In Comune il frammento del Muro di Berlino, Mangialardi: “Mai più muri e barriere a dividere gli esseri umani”

21/07/2015 - Il frammento del Muro di Berlino, acquistato dalla giunta comunale di Senigallia in occasione dell’asta di Libera durante l’ultimo Caterraduno, resterà esposto nella Residenza municipale.

Incorniciato e dotato di un’apposita didascalia, è stato collocato vicino a un altro importante simbolo storico, la valigetta appartenuta a Mario Chiesa e divenuta l’emblema di Tangentopoli, acquisita anch’essa, anni fa, all’asta di Libera.

Il piccolo frammento era stato prelevato a Berlino dai conduttori di Caterpillar in occasione del venticinquesimo anniversario dell’abbattimento del Muro e messo poi a disposizione dagli stessi proprio per la tradizionale asta.

“Siamo doppiamente soddisfatti – afferma il sindaco Maurizio Mangialardi – sia per aver contribuito concretamente al finanziamento dei progetti di Libera, sia per aver acquisito un altro cimelio che testimonia l’immenso e universale valore della libertà e dell’impegno affinché, in ogni angolo del mondo, non vi siano più muri e barriere a dividere e tenere separati gli esseri umani. Un grande ringraziamento a Filippo Solibello, Massimo Cirri e a tutto lo staff di Caterpillar per questo ennesimo gesto di generosità e amicizia nei confronti di Senigallia”.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-07-2015 alle 15:26 sul giornale del 22 luglio 2015 - 546 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ameq


Sì.
Peccato che nella nostra Giunta ci sono quelli che quel muro l'hanno costruito.

Siete veramente convinti che non esistano più "muri"? E non intendo quelli di cemento o mattoni. Esistono "muri" che sono, a mio avviso, impossibili da abbattere come ad esempio la burocrazia, il malaffare, la corruzione, il lavoro nero, l'evasione fiscale, ecc.. Di questi "muri" spero un giorno si possano raccogliere i "frammenti". In una società basata sull'apparenza e l'apparire diventa difficile pensare che ciò possa accadere. Troppi interessi e troppe convenienze, a tutti i livelli, fanno sì che situazioni incancrenite da decine di anni rimangano immutate e quello che sta accadendo lo sta a dimostrare. Ma la speranza è l'ultima a morire.

N.H.m.u.

22 luglio, 13:07
Commento sconsigliato, leggilo comunque