Volpini nuovo presidente della commissione regionale sanità

fabrizio volpini 10/07/2015 - Fabrizio Volpini, eletto consigliere regionale per il PD alle elezioni del 31 maggio scorso, e' stato nominato presidente della commissione regionale sanità.

Volpini, assessore alla sanità del comune di Senigallia, e' stato il consigliere più votato della provincia di Ancona con 4.100 preferenze.

"Sono contento e soddisfatto per questa nomina che rappresenta un riconoscimento importante per me ma soprattutto per tutto il territorio che rappresento -commenta Volpini- si tratta di un ruolo impegnativo perché la sanità e i servizi alla persona rappresentano una partita fondamentale e tocca da vicino tutti i cittadini".

Il presidente della commissione sanità acquista Un ruolo ancora più impegnativo alla luce della scelta del presidente Ceriscioli di tenere per se', per l'avvio del suo mandato, le deleghe alla sanità e servizi alla persona. "Siamo pronti ad affrontare le nuove sfide che attendono la sanita' perché di questioni aperte e da rivedere ce ne sono - aggiunge Volpini- Intanto iniziamo con la prima riunione di commissione che ho convocato per giiovedì cui parteciperà anche il presidente Ceriscioli. Faremo un piano di lavoro, vedremo cosa ci hanno lasciato in eredità e poi da lì ripartiremo".





Questo è un articolo pubblicato il 10-07-2015 alle 16:02 sul giornale del 11 luglio 2015 - 3521 letture

In questo articolo si parla di fabrizio volpini, giulia mancinelli, politica, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/alMr


Commento modificato il 10 luglio 2015

Perfetto, in questo modo tutta quella che pareva la strada perseguita sia in Comune che fuori ha portato ad un ottimo risultato.
Ora nella sua nuova qualita' di Presidente della Commissione Volpini puo' agire attivamente per risolvere le storture del sistema sanitario regionale, vale a dire: 1- dislocazione (eccessiva) di reparti e/o funzioni in varie citta'; 2- valutazione dei costi effettivi e loro razionalizzazione, attraverso una valutazione verticistica...al contrario, che finalmente premi la base della piramide razionalizzando le troppe teste pensanti (che non hanno impedito comunque in alcuni casi di avere storture del sistema) e di conseguenza 3- attribuzione di posizioni in base alla effettiva esperienza professionale e qualita' del servizio svolto.
Non e' facile, ma e' quello per cui si era impegnato nelle elezioni e che molta gente si aspetta da lui.
Buon tutto!

Ma con i voti che ha ottenuto, con l'esperienza che ha maturato, con l'indubbia competenza che tutti gli riconoscono, con un curriculum così invidiabile tutto ciò non è bastato a fargli fare l'assessore? Solo il Presidente della Commissione Sanita? Senza dubbio un incarico importante ma, permettetemelo, ritengo sia di "ripiego" e non rispettoso della persona e della città che rappresenta. Auguro al Dott. Volpini buon lavoro.

giacomo mancinelli

12 luglio, 08:25
Egregio Dott. Volpini, sono giorni che leggiamo sul giornale che state studiando il modo di far restare in Regione il maceratese Ciccarelli, e che quest'ultimo continui a spingere affinché Alberto Carelli, altro maceratese, diventi Direttore dell'Area Vasta 2. Questo sarebbe il cambiamento che avete promesso in Sanità ? Sarebbe questo il cambiamento promesso dal Governatore Ceriscioli ? Giacomo Mancinelli FP CGIL Area Vasta 2

Luigi Alberto Weiss

13 luglio, 08:30
Lasciamo perdere i panegirici decisamente eccessivi, alla sanità delle Marche serve una botta di efficienza operativa, lasciando perdere il "fiore all'occhiello" dell'equilibrio finanziario (poi si spendono quattrini per ospitare uno stage di medici cinesi a Torrette, cioè medici del secondo più ricco Paese del mondo).
I marchigiani vogliono servizi tempestivi, qualitativamente elevati e che per ottenerli non debbono girare mezza regione, con aggravio di costi e di tempo. I ridicoli campanilismi tra strutture e personaggi vanno abbandonati sul serio, così come il provincialismo di chi crede che la soluzione debba venire da fuori territorio. Allo stesso modo va ridimensionato il ruolo delle strutture private, specie ambulatoriali, che rendono sempre di più la sanità un servizio dove chi ha soldi si cura presto e bene, chi non li ha aspetta e spera!
Ecco il VERO banco di prova di Volpini. Il resto è solo ruffianeria.