M5S: bilancio di previsione discusso in Consiglio Comunale, 'Previsto l’aumento di tutte le tasse'

movimento 5 stelle m5s 02/08/2015 - Mercoledì 29 luglio si è tenuto il Consiglio Comunale in un clima rovente, come roventi sono stati i temi che si discutevano e ai quali eravamo chiamati a votare.

L’argomento principale: il bilancio di previsione. Un bilancio a detta della maggioranza che meglio di così non si poteva fare, un bilancio che prevede l’aumento di tutte le tasse al massimo consentito, per far fronte ai tagli dei trasferimenti e per appianare le difficoltà venute fuori dalla nuova contabilità armonizzata, per cui i 6 milioni di avanzo sponsorizzati in campagna elettorale da questa amministrazione, sono diventati 5.2 milioni di disavanzo! Un tipo di manovra che metterà in difficoltà le famiglie e coloro che hanno un attività che essa sia grande media o piccola! E in vista non c’è nessuno sciopero del Sindaco all’anagrafe!

Questa manovra prevede ancora la Tari, quando ci sarebbe dovuta essere a pieno regime la tariffa puntuale, in cui avrebbe pagato di più chi produce più indifferenziato. Una soluzione del genere avrebbe diminuito in maniera consistente i conferimenti in discarica abbattendo i costi e avrebbe aumentato l’entrata dei contributi CONAI in maniera consistente, sì da poter abbattere il peso della tassa. Sono anni che gli amministratori ne parlano ma non l’hanno mai fatta, ci vuole tempo ci dicono; altri comuni (alcuni ben più grandi di Senigallia) ci dicono invece il contrario; Parma, Capannori, Trento ecc.. non ci hanno messo tutto questo tempo che ci mettiamo noi, basta la volontà politica!

Il brevissimo tempo a disposizione per esaminare tutte le carte del bilancio, non ne ha permesso un approfondimento adeguato a tal punto che si potessero presentare emendamenti incisivi.  Non è una giustificazione, è la pura verità; abbiamo presentato indirizzi in particolar modo sui rifiuti per un ciclo più virtuoso e che avrebbe permesso al comune di alleggerire l’imposizione fiscale; poi stava all’amministrazione coglierne il senso ed applicarli! Inutile quindi per l’assessore Campanile e per il Sindaco dire “non sono stati presentati emendamenti”, “il tempo è stato poco per tutti”, da quest’altra parte non c’è la dirigente Filonzi (profumatamente pagata e che, forse, su questo doveva anche fare un po’ di spending review) con il suo ufficio che fa tutto il lavoro! Esatto tutto perché alle nostre osservazioni e contestazioni rispondeva sempre lei e il Sindaco, raramente l’assessore Campanile; dai banchi della maggioranza non volava una mosca, neanche un intervento in sede di discussione!

Ma poi dovevamo presentar emendamenti per farceli bocciare in tronco da una maggioranza “schiaccia bottoni”? Come è avvenuto per lo Statuto dell’ASA? Ebbene sì l’ASA (Società che gestisce la discarica di Corinaldo, partecipata dal nostro comune) vedrà moltiplicarsi le competenze, come la manutenzione del verde, dei fossi, delle strade, e dei fiumi. Anche questa pratica licenziata in commissione in un’ora al massimo (i documenti a noi del movimento 5 stelle sono stati consegnati la mattina dello stesso giorno della commissione circa 5 ore prima). Durante la seduta abbiamo chiesto, per questo, il rinvio in commissione per ulteriori approfondimenti convocando in maniera congiunta la terza e la prima commissione; si trattava di capire meglio, non di ostacolare i lavori e, visto che la pratica aveva come scadenza il 31 dicembre, il tempo non mancava.

La nostra richiesta è stata bocciata, ed allora abbiamo posto alcune domande lecite per capire meglio e colmare i nostri dubbi, domande a cui ovviamente ha risposto solo la Dott.ssa Filonzi, nonostante il consigliere Mandolini abbia più volte invitato la maggioranza a rispondere alla domande … se voleva! Ovviamente, silenzio! Dopo le domande siamo passati agli emendamenti (5 in tutto): ma cosa chiedevamo di modificare principalmente?

1) chiedevamo che i consigli comunali dei comuni soci potessero esprimersi in merito alle decisioni che ASA dovesse prendere o in merito alle cessioni di quote del capitale ecc., ad esempio pensavamo a chi affidare un appalto (ovviamente ASA userà prevalentemente il metodo in House Providing come prevede il nuovo statuto, cioè assegnazione senza gare). A nostro parere è necessario sapere, per un comune socio, a chi viene affidato un appalto: un atto di trasparenza necessario, che allunga un po’ i tempi, ma necessario.

2) che i dirigenti, direttori, procuratori ecc.. non fossero nominati, ma che vengano assunti in base a concorsi per titoli di merito, cosa non necessaria per una s.r.l., ma a nostro parere indispensabile per una s.r.l. i cui soci sono esclusivamente i comuni!

3) che le riunioni di ASA fossero pubbliche ed aperte a tutti i cittadini che ne volessero assistere.

TUTTO BOCCIATO, da una maggioranza silente che neanche si è pronunciata su un emendamento, all’infuori del Sindaco che ha dichiarato voto contrario al primo emendamento senza ascoltare e leggere gli altri! Incredibile, ma è cosi! Dunque ASA si vedrà moltiplicare le competenze, senza che nessuno sappia con quali credenziali potrà svolgere i nuovi compiti e potrà partecipare a gare e prendere appalti dai comuni e poi affidarli senza gara e senza il controllo dei consigli comunali dei comuni soci; potrà inoltre nominare dirigenti e quant’altro senza concorso, perché è una società s.r.l. che agisce nel campo del diritto privato, pur avendo come soci enti pubblici! Un nuovo carrozzone della politica di cui si sarebbe potuto fare a meno!

Sulla fine della serata si sono poi discusse due nostre Mozioni, una sul divieto all’uso di erbicidi e sul registro degli alberi monumentali. Beh, su queste non potevano votare contro e infatti sono passate, come a darci un contentino!
All’ultimo punto c’era una Mozione di Città Futura che proponeva all’amministrazione la realizzazione del regolamento del baratto amministrativo, una soluzione per cui i cittadini che sono morosi nel pagamento di tasse comunali e non riescono a saldarle, possono assolvere al loro debito facendo lavori di pubblica utilità. Abbiamo sostenuto questa mozione, pensando che possa essere utile, visto come  è stato approvato il nuovo bilancio, ma ricordando ai colleghi di Città Futura e della residua maggioranza che non basta questo per lavarsi la coscienza per ciò che hanno votato prima.


Marco Bozzi e Riccardo Mandolini
Consiglieri Comunali MoVimento 5 Stelle Senigallia
 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-08-2015 alle 11:18 sul giornale del 03 agosto 2015 - 639 letture

In questo articolo si parla di politica, Movimento 5 Stelle, M5S, Senigallia 5 stelle

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/amKG


Luigi Alberto Weiss

03 agosto, 09:39
Signori Cinquestelle, questo è il dilagante renzismo: uno che parla per tutti e gli altri che approvano in silenzio.




logoEV