Simone Ceresoni: "Per una Regione trasparente"

26/05/2015 - Per una Amministrazione pubblica rendere pubblici i dati in proprio possesso, nei limiti imposti dalla legge, non è soltanto un dovere di trasparenza, ma anche un'opportunità per conoscere e far conoscere meglio il proprio territorio.

Un dato non va semplicemente conservato ma va diffuso, perché sia messo in relazione con altri dati e dunque generi nuove opportunità, anche economiche. Mi interessa che la Regione Marche abbia una strategia dell'apertura, tale da considerare i dati in proprio possesso delle vere e proprie risorse di "pubblica utilità". Penso che, fatte salve le limitazioni normative (per esempio legate alla privacy), debbano crearsi le condizioni perché tali dati siano raccolti in modo continuativo e diffusi in formati aperti e riutilizzabili (open data). Una strategia dell'apertura che non può non iniziare che dalla stessa attività politica regionale.

A Senigallia l'amministrazione comunale di cui ho fatto parte ha investito concretamente in trasparenza, dando vita al progetto "Open Municipio" (www.senigallia.openmunicipio.it ), mutuato dall'esperienza nazionale di "Open Parlamento" (www.openparlamento.it ). Penso sia necessario, utile ed anche strategico che approcci di questo tipo siano adottati su scala regionale. Simone Ceresoni – candidato al Consiglio Regionale con Altre Marche – Sinistra Unita http://www.ceresoni.it/





Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 26-05-2015 alle 14:52 sul giornale del 27 maggio 2015 - 499 letture

In questo articolo si parla di politica, La Città Futura, spazio elettorale autogestito

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ajXy


Luigi Alberto Weiss

27 maggio, 08:28
Ci sono una sessantina di consiglieri ed ex consiglieri regionali indagati per un uso disinvolto (pranzi familiari, libri erotici, sigarette, beneficenza ecc.) dei finanziamenti pubblici ai partiti. C'è anche un assessore indagato per truffa. Molti di questi sono candidati e appartengono a tutti i gruppi politici e liste personali. Di che stiamo parlando, caro boy scout? Per voi le cose si fanno sempre... dopo, ma poi ve ne dimenticate. Che sepolcri imbiancati!




logoEV