Around Made in Italy: da tutto il mondo per vedere dove nasce l'eccellenza artigianale di Bigelli Marmi

23/06/2015 - Around Made in Italy, più che un evento, un’Esperienza che Bigelli Marmi, azienda marchigiana che trasforma marmi e pietre in soluzioni abitative di eccellenza, ha offerto ad un selezionato numero di clienti di altissimo profilo, provenienti da tutto il mondo.

Tre giorni, da venerdì 19 a domenica 21 giugno, che hanno coinvolto architetti, designer, contractor provenienti da Montecarlo, Francia, Inghilterra, Russia, Azerbaijan, Kazhakistan e Ucraina, Dubai, Qatar, ospiti a Senigallia, sede dell’azienda, durante i quali hanno avuto la possibilità di vivere personalmente la nascita del Made in Italy, in un ambito di particolare esclusività: perché Made in Italy non è solo un’indicazione di provenienza ma un sistema di valori unico e non riproducibile altrove.

Abbiamo promosso questo evento per far conoscere il nostro modello imprenditoriale, le cui fondamenta rimangono saldamente ancorate agli elementi distintivi che identificano e posizionano il Made in Italy secondo i canoni dell’azienda Bigelli: ricerca della massima qualità delle materie prime, eccellenza dell’artigianalità e della manualità, un servizio completo, dalla produzione fino alla posa in opera dei materiali scelti, che seguiamo in ogni parte del mondo, esclusivamente con le nostre maestranze. Siamo in grado di esportare le sapienti capacità artigianali del territorio marchigiano ovunque sia richiesta professionalità ed unicità attraverso risultati irripetibili”.
Ha dichiarato il fondatore dell’azienda Dino Bigelli, che da sempre ricerca i marmi migliori al mondo, nei loro luoghi d’origine, selezionando personalmente ogni singolo blocco grezzo.

Giornata clou, sabato 20 giugno con un programma che ha visto gli ospiti vivere direttamente l’azienda, dove architetti e designer hanno potuto assistere alle varie fasi delle lavorazioni del marmo: la lucidatura, la levigatura, la fiammatura, la bocciardatura, la rigatura, la sabbiatura, la spazzolatura e scoprire come, attraverso sofisticate macchine a controllo numerico, sia possibile ottenere concavità, convessità, curve irregolari e sagomature di varia natura.

Gli ospiti stranieri sono stati salutati dal neo presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, che ha scelto questo evento per la sua prima visita ufficiale a Senigallia.

“Ho scelto un’azienda che rappresenta le Marche in tutto il mondo e che esporta la nostra eccellenza artigiana e con essa un intero territorio. Questo è il “Modello Marche” che funziona e che vogliamo far crescere come trend internazionale per rappresentare la qualità e il valore del “Made in Italy” nel mondo. Ho toccato con mano la qualità delle lavorazioni di questa azienda e la prossima volta quando sarò all’estero e vedrò un’opera di marmo mi chiederò se sia stata fatta da Bigelli”.

Ha dichiarato Ceriscioli accolto con grande entusiasmo dall’azienda e da tutti gli ospiti.

Presenti anche il Sindaco di Senigallia, Maurizio Mangialardi che ha evidenziato la capacità di un'azienda, radicata sul territorio, di competere a livello globale, grazie alla qualità dei suoi progetti e alla perizia tecnica e artigianale delle sue maestranze e di un team competente.

Il console onorario russo Armando Ginesi, con Renato Barchiesi, coordinatore della segreteria consolare, ha sottolineato con la sua presenza a Senigallia accanto all’azienda Bigelli, la solidità delle relazioni commerciali italo-russo, dove gli intenti portino risultati di successo e di massima soddisfazione per i partner coinvolti.

La qualità di Bigelli Marmi si distingue nel mondo, perché è il frutto di un sistema produttivo basato sulla tradizione, sulla storicità di lavorazioni artigianali e sulla più moderna avanguardia tecnologica, concepite esclusivamente nelle Marche, presso la nostra sede. Scelte che rispettiamo da sempre, perché ogni progetto possa vantare l’eccellenza dei marmi e delle pietre, l’esperienza di oltre 50 anni di attività, l’esclusività della produzione artigianale Made in Italy”.
Questo ha voluto sottolineare a chiusura della visita, il vicepresidente Luigi Bigelli.

Senigallia è la nostra terra, è il luogo dove è nata la nostra passione per i marmi. Siamo fedeli alla nostra identità, alla nostra cultura e al nostro territorio d’origine perché questi sono i valori fondamentali della nostra eccellenza: cura del dettaglio, passione per il bello e gratificazione dei talenti che sanno dare vita a manufatti apprezzati ci fanno apprezzare in tutto il mondo.


NOTE INFORMATIVE

Era il 1959 quando Dino Bigelli, nemmeno ventenne, fondava la sua azienda a Senigallia, in una terra che aveva già una lunga storia di rapporti con la pietra. Tra il 600 e il 700 arrivavano a Senigallia, dall’Istria, i blocchi di pietra Orsera impiegati per la costruzione dei monumentali Portici Ercolani dove si svolgeva, ogni anno, “la Fiera Franca”, perché qui si scambiavano merci provenienti da tutto il Mediterraneo senza pagare dazi doganali. Dino Bigelli ha fondato la sua impresa “partendo dal niente”, come ama affermare a ragione. Un’impresa che ha dimostrato negli anni una grande capacità di attenzione all’evoluzione dei mercati, del gusto, degli stili di vita, e che ha saputo tener fermo il proprio core business: la trasformazione artigianale del marmo in soluzioni che interpretano la personalità e il gusto di ogni singolo committente.

Bigelli Marmi, oggi, è più di un brand, è il simbolo della devozione di Dino Bigelli e di suo figlio Luigi per i più alti standard di artigianalità, qualità e design.
Mentre l’azienda continua a crescere, l’approccio di fondo rimane lo stesso: Dino Bigelli ricerca i marmi migliori al mondo, nei loro luoghi di origine, selezionando personalmente ogni singolo blocco grezzo.
In tutte le fasi produttive Bigelli Marmi coniuga le lavorazioni più artigianali e tradizionali con la tecnologia più avanzata, con un unico e preciso scopo: la ricerca della qualità più autentica e della perfezione assoluta.
Tutte le fasi produttive dal taglio del blocco in lastre, alle lavorazioni artigianali, alla messa in prova in azienda di ogni progetto fino alla posa in opera, in qualsiasi parte del mondo, vengono effettuate esclusivamente con le proprie maestranze.

Bigelli Marmi collabora con designer, architetti e contractor in tutto il mondo avvalendosi di una rete di agenti che collega la casa madre italiana ad ogni richiesta proveniente dai 5 continenti.
Il canone di internazionalità di Bigelli Marmi consente di avere un quadro sempre aggiornato delle normative, delle pratiche burocratiche e delle criticità specifiche di ogni zona del mondo.
Una padronanza delle diverse realtà territoriali che rende l'azienda più efficiente e puntuale in ogni progetto.


Bigelli Marmi in sintesi:
PRESIDENTE: DINO BIGELLI (fondatore)
VICEPRESIDENTE: LUIGI BIGELLI
ANNO DI FONDAZIONE: 1959
ATTIVITÀ: edilizia - realizzazione di opere in marmo e pietra di grande pregio architettonico e di alto contenuto di design.
SETTORI: residenziale, pubblico, nautico, hotel, spa, retail
MERCATI PRINCIPALI: Europa, Russia, Montecarlo, Azerbaijan, Kazhakistan, Doha, Dubai, Qatar, Montenegro e Ucraina
DIPENDENTI: N. 90
FATTURATO 2014: oltre 11 milioni di euro (+10% rispetto al 2013)
STABILIMENTO: 10.000 mq su un’area produttiva di 30.000 mq
SHOW ROOM AZIENDALE: 1.000 mq

COLLABORAZIONI: Progettisti, architetti e designer fra i migliori al mondo, tra cui: Karim Rashid, Toshyuki Kita, Franco Poli, Luigi Caccia Dominioni, Nigel Coates, Ron Arad, Enrico Tonucci, Boris Podreca, Toni Cordero.







Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 23-06-2015 alle 11:44 sul giornale del 24 giugno 2015 - 6684 letture

In questo articolo si parla di economia, pubbliredazionale e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ak32

Leggi gli altri articoli della rubrica pubbliredazionale





logoEV