Attraversa sul lungomare Mameli e viene travolta da uno scooter, paura per una 17enne

eliambulanza 02/07/2015 - Paura sul lungomare Mameli per una ragazzina travolta da uno scooter. Sono stati interminabili minuti di apprensione per una 17enne investita mentre attraversava la strada.

L’incidente è successo nel primo pomeriggio di giovedì, sul lungomare di Ponente, all’altezza dei bagni Gabbiano. La giovane si stava dirigendo al mare e proprio mentre stava attraversando la strada è stata investita da uno scooter. La 17enne è stata sbalzata violentemente a terra tanto da battere la testa. Immediatamente, dato il via vai a quell’ora, i passanti hanno allertato i soccorsi e chiamato il 118. Inizialmente le sue condizioni sembravano gravi tanto che i sanitari hanno deciso di chiedere l’intervento dell’eliambulanza.

La ragazza è stata quindi caricata su una ambulanza e scortata dalla Polizia fino alla banchina del molo dove è potuta atterrare l’eliambulanza. Quindi la ragazza è stata trasportata all’ospedale di Torrette. Dopo tutti gli accertamenti del caso, i sanitari hanno sciolto la prognosi. La 17enne avrebbe riportato un lieve trauma cranico e alcune escoriazione ma le sue condizioni non destano preoccupazione. La ragazza infatti è sempre stata cosciente e lucida. A scopo precauzionale è stata comunque trattenuta in ospedale.

Ferite lievi invece per il conducente dello scooter, un senigalliese, che nell’impatto è caduto a terrà. Il ragazzo è ricorso alle cure del Pronto Soccorso ma è stato dimesso alcune ore dopo.





Questo è un articolo pubblicato il 02-07-2015 alle 22:43 sul giornale del 03 luglio 2015 - 3371 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, eliambulanza, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/alrz


Stavolta è andata bene, ma quanti sono gli scooter e le auto che sul lungomare vanno troppo veloce?

E non si può proprio fare niente per prevenire questo tipo di incidenti?

No, non si può fare niente.

La legge prevede che i velox debbano essere segnalati prima, invalidandone la funzione primaria (il rilevamento dell'eccesso di velocità).

Purtroppo in italia i velox vengono considerati come strumento per il "controllo" della velocità, cosa che non sono.

Il controllo della velocità è previsto dai cartelli con i limiti, se l'utente della strada li ignora (come potrebbe ignorare il velox, dato che l'unico deterrente è la multa) deve essere multato.

I velox sono, per natura stessa dei dispositivi, degli strumenti di verifica della velocità.

In svizzera sono nascosti, in inghilterra il superamento di 1 mph porta alla multa di 100 sterline.

In italia invece non servono a nulla, se non a "controllare" quel mezzo chilometro ove sono installati (di fronte a migliaia di chilometri di strade per ogni provincia).

Ieri una ragazza è stata sbattuta per terra in via cellini da uno scooterista che si è dato alla fuga (omissione di soccorso e violazione delle precedenza del pedone sulle strisce).

Questa mattina scooteroni che sorpassavano sulla destra con veicoli in movimento e ignoravano il rosso dei semafori.

Gli scooteristi, ormai quasi banalmente, sono dei delinquenti per la maggior parte.

La normativa sul rilevamento delle velocità, fatte dai governi per accontentare alcuni automobilisti indisciplinati (ovvero criminali) fa il resto.




logoEV