Obiettivo Comune si esprime sulla sanità: "necessari criteri trasparenti e omogenei"

obiettivo comune 29/05/2015 - Le “linee di indirizzo in materia sanitaria” anno 2014 (accordo tra regione Marche ed Organizzazioni Sindacali della Dirigenza Medica, Veterinaria e Sanitaria) approvate da quasi tutte le OOSS ad Ancona in data 9 gennaio 2013 (AAROI-EMAC, ANPO, CGIL MEDICI, CIMO-ASMD, FASSID, FESMED, FVM, UIL MEDICI, AUPI, SINAFO ), con la grande assente ANAAO (ma guarda un po’ …), prevedevano una serie di criteri che dovevano essere seguiti e/o applicati entro la fine del 2014.

La recente Determina del Direttore Generale ASUR n. 350 del 14 Maggio 2015 (che fretta c’è sotto elezioni? “A pensar male…” diceva qualcuno!) sembra contravvenire alcune dei criteri auspicati. Ne analizzeremo solo alcuni, per necessità di sintesi. “In merito alla definizione delle funzioni (strutture semplici e complesse) questa deve avere”, cita il documento inizialmente menzionato (concordato con le OO.SS.), “caratteristiche OMOGENEE (nelle rispettive Aree Vaste, n.d.r.) e criteri trasparenti di assegnazione e valorizzazione”. Ma se questo è vero come mai, ad esempio, per la rete clinica di Ortopedia e Traumatologia in Av2, sono state assegnate 3 UOS a Jesi , 2 a Fabriano e 0 (zero!) a Senigallia.

Dov’è in questo caso il criterio omogeneo di attribuzione? Perchè per la UOC di Gastroenterologia di Senigallia, una delle peculiarità positive del nostro Ospedale, ed unica in AV2, non è prevista almeno una UOS che ne “valorizzi le professionalità” (altro criterio citato nel documento di cui sopra) al suo interno Come mai la UOC di ORL inizialmente “assegnata” a Senigallia, al momento resta ancora NON assegnata? E come mai non è stato bandito ancora un concorso per Direttore (Primario), ma esistano a tutt’oggi, e da numerosissimi anni, due “facenti funzione” (Jesi e Senigallia) con tutti i relativi costi anche per noi contribuenti ?

Sempre analizzando il documento citato all’inizio lo stesso afferma “In particolare poi vanno confermate le strutture complesse di radiologia in ogni ex ospedale di rete e nell'Azienda Marche Nord". Ma se questo era la proposta “unitaria” ci chiediamo, appellandoci ai “criteri trasparenti di assegnazione e valorizzazione”, qual è la ragione per cui la Radiologia di Senigallia non sarà più una UOC ma una UOSD (o UOS), considerando, tra l’altro, che la diagnostica per immagini, specialmente negli ex ospedali di rete (come ad esempio Senigallia!), resta comunque un attività fondamentale e di supporto a tutti gli altri reparti?

Obiettivo Comune auspica, pertanto, che la nuova giunta regionale del dopo Spacca, abbandonata la visione eccessivamente Fabrianocentrica e Jesicentrica, sotto alcuni aspetti, in accordo con gli uffici preposti, con le OOSS, con le amministrazioni comunali e con gli stessi cittadini (cittadinanza partecipata) riveda secondo criteri trasparenti ed omogenei la recente proposta di ratifica (350) che segue alle più note DGRM 1345 e 1219 Noi di Obiettivo Comune, quando eletti, ci impegneremo affinchè nel nostro Ospedale vengano applicati, come agli altri, né più né meno, criteri trasparenti ed OMOGENEI di assegnazione delle strutture complesse (reparti) e che a questa riorgnizzazione segua, nel più breve tempo possibile, l’immediato adeguamento dell’organico sanitario, che ci permetta finalmente di avere un ospedale a norma!


da Lista civica Obiettivo Comune
Mangialardi Sindaco




Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 29-05-2015 alle 10:34 sul giornale del 29 maggio 2015 - 354 letture

In questo articolo si parla di politica, Lista civica Obiettivo Comune, obiettivo comune, spazio elettorale autogestito

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aj8d