Paradisi:'Un bilancio di sangue ma non per tutti'

roberto paradisi 04/08/2015 - “Obbligati da Renzi a lacrime e sangue” testo “Città Futura” difendendo il sindaco Mangialardi, l’esattore tributario con la fascia tricolore.

Non piangono però i simpatizzanti e militanti di quell’area politica. Perché mentre ai cittadini consigliere e assessori di “Città Futura” chiedono “lacrime e sangue”, alle associazioni loro vicine forniscono denaro contante. Denaro comunale, per intenderci. Si preleva in modo persino immorale il massimo dalle tasche dei cittadini esasperati e, con l’altra mano, si elargiscono fior di contributi pubblici agli amici degli amici. E così il Teatro alla Panna del militante di “Città Futura” Roberto Primavera, oltre ai soliti contributi per le rassegne estive (ogni anno si parla di oltre 20 mila euro), bussa cassa e chiede (e ottiene) la copertura del disavanzo per la rassegna invernale (“Fantastiche visioni”): 1.667,34 euro oltre ai 3.574,41 già incassati. Totale: € 5.241,75 (determina 497/2015).

Lacrime e sangue. Ma non per tutti. Teatro ancora “caro” per gli amici di Città Futura: l’associazione di David Anzalone (anche lui era in piazza a gridare contro Salvini durante il comizio insieme ai suoi compagni) ha percepito per il festival “Bacajà” ben 13.500 euro nei giorni stessi in cui Mangialardi spiegava che non vi erano alternative all’aumento vergognoso e immorale delle tasse (determina 493/2015). Lacrime e sangue. Ma non per tutti. E in un’estate così calda come poter garantire la pratica del tennistavolo? Semplice: mettendo a punto il deumidificatore. Questa è curiosa: in una determina ufficiale c’è scritto così: “le condizioni di umidità non sono idonee alla pratica del tennistavolo”.

Quindi? Semplice: occorre sistemare l’impianto di deumidificazione del centro tennistavolo non più in funzione. Ed ecco che, mentre ai cittadini si chiede il sangue nel peggior bilancio della storia di Senigallia, spuntano 15.938,88 euro da elargire all’associazione che gestisce il centro tra il 2015 e il 2016 (determina 621/2015). Giocate freschi e beati, pagano i cittadini. Una curiosità: per quale motivo secondo il sindaco le condizioni di umidità sono invece idonee per il basket, il pattinaggio, il calcetto, la pallavolo, il karate … O vogliamo mettere un deumidificatore in tutti gli impianti chiusi? Caro Maurizio, puoi prendere in giro qualcuno. Ma non tutti.


da Roberto Paradisi
Consigliere Comunale Unione Civica




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-08-2015 alle 14:23 sul giornale del 05 agosto 2015 - 1463 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, politica, Unione Civica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/amPY


Caro Roberto,
è come aver votato un uovo di Pasqua, con sorpresa, prima del tempo.
Leonardo Maria Conti

Angelo D.

04 agosto, 19:16
E' vergognoso.rnIo con meno di 10 mila euro ci devo mandare avanti un anno una famiglia di 4 persone.rnSia chi elargisce questi soldi che chi li riceve sono, a mio avviso, persone senza un briciolo di considerazione e rispetto per chi ha veramente bisogno.rnE' veramente uno schiaffo a chi ha necessità primarie, spendere tutti quei soldi per un teatrino.

Luca Paci

05 agosto, 18:04
Io sono il socio di roberto primavera e non capisco perché lui guadagni tutti qui soldi e io no! Accidenti! E poi oh! Sono anche il fratello Di francesca paci! Forse mi devo iscrivere alla città futura!

Ecco, il falso Paci qui sopra ha completato il comunicato di Paradisi che sembrava perfetto, ma al quale mancava questo dettaglio. Poi dicono che Paradisi è cattivo...è fin troppo buono.

Commento modificato il 06 agosto 2015

Nel sito del Tennistavolo Senigallia si fa riferimento ad un torneo estivo che si svolge a luglio ed agosto.
La Tennistavolo di Senigallia poi ottiene ancora risultati di rilievo a livello nazionale.
Sinceramente non lo vedo come uno sport pratico da fare all'aperto, con una pallina che pesa pochissimi grammi, soprattutto se si tratta appunto di avere un torneo.
Il Consigliere Paradisi nel suo esempio ha citato tutti sport che in estate possono essere fatti anche outdoor, tranne forse le arti marziali, o che in genere sospendono le attivita' per la pausa estiva, fatto salvo allenamenti ad inizio stagione: la stragrande maggioranza dei pallavolisti che conosco poi fanno continue dispute a beach volley.
Forse un deumidificatore funzionante sarebbe stato piu' utile li' che in altre strutture senza attivita' in programma.
Sulle spese per i vari teatri non posso dire nulla, non vi ho mai partecipato.