Gregorini (PD): "Una nuova Commissione Consigliare sul rischio idrogeologico rallenterebbe i lavori"

19/07/2015 - In merito alle considerazioni del consigliere Sartini riguardo alla proposta dell'istituzione di una nuova Commissione Consigliare sul rischio idrogeologico, in qualità di capogruppo sento il dovere di precisare che la maggioranza consigliare (tranne uno) ha espresso un voto contrario con autonomia, serenità e responsabilità, doti che sono parte integrante della democrazia.

Come è trapelato dalla riunione dei Capogruppo il rischio idrogeologico è un argomento di estrema importanza per ognuno di noi per cui abbiamo l'esigenza di acquisire tutte le possibili competenze a riguardo, per poter svolgere il lavoro nel modo migliore.

L'approfondimento e l'analisi di rischio e di sicurezza idrogeologico, nella seconda Commissione troverà  con le competenze di urbanistica e di lavori pubblici ad essa pertinenti, un utile riscontro per la prevenzione del rischio e la messa in sicurezza.

Una ulteriore commissione porterebbe ad un rallentamento dei lavori in quanto la stessa pratica, prima di essere licenziata, dovrebbe essere esaminata da entrambe le Commissioni con un inutile dispendio di tempo, di energie ed un aumento di costi.

Come già espresso nel mio intervento a nome del gruppo consiliare, abbiamo proposto  l’insediamento delle sei Commissioni per un immediato inizio dei lavori.

Saremo comunque disponibili, nell'eventualità di riscontro di problemi e difficoltà insorte nel corso dei lavori, a rivedere il numero delle Commissioni e dei Commissari, nel rispetto delle opinioni di tutti i Consiglieri Comunali espresse attraverso il voto, strumento della Democrazia.

Consigliere Sartini, la invito a pensare bene, prima di esprimere le sue considerazioni nei nostri confronti, che non le fanno di certo onore perché noi, come vede, sappiamo come votare, ne siamo responsabili e soprattutto quotidianamente pratichiamo un modus vivendi spesso poco conosciuto: la Democrazia.


da Mauro Gregorini
capogruppo PD in Consiglio Comunale




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-07-2015 alle 13:12 sul giornale del 20 luglio 2015 - 1101 letture

In questo articolo si parla di consiglio comunale, politica, giorgio sartini, partito democratico, pd, pd Senigallia, dissesto idrogeologico, mauro gregorini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/al9E


FB

19 luglio, 14:15
Ma che politichese istituzional-partitico anni '80, tutto equlibrismi retorici & autoincensamenti giustificatori (eludi/deludi questione sollevata): dobbiamo essere già in clima vintage da PCI-PDS-DS-PD-Jamboree...

Signor Gregorini, non entro nel merito della discussione tra Lei e il signor Sartni. Poichè leggo Democrazia, la cosa la vedo in maniera totalmente diversa. Il fatto stesso che una persona parli a nome di tutti, senza che gli altri possano esprimere liberamente il proprio pensiero, mi ricorda il vecchio P.C.I. Sono cresciuto con la vecchia Democrazia Cristiana e pur con tanti errori, la libertà singola di espressione l'abbiamo sempre avuta. Leonardo Maria Conti

Alberto Diambra

21 luglio, 13:23
Gentile Gregorini ci vuol spiegare quale rallentamento ci sarebbe? Sono c.a. 10 anni che i già residenti chiedono di risolvere le problematiche idrogeologiche della zona PEEP MISA che ad ogni piena anche non molto importante del Misa provoca ocqua e fango nelle abitazioni! Ben venga la settima commissione sui rischi idrogeologici che magari toglierà quelle arroganze decisionali!