Rebecchini: rispettare il principio della proporzionalità per la presidenza delle commissioni

luigi rebecchini 19/07/2015 - Si è riunita mercoledi 15 luglio la conferenza dei capigruppo con all’odg la programmazione lavori delle commissioni permanenti per la definizione dell’assetto istituzionale. Lo statuto comunale all’art. 27 indica come criterio da seguire per la nomina dei presidenti nelle commissioni consiliari permanenti quello della proporzionalità.

Ho immediatamente chiesto che si assumesse questo principio e che valesse nei confronti di tutti i gruppi presenti in consiglio, senza mercanteggiamenti. Tutti i consiglieri presenti si sono detti d’accordo su tale criterio. Lo Statuto, inoltre, riporta che alle opposizioni spettano le presidenze di commissioni di controllo e garanzia. Non essendo esplicitate nello Statuto, in modo chiaro, quali commissioni sono da ritenersi di controllo e garanzia, abbiamo comunque accettato la proposta pervenuta dalla maggioranza , anche se ritenevamo la seconda commissione (quella urbanistica) una delle commissioni maggiormente di controllo. Si è convenuto che alla maggioranza vadano le presidenze di quattro commissioni : la seconda (Urbanistica, Infrastrutture e Assetto Idrogeologico), la quarta (Servizi alla Persona, Pubblica Istruzione, Politiche Giovanili e Pari Opportunità), la quinta ( Cultura, Promozione e Turismi), la sesta (Risorse Finanziarie e Patrimonio).

Ad Unione Civica la presidenza della prima commissione (Attività Istituzionali, Personale, Partecipazione e Trasparenza) e al M5S la presidenza della terza (Sviluppo sostenibile, Ambiente, Mobilità, Energia, Trasporto pubblico). Il sottoscritto ha chiesto l’impegno soprattutto al Pd (essendo il voto quotato) di mantenere fermo il principio di rispettare la proporzionalità dei gruppi, non convogliando i propri voti su un solo gruppo di minoranza (decidendo quindi il Pd per la minoranza), in considerazione del fatto che il M5S, pur condividendo in pieno il principio di proporzionalità, candiderà suoi consiglieri per la presidenza di tutte le sei commissioni.

Ci auguriamo che quanto deciso e da tutti condiviso nella riunione dei capigruppo, secondo lo spirito dello Statuto e ripeto in modo aperto e senza mercanteggiamenti, possa trovare reale attuazione nelle votazioni delle singole commissioni che si terranno lunedi 20 e martedì 21 luglio. Il sottoscritto ha, inoltre, dichiarato che Unione Civica manterrà fede all’impegno preso e che voterà per il proprio candidato solo per la presidenza della prima commissione e al fine di non alterare il criterio della proporzionalità voterà per i candidati degli altri gruppi nelle altre commissioni. Cogliamo l’occasione, come gruppo, per esprimere l’amarezza della mancata istituzione della settima commissione “Rischio idrogeologico-sicurezza idrogeologica”.

L’istituzione di tale commissione, da noi richiesta nell’ultimo consiglio comunale, non avrebbe comportato alcun aumento di spesa e, inoltre, presidente e commissari di questa specifica commissione sarebbero stati investiti del problema principe oggi per Senigallia in maniera diretta e definita. Sicuramente, a nostro avviso, il lavoro sarebbe risultato più proficuo e puntuale. La maggioranza consiliare non ha accettato la nostra proposta, ringraziamo l’unico consigliere della stessa che ha aderito con il suo voto alla nostra proposta. Comunque, prendiamo atto che la stessa maggioranza, pur avendo investito della problematica dell’assetto idrogeologico la seconda commissione e pur non votando la nostra proposta, si è dichiarata disponibile a riaffrontare la questione una volta definito l’assetto delle sei commissioni permanenti già previste.


Da Luigi Rebecchini

Capogruppo Unione Civica




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-07-2015 alle 00:48 sul giornale del 20 luglio 2015 - 510 letture

In questo articolo si parla di cronaca, luigi rebecchini, Unione Civica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/al9f





logoEV