Mangialardi (Anci Marche): “I servizi sociali tornino ad essere una priorità. Mancano 35 milioni”

mangialardi (anci marche) 26/06/2015 - "E' di circa 35 milioni di euro la cifra che manca per il settore dei Servizio Sociali in parte dal bilancio 2014, e che auspichiamo la nuova giunta regionale voglia ripristinare, così da allentare le tensioni in un comparto che hanno bisogno di maggiore attenzione rispetto a quanto accadeva in passato".

Così Maurizio Mangialardi, presidente di Anci Marche torna a porre l'accento su un tema molto delicato che il presidente Ceriscioli, nel discorso di insediamento, ha già posto tra i primissimi punti dell'agenda del governo regionale.

Il tema dell'assegnazione dei fondi a disposizione dei comuni per la gestione dei servizi sociali continua a tenere in agitazione i primi cittadini. Anci Marche ha promosso le istanze dei comuni presso la Regione Marche ma, se nel 2014 per il sociale c'erano i fondi nazionali più 35 milioni di fondi regionali, nel 2015 sul sociale sono rimasti i fondi nazionali mentre il contributo regionale è sceso a 1,2 milioni.
Ad aggravare il quadro c'è da rilevare che tra l'altro non sarà finanziato il saldo dei finanziamenti del 2014 per la disabilità (LR 18), per i minori fuori della famiglia e per gli asili nido. Tale saldo ammonta a circa 12 milioni di euro.

“Il quadro è, senza alcuna esagerazione, drammatico con pesanti gli effetti sui soggetti deboli e questo è inaccettabile. Ecco perché è indispensabile che la nuova giunta regionale affronti e risolva l'annosa questione” - ha concluso Mangialardi.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-06-2015 alle 17:20 sul giornale del 27 giugno 2015 - 538 letture

In questo articolo si parla di maurizio mangialardi, politica, servizi sociali, Anci Marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/alb8


giusto Sindaco, ci ridiano quello che hanno tolto.
Interessi anche Volpini del PD, che ora è in regione, su questo argomento affinchè ripristini il budget originale

Adesso con Volpini il Comune sarà ricco. Credece




logoEV