Intitolata alla Guardia Costiera la banchina del Porto. A Senigallia anche la nuova Motovedetta CP 723

16/07/2015 - A Senigallia la ‘Banchina della Guardia Costiera’. Giovedì mattina, nell’ambito delle manifestazioni in corso per il 150° anniversario della Fondazione del corpo, si è svolta la cerimonia per l’intitolazione alla Guardia Costiera della banchina del Porto antistante la sede dell’Ufficio Locale Marittimo.

Questo riconoscimento rappresenta un suggello alla memoria ed una testimonianza di vicinanza molto importante da parte dell’Amministrazione comunale al nostro corpo – osserva il direttore marittimo delle Marche, Contrammiraglio Francesco Saverio Ferrara, sottolineando che- Gli scopi civili del nostro lavoro rivestono una grande importanza per la comunità, poiché la tutela del mare e dell’economia marittima è fondamentale per lo sviluppo di questa città e regione”.

Concorde il sindaco Maurizio Mangialardi che, insieme al Contrammiraglio ed alla presenza del vescovo di Senigallia monsignor Giuseppe Orlandoni e dei rappresentanti delle Forze dell’Ordine presenti sul territorio, ha scoperto ufficialmente la targa commemorativa.

Colgo l’occasione per ringraziare la Guardia Costiera ed il Contrammiraglio Francesco Saverio Ferrara, oltre il comandante Cristoforo De Giuseppe e tutto il personale dell’Ufficio Locale Marittimo, per il lavoro svolto sempre con molta attenzione e professionalità a beneficio della sicurezza dei cittadini, del nostro porto e del nostro mare e per la costante e proficua collaborazione instaurata ormai da anni con l’Amministrazione comunale- dichiara il sindaco Maurizio Mangialardi- Una collaborazione non solo formale, ma soprattutto sostanziale, che recentemente, grazie agli interventi promossi dall’Ufficio Opere marittime, si è estesa anche ad importanti progetti di restyling architettonico dell'area portuale”.

Infatti, subito dopo l’estate, dovrebbero partire i lavori di escavo del porto. “Siamo ormai al limite- conferma il primo cittadino- Non si può più attendere altrimenti saremo costretti ad interdire la navigazione. Pertanto confido nella Regione affinchè avvii un processo continuo dei porti”.

Ma la cerimonia per l’intitolazione alla Guardia Costiera della banchina antistante la sede dell’Ufficio Locale Marittimo, in occasione delle manifestazioni per il 150° anniversario della Fondazione del corpo, è stata anche l’occasione per presentare la nuova Motovedetta CP 723, assegnata in dotazione permanente all’Ufficio Locale Marittimo di Senigallia.

Un mezzo versatile e molto sicuro, lungo più di dieci metri, con una propulsione a getto (senza eliche) che consente all’imbarcazione classe 700 di avvicinarsi anche ai fondali più bassi per assolvere al meglio non solo le funzioni di vigilanza e polizia marittima ma anche eventuali operazioni di soccorso- spiega il direttore marittimo delle Marche- E’ rarissimo che ad un Ufficio Locale Marittimo ed un porto minore venga assegnato, in dotazione permanente, un mezzo così moderno e nuovo. Questo a dimostrazione della grande attenzione che riserviamo a questo porto e questo tratto di costa”.

E- conclude Mangialardi- è il giusto riconoscimento alla professionalità ed all’eccellente lavoro svolto quotidianamente dal nostro Ufficio Locale Marittimo diretto dal comandante Cristoforo De Giuseppe”.







Questo è un articolo pubblicato il 16-07-2015 alle 15:34 sul giornale del 17 luglio 2015 - 2442 letture

In questo articolo si parla di porto, attualità, senigallia, guardia costiera, Sudani Alice Scarpini, porto di senigallia, Ufficio Locale Marittimo, Francesco Saverio Ferrara, articolo, Motovedetta CP 723, banchina della guardia costiera

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/al2Y


Complimenti al Sindaco Mangialardi per l'ottima iniziativa e un eterno Grazie ai nostri Marinai.
Leonardo Maria Conti