Messersì: ''Mangialardi come intende far fronte al disavanzo di amministrazione?''

Lega Nord 19/07/2015 - Vorrei fare una riflessione come imprenditore, non come politico appartenente ad una o all'altra sponda.

Per oltre trent'anni ho lavorato nell'azienda di famiglia. Ci sono stati tempi buoni ed abbiamo investito sulla nostra azienda con l'obiettivo di incrementare lavoro e sviluppo, ma allo stesso tempo accantonando risorse economiche per far fronte ad eventuali periodi di crisi. Come un buon imprenditore che sa dirigere la propria azienda, lo stesso penso debba valere anche per l'amministrazione di un comune visto che ha la responsabilità di gestire il denaro dei cittadini.

Come intende far fronte a questo disavanzo già dichiarato di circa 140.000 euro all'anno diluiti in trent'anni sempre che tale dilazione massima venga approvata dal Governo? Con tagli alla spesa corrente o con aumento delle imposte per la cittadinanza? Per una persona normale come me, ma con una discreta esperienza imprenditoriale , Sindaco e giunta debbono dare ai cittadini risposte chiare e precise.

Se poi di tale disavanzo lo stesso Sindaco ed i sui collaboratori sapevano già prima e durante la compagna per le amministrative, il loro comportamento mi lascia sinceramente perplesso. Come perplesso mi hanno lasciato le due riunioni del consiglio comunale alle quali ho preso parte. Perplessità derivata cari consiglieri dai tanti battibecchi personali ed inutili secondo me che sicuramente non portano nessun giovamento ai problemi della cittadinanza.


da Daniele Messersì
Consigliere Comunale Lega Nord Senigallia




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-07-2015 alle 17:27 sul giornale del 20 luglio 2015 - 983 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, lega nord, Lega Nord Senigallia, Daniele Messersì

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/al97


Una legittima richiesta, quella di Messersi'.
Ma credo che tutti i Comuni italiani dovebbero ancora nuovamente muoversi assieme contro quanto e' stato deciso a Roma....a che scopo poi?
Diminuire il disavanzo? Liberare fondi per rilanciare l'economia? Non e' dato saperlo.




logoEV