Prima riunione di Giunta: Mangialardi, 'Ci siamo confrontati sul nuovo programma del mandato'

maurizio mangialardi 25/06/2015 - Prima riunione di Giunta che ha aperto ufficialmente il secondo mandato del sindaco Mangialardi. Ieri mattina alle otto in punto i sette assessori che compongono il nuovo esecutivo si sono ritrovati nella sala Giunta del Palazzo Municipale insieme al rieletto sindaco.

Un clima di allegria e soddisfazione generale (aleggia ancora nell’aria la festa per una vittoria al primo turno che alla vigilia del 31 maggio sembrava un’impresa quasi impossibile) ha animato il primo scambio di saluto fra i neo assessori. A fare gli onori di casa il sindaco Maurizio Mangialardi, in tenuta casual, con jeans e camicia bianca ma con la giacca blu sempre a portata di mano. Stavolta non ci sono stati fiori (“l’omaggio floreale c’è stato in Consiglio Comunale lunedì sera”, scherza Mangialardi) ma un abbraccio affettuoso del primo cittadino alle tre donne che compongono la Giunta. In grande spolvero infatti si sono presentate le tre “nominate”, tutte targate Pd.

Sobrie ma eleganti in pantaloni le due insegnanti Ilaria Ramazzotti (con delega allo sviluppo sostenibile, frazioni e rifiuti) e Simonetta Bucari (con deleghe all’istruzione e cultura), che dai banchi del Consiglio Comunale della passata legislatura, approdano a quelli della Giunta. Dal tocco colorato e allegro, con una mise floreale, invece la giovanissima Chantal Bomprezzi, presa tra le file dei Giovani Democratici, ma con un curriculum già “istituzionale”. Con i suoi 24 anni infatti la Bomprezzi è stata l’eletta più giovane. Laureata in Giurisprudenza, attualmente è tirocinante di un magistrato alla Corte di Appello di Ancona. A lei Mangialardi ha deciso di affidare le deleghe a progetti europei, innovazione tecnologica e agenda digitale, politiche del benessere e del tempo libero e l’innovativa “trasparenza”.

Emozione palpabile anche per i due veterani della politica ma comunque neo assessori Enzo Monachesi (con deleghe ai lavori pubblici e mobilità), presidente uscente del Consiglio Comunale, e Carlo Girolametti, ginecologo, chiamato a raccogliere l’eredità amministrativo della sanità e servizi alla persona di Fabrizio Volpini. Abbronzatissimo e sorridente anche il braccio destro del sindaco, e dunque suo vice, Maurizio Memè. Per lui è arrivata la delega all’urbanistica. E’ il decano degli assessori invece Gennaro Campanile, in Amministrazione fin dal primo mandato della Angeloni, cui è toccata la “bega” del bilancio.

“La prima riunione di giunta è andata benissimo –riferisce il sindaco Maurizio Mangialardi- ovviamente come prima seduta è stata anche di rodaggio e di benvenuto per i nuovi assessori. Abbiamo parlato del programma di mandato e delle priorità che ci siamo dati da mettere in campo in questi primi cento giorni di inizio legislatura. Penso al completamento di lavori di Ponte Perilli, che abbiamo riaperto e per cui stiamo ultimando alcuni dettagli, penso all’avvio del progetto di riqualificazione degli Orti del Vescovo, partiti da piazza del Duca, e penso anche all’impegno prioritario che mi sono assunto nel vigilare e sollecitare affinchè la Regione proceda con l’appalto dei lavori per la realizzazione delle vasche di espansione lungo il Misa, e al completamento della seconda bretella della complanare che finalmente sbloccherà alcuni raccordi fermi con la viabilità cittadina”. Dopo la prima riunione di ieri, la Giunta si darà appuntamento ogni martedì mattina alle 8.





Questo è un articolo pubblicato il 25-06-2015 alle 23:50 sul giornale del 26 giugno 2015 - 585 letture

In questo articolo si parla di lavoro, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ak0y


N.H.m.u.

26 giugno, 14:47
Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV