevano l'arresto? Perchè, visto il voto del Senato, non rilancia con una richiesta al suo ministro della Giustizia di una ispezione nella Procura che chiedeva l'arresto? Qquando regnava Berlusconi e saltavano fuori inchieste a suo carico, questa era una prassi "normale"!




logoEV