Castelleone di Suasa: riprendono i lavori per l'apertura della Domus Repubblicana

29/05/2015 - Con grande soddisfazione l’Amministrazione Comunale di Castelleone di Suasa informa che la prossima settimana, salvo imprevisti dell’ultimo minuto, riprenderanno i lavori di musealizzazione della Domus Repubblicana presso l’area Archeologica della Città Romana di Suasa.

I lavori erano stati sospesi a seguito del crollo della tettoia, causa neve, nel febbraio 2012, con conseguente controversia legale conclusa con un atto transativo il 22 Aprile u.s. Dopo oltre tre anni di chiusura totale al pubblico della contigua Domus Imperiale, entro l’estate si renderà nuovamente fruibile l’intera area archeologica con l’ampliamento che interessa proprio la Domus Repubblicana oggetto dei lavori.

Il progetto di musealizzazione prevede una consistente variante rispetto a quello iniziale che riguardava solo le opere necessarie alla fruizione dell’area, in quanto attualmente la principale preoccupazione è quella invece di proteggere i reperti archeologici con una nuova tettoia e conseguentemente di rendere l’area visitabile. La nuova tettoia verrà co-finanziata con un contributo della Regione Marche inserito nella Legge Finanziaria 2015 su iniziativa del Consigliere Giovanni Zinni.

Un ringraziamento a tutto il Consiglio Regionale uscente per la sensibilità dimostrata nei confronti del Parco Archeologico di Suasa Senonum, uno dei 7 parchi archeologici di istituzione regionale, un’area ricca di reperti di straordinaria ricchezza e valore storico-archeologico che, se adeguatamente valorizzata, potrà diventare un polo di attrazione turistica della nostra meravigliosa regione.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-05-2015 alle 07:12 sul giornale del 30 maggio 2015 - 655 letture

In questo articolo si parla di castelleone di suasa, attualità, comune di castelleone di suasa, area archeologica suasa, domus repubblicana

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aj50


Luigi Alberto Weiss

31 maggio, 09:44
Speriamo che poi l'apertura al pubblico sia nei periodi più produttivi, come la primavera e l'autunno, lasciando perdere l'estate e l'idea che il turista stravaccato sulla spiaggia senigalliese si metta in macchina per visitarli (manco se diluvia: è provato).