Mothers and children in L2: le 'Rondini' festeggiano la conclusione del progetto

09/07/2015 - Grande festa finale alla sede dell’associazione culturale le Rondini per la conclusione del corso sperimentale di formazione nell’ambito del Progetto europeo “Mothers and children in L2”, la cui fase operativa era partita nel mese di febbraio dopo la presentazione ufficiale alla presenza del sindaco Maurizio Mangialardi che aveva testimoniato il proprio interesse per l’iniziativa nel corso della conferenza stampa.

Durante l’incontro le responsabili del progetto Marilena Grottoli, Ea Polonara, e Marianna Memè  hanno consegnato alle partecipanti il meritato attestato di partecipazione al corso di italiano durato tre mesi.
“È stata un’esperienza entusiasmante, ha dichiarato Marianna Memè, ricercatrice del progetto e docente di italiano del corso, tutte le allieve hanno partecipato proficuamente al corso e la presenza dei bambini ha contribuito in maniera notevole all’apprendimento creando un clima molto rilassato e piacevole nel quale le mamme hanno potuto lavorare al meglio.”

Lo scopo del progetto infatti è quello di mettere a punto e sperimentare una nuova metodologia didattica nella quale le mamme migranti possano imparare la lingua del paese ospitante (L2) grazie all’interazione con i propri bambini di età compresa tra 2 e 6 anni.

Il progetto, che vede CIDI Senigallia come coordinatore internazionale dei lavori, è partito a gennaio 2014 e coinvolge cinque paesi (Italia, Austria, Cipro, Spagna e Svezia) nei quali si sono svolti contemporaneamente i corsi sperimentali.

“Ora è il momento di tirare le somme, continua Marianna Memè, e valutare i risultati della sperimentazione per poter rendere pubblico il manuale di questa nuova metodologia che potrà certamente essere utile per organizzazioni e associazioni che si occupano di migranti e della loro integrazione.”

La prossima fase del progetto infatti prevede che i ricercatori dei diversi paesi si riuniscano per valutare i risultati ottenuti e sistematizzare questo nuovo metodo. L’appuntamento è fissato per settembre , lo staff della CIDI si recherà in Svezia per incontrare i partner europei.


 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-07-2015 alle 17:05 sul giornale del 10 luglio 2015 - 424 letture

In questo articolo si parla di attualità, associazione, intercultura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/alJW





logoEV