Ostra: Storoni dopo il Consiglio Comunale, 'Nessun bambino rimarrà orfano di uno spazio di gioco'

andrea storoni 16/06/2015 - Nella seduta di Consiglio Comunale di lunedì (15/06/2015) ufficialmente la città si è liberata dai tentacoli della disinformazione e dall’abisso della speculazione di quanti vedevano in ballottaggio per l’area ex Campo Boario i camper contro i bambini.

Per rilanciare, visto che il punto all’ordine del giorno era stato promosso dal gruppo di minoranza, il gruppo di maggioranza ha proposto di operare una ricostruzione radicale del rapporto con la città e il Consiglio intero con un atto condiviso che avrebbe impegnato il Sindaco e la Giunta ad affrontare in sequenza prima la realizzazione del parco urbano e a seguire l’area di sosta camper, come da sempre nelle intenzioni dell’Amministrazione.

Nessun bambino rimarrà orfano di uno spazio di gioco, come invece il gruppo di minoranza sostiene. Qualcosa che prima c'era e dava risposta a bisogni reali, cioè la parte pavimentata dell’area adiacente ai giardini N. Green domani sarà potenziata e messa in sicurezza presso l’area oggi campo sportivo. Il punto che ci teniamo a sottolineare è che occorre dare concretezza ad un patto con i cittadini per pianificare il futuro dei nostri bambini, impegnandoci nero su bianco a percorrere una via sicuramente impegnativa e non senza ostacoli, ma serve coraggio per percorrere delle vie che vanno oltre l’orizzonte dei nostri occhi.

Era per noi un’urgenza condividere in sede di consiglio, per tendere la mano, ma la sfida non è stata raccolta dal gruppo Progetto Ostra. Scendere dalla convinzione che si erano precostituiti per condividere un progetto forte di riscossa e rinascita non se la sono sentiti, nonostante la possibilità di valutare altre aree per la sosta dei camper.

Noi l’impegno con i cittadini ce lo siamo comunque preso. Nessun bambino resterà senza l’area in cui giocare.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-06-2015 alle 14:49 sul giornale del 17 giugno 2015 - 790 letture

In questo articolo si parla di politica, ostra, andrea storoni, lista civica Vivere Ostra

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/akMc


PROGETTO OSTRA

17 giugno, 09:01
Comprendiamo che il Sindaco possa essere ancora convinto della bontà del progetto dell’area camper nella zona “ex Campo Boario” ed essere felice per il voto favorevole ottenuto dalla sola maggioranza, ma non si può certo affermare che “la città si sia liberata dai tentacoli della disinformazione” riproponendo di operare una “ricostruzione radicale del rapporto con la città ed il Consiglio intero”. rnChi è stato al Consiglio comunale ha verificato che è avvenuto l’esatto contrario. rnUn Consiglio comunale, al contrario di quanto abitualmente accade, con una grande partecipazione di cittadini (tanto che in molti non hanno trovato posto e sono dovuti restare nella adiacente Sala Grande) e che, forse perché poco avvezzi alle regole e formalità, hanno più volte interrotto contestando gli interventi del Sindaco Storoni, del Vicesindaco Mansanta, dell’Assessore Franceschini e l’ultima dichiarazione di voto letta dal capogruppo Avaltroni.rnLa minoranza ha mostrato alcune criticità concrete e specifiche del progetto ed ha evidenziato anche delle possibili soluzioni, chiedendo che venisse revocata la delibera N° 50 del progetto che prevede la realizzazione dell’area attrezzata camper nella zona “Ex Campo Boario”, riformulando un progetto alternativo. rnE’ stato inoltre ricordato che c’è anche una petizione popolare spontanea con una raccolta di firme, a quanto ci risulta a breve ne saranno consegna alcune centinaia, anche su questo non si è voluto dare ascolto alla popolazione ma si è inteso procede imperterriti sulla strada intrapresa, convinti che sia quella più giusta (il commento del Sindaco è che l’Amministrazione non ha avuto un atteggiamento ostativo verso tale raccolta di firme, come se questa fosse già questa concessione democratica !!!)rnPalese infine è stato l’imbarazzo che trapelava dai volti di tutti i componenti della maggioranza allorquando il pubblico ha accompagnato con un fragoroso quanto ironico applauso la decisione presa dalla maggioranza di respingere il punto all’ordine del giorno promosso dalla minoranza.

Ostra è orfana di un sindaco competente dai tempi di Morganti.




logoEV