Pronta la nuova giunta del Mangialardi bis. Ecco i nomi

Maurizio Mangialardi 20/06/2015 - Il sindaco ufficializzerà la compagine di governo che lo affiancherà nei prossimi cinque anni lunedì in Consiglio comunale ma in anteprima ecco la rosa dei sette.

Com già più volte annunciato, la squadra sarà formata da quattro uomini e tre donne.

Le quote rosa sono rappresentate da Simonetta Bucari, cui andranno le deleghe alla cultura e pubblica istruzione, Chantal Bomprezzi alle politiche europee, Ilaria Ramazzotti alle pari opportunità e attività economiche.

La giunta vede riconfermati Gennaro Campanile, cui va il bilancio, e Maurizio Memè, con l'urbanistica e la delega a vice sindaco, con l'aggiunta di Carlo Girolametti alla sanità e servizi alla persona e Enzo Monachesi ai lavori pubblici.

Il sindaco terrà per sè oltre al personale, Municipale, affari istituzionali anche i turismi.

A Presidente del Consiglio Comunale sarà Dario Romano.

Tutti e sette gli assessori sono consiglieri comunali, quindi a loro subentreranno i primi dei non eletti.
PD: Mauro Pierfederici, Luana Pedroni, Maurizio Salustri e Sandro Urbinati
Vivi Senigallia: Mauro Bedini
La Città Futura: Nausicaa Fileri
Obiettivo COmune: Vilma Profili

L'intero consiglio comunale è visibile qui.







Questo è un articolo pubblicato il 20-06-2015 alle 23:00 sul giornale del 22 giugno 2015 - 8178 letture

In questo articolo si parla di maurizio mangialardi, giulia mancinelli, politica, gennaro campanile, ilaria ramazzotti, senigallia, enzo monachesi, partito democratico, Carlo Girolametti, Simonetta Bucari, maurizio memè, giunta mangialardi, articolo, Chantal Bomprezzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/akXT


Mauro Pierfederici lo vedrei all'Assessorato Cultura e organizzatore di eventi, degno erede del Prof. Stefano Schiavoni.
Ha un curriculum di lunga data come attore, regista e commediografo,
da fare invidia ad un Ministro dei Beni Culturali.
Leonardo Maria Conti

Luigi Alberto Weiss

21 giugno, 09:36
Le competenze o sarebbe meglio dire la professionalità non contano mai in queste vicende, dove invece valgono il peso elettorale, le relazioni con le lobby, la incondizionata fedeltà al volere del capo. La città? Se c'è tempo.

I criteri seguiti nella spartizione delle poltrone sono stati tre:
- Apparato.
- Benefici interni al Partito.
- Mantenimento relazioni con Diocesi e corpi sociali.

Quali competenze?

FB

21 giugno, 20:50
Ovviamente tutti in fervida attesa di vedere pubblicati i curricula dei neo assessori, ma anche di quelli riconfermati e magari pure promossi in uffici tecnici di una complessità tale che senza dubbio devono aver acquisito titoli inconfutabili notte tempo.
Temo che il commento di TarsiG sia l'epitaffio di un'amministrazione neonata.

ghost Utente Vip

21 giugno, 21:34
Concordo in pieno con il sig. Leonardo Maria Conti. Mauro sarebbe un perfetto assessore alla cultura.
E, se fossi in lui, farei un pensierino anche alle prossime elezioni ...

Di persone competenti ce ne sarebbero tante in città ma tutto ciò non rientra nei tre criteri guida che ho citato. Niente a che vedere con questa giunta. Salvini mandi la ruspa please. ;)

N.H.m.u.

22 giugno, 21:13
Commento sconsigliato, leggilo comunque