A rischio l'apertura dei Bora Bora e del ristorante l'Ancora per troppa burocrazia

bora bora senigallia 27/05/2015 - Lo storico stabilimento balneare “Bora Bora”, una delle spiagge più attraenti e rinomate del nostro lungomare, anche e soprattutto per la possibilità dei clienti di cenare e intrattenersi nella parte esterna del Ristorante adiacente "L'Ancora", rischia di non potersi presentare per la prossima estate con la sua elegante e apprezzatissima area ai turisti.

Per otto anni lo stabilimento balneare “Bora Bora” è stato gestito da terzi che hanno avuto la possibilità di fatto di utilizzare l’area con vasche idromassaggio, piscina e tavolato di legno. Il tutto nel silenzio costante dell’Amministrazione comunale. Quest’anno la struttura è tornata ad essere gestita dai proprietari che, immediatamente, hanno giustamente voluto presentare la richiesta di autorizzazione per agire nel pieno rispetto della legalità.
Il risultato?

Invece di aiutare gli imprenditori che vogliono rispettare la legalità e si danno da fare per rendere accogliente e attrattivo il nostro lungomare, siamo stati oggetto di immediati sopralluoghi con intimazione a smontare tutta la struttura.
Delle autorizzazioni, pur concesse in altri casi, nemmeno l’ombra.

È questo il trattamento riservato a chi decide, anziché operare in modo abusivo, di rivolgersi alla pubblica amministrazione nel rispetto delle regole? Questo è l’atteggiamento di chi dichiara di essere vicino agli imprenditori? La proprietà dello stabilimento balneare "Bora Bora", che oggi rischia di riaprire non solo senza determinati servizi ma creando disagi alla propria clientela, rivendica il diritto di operare alla luce del sole senza per questo essere penalizzata.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-05-2015 alle 13:12 sul giornale del 28 maggio 2015 - 7455 letture

In questo articolo si parla di attualità, pubbliredazionale, Bora Bora, l'Ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aj1I


Speriamo che la Bora ci porti via tra quattro giorni un Sindaco,
e una nuova Bora ce ne porti uno nuovo.

La spiaggia non è uguale per tutti

Le norme vanno o non vanno rispettate? I controlli vanno o non vanno effettuati? Questo è il problema di sempre. Ci sono figli e figliastri. Di cosa ci si stupisce? E' prassi comune dei soliti furbetti del quartierino. Chi poi rispetta le norme è un fesso! Ma siamo proprio sicuri che i proprietari non fossero a conoscenza della mancanza delle autorizzazioni?

Siamo in Italia......questo basta per rispondere a tutti gli interrgoativi.
Paese tracollato nell'oblio grazie ad amministrazioni di Sinistra.
La Sinistra è la rovina del Mondo.

Questo articolo comprova quanto come Movimento 5 Stelle abbiamo appreso parlando con i commercianti del lungomare. Chi tenta di fare valere i propri diritti e chi tenta di fare le cose secondo parametri oggettivi viene penalizzato.
L'Amministrazione di Senigallia non ha nemmeno un progetto di sviluppo turistico, viaggia alla cieca.
Ho realizzato un video proprio questa settimana sul turismo a Senigallia. Lo sviluppo è possibile, operando insieme con tutti gli addetti ai lavori e con un'Amministrazione nuova, non incistata in un sistema che di fatto la paralizza.

Riccardo Urbani
Candidato Consigliere alla Regione Marche
Movimento 5 Stelle

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Invece di "presentare la richiesta di autorizzazione per agire nel pieno rispetto della legalità" direi di smontare giustamente e velocemente tutto quello che altri competitor non hanno potuto costruire seguendo le regole, e chiedere scusa per averlo usato per anni ILLEGALMENTE e ringraziare il signore che non siano mai avvenuti incidenti nella struttura!

Luigi Alberto Weiss

28 maggio, 10:05
E questa è la città della legalità? Questa è l'Amministrazione comunale che ha acquistato la borsa usata per la "mazzetta" a Mario Chiesa e l'avvio di Mani Pulite?
OTTO ANNI di silenzio sono tantissimi. Nessuno ha visto: vigili urbani, tecnici comunali, personale dell'Ufficio locale marittimo. Eppure la zona da sempre è ben frequentata...

Egidio Cardinale

28 maggio, 10:23
Questo è il sistema PD, questo il sistema messo in piedi da queste amministrazioni. Ribellatevi: votate il 31 Maggio e fate votare per il cambiamento!rnSenigallia Bene Comune e Giorgio Sartini Sindaco si stanno battendo contro queste cose anche denunce pubbliche ed esposti. Guardate il nostro programma! http://www.senigalliabenecomune.it/

La burocrazia sta affossando questa città. Altro che la città di tutti, inclusiva, accogliente e sicura come sostiene con enfasi il sindaco uscente. E' una città ingessata e senza prospettive. Ora è arrivato il momento di cambiare perché ciò è possibile.

speedtriple

28 maggio, 16:12
Io mi domando come vi viene in mente di investire a Senigallia!..la città del NO non si può fare!

Non sono in grado di giudicare se per anni il Bora Bora ha goduto di privilegi che altri stabilimenti balneari neanche se li sognano; qualcuno me lo faccia sapere (documentalmente); quello che è certo il Bora Bora ha fatto quello che a nessun'altro è stato possibile e se ora si lamentano ci facciano sapere cosa viene chiesto loro per mettersi in regola e quali sono le regole che oggi non sarebbero rispettate.-

Non sono in grado di giudicare se per anni il Bora Bora ha goduto di privilegi che altri stabilimenti balneari neanche se li sognano; qualcuno me lo faccia sapere (documentalmente); quello che è certo il Bora Bora ha fatto quello che a nessun'altro è stato possibile e se ora si lamentano ci facciano sapere cosa viene chiesto loro per mettersi in regola e quali sono le regole che oggi non sarebbero rispettate.-