II circolo PD di Senigallia: lettera aperta a Beatrice Brignone

partito democratico 26/06/2015 - Cara Beatrice, come dici “C'è sempre un momento esatto in cui capisci che una storia è finita”. Un semplice comunicato su Facebook per comunicare e condividere, forse ai tuoi solo “mi piace”, l'esigenza maturata di segnare un cambiamento, è stata una scelta difficilmente condivisibile.

Avremmo apprezzato che la tua decisione fosse stata condivisa anticipatamente innanzi ad un organismo del partito di cui hai fatto parte, anche solo per comunicare le tue motivazioni ed il tuo senso di disagio. Ci è dispiaciuto apprendere della tua presa di posizione dal telegiornale nazionale, specialmente dopo aver vissuto la sana “euforia” di sapere che un rappresentante politico della nostra città sarebbe andata a sedere sugli scranni più importanti del massimo collegio legislativo.

Dici che non sei cambiata e che ora rispondi alla tua coerenza, indissolubilmente legata alla parola data e di questo ne siamo convinti. Del resto abbiamo sempre saputo che si agitavano in te sentimenti contrastanti, ma li abbiamo sempre considerati una ricchezza da poter condividere nel dibattito interno, perché i valori di cui ti fai portatrice sono condivisi anche nel nostro partito.
Di questo fatto ne hai avuto un concreto riscontro, ci riferiamo alle tante persone perbene ed oneste, piene di sincera passione politica che ti hanno sostenuta: ti hanno appoggiato quando ti sei candidata a diventare segretario del partito, ti hanno sostenuto nella tua corsa al consiglio comunale, ti hanno sostenuta nella campagna alle primarie per il parlamento. Queste persone che tu stessa definisci perbene (e lo sono) si sono spese in parole, tempo e dedizione per aiutarti a raggiungere gli obiettivi che ti eri prefissata, credendo tuttavia nel progetto del partito democratico.

La coerenza con il tuo percorso politico suggerirebbe di interrogarsi se sia giusto o meno accettare quel posto in Parlamento raggiunto grazie ai voti ricevuti dagli elettori del partito democratico, se forse quel seggio, nella aspettativa degli elettori, se lo meriti di più un candidato che continuerà a sostenere il partito democratico.
Da un punto di vista umano, che è altro da quello politico, ci rendiamo conto che l'opportunità che ti si presenta è irripetibile e fortemente qualificante, per questo ti chiediamo, qualora dovessi accettare il ruolo di parlamentare, di marcare il tuo voto con senso di responsabilità, nei confronti del tuo territorio, del paese e soprattutto nei confronti di coloro che inconsapevolmente (in un contesto di liste bloccate) ti hanno eletto a loro rappresentante.

Se lo meritano certo quelle tante persone perbene che alle politiche hanno espresso il loro voto non certo per Civati ma per il Partito Democratico.

Il II circolo PD di Senigallia





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-06-2015 alle 17:30 sul giornale del 27 giugno 2015 - 773 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/alcc


Apparato vs Apparato

I cittadini?