Dean Hajredini: "migranti che stazionano nei parcheggi: ecco una strada innovativa"

21/05/2015 - Credo sia arrivato il momento di affrontare in maniera seria, concreta e civile la questione dei ragazzi che stazionano nei parcheggi della città.

 Non credo assolutamente percorribile la strada dell'utilizzo delle forze dell'ordine per allontanarli. Bisogna sempre tenere presente che sono ragazzi in difficoltà economica e quindi sociale, per ciò non la si può liquidare come una mera questione di sicurezza. Occorre ragionare anche in un'ottica sociale.

Penso quindi si debba perseguire una strada innovativa che a mio modo di vedere potrà, a lungo andare, dare i suoi frutti. Non sono qui a proporre soluzioni. Non ancora. Intendo proporre una strada da percorrere. Molti cittadini vivono una percezione soggettiva di fastidio per essere raggiunti, con più o meno insistenza, da chi staziona nei parcheggi. Si tratta di una reazione soggettiva, quindi diversa da persona a persona.

Di fronte a temi così complessi prima della proposta credo ci debba essere sempre la conoscenza che in questo caso è, ad oggi, insufficiente. Per attingere ad una migliore conoscenza del fenomeno ritengo quanto mai opportuno il coinvolgimento delle associazioni cittadine che si occupano dei temi dell’integrazione e della multiculturalità. I volontari delle associazioni (in grado di accostarsi ai migranti senza suscitare paure o diffidenze) potrebbero essere coinvolti nella somministrazione di un questionario finalizzato ad avere informazioni precise sui cui risultati costruire proposte e progetti. Penso inoltre che i risultati di queste indagini debbano essere rese pubbliche in quanto solo la conoscenza dei fenomeni è in grado di sconfiggere pregiudizi e paure.

L'istituzione a Senigallia di un “Osservatorio dei diritti umani” e il potenziamento della Consulta degli immigrati saranno al centro di questo progetto. Attraverso l'istituzione dell'Osservatorio, in modo strutturato e non episodico, si acquisiranno le conoscenze a supporto delle politiche volte a garantirne il pieno rispetto. L’Osservatorio si configura come un centro di ricerca, di informazione, di analisi e di proposta volto a promuovere il costante rispetto di tali diritti e a sollecitare in tal senso tutti gli enti/organizzazioni che ne sono corresponsabili. La conoscenza acquisita attraverso l’attività dell’Osservatorio ispirerà l’azione dell'Amministrazione comunale.

di Dean Hajredini Candidato Consigliere Comunale





Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 21-05-2015 alle 09:44 sul giornale del 22 maggio 2015 - 1925 letture

In questo articolo si parla di politica, La Città Futura, spazio elettorale autogestito e piace a eneabartolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ajIq


Dean Hajredini: UNA PERSONA CREDIBILE E SENSIBILE

Mai letta tanta aria fritta in così poche righe

Melgaco facci sentire il tuo arrosto, con la tua faccia e magari con il tuo nome e cognome !

Luigi Alberto Weiss

22 maggio, 08:44
Un grande esempio di integrazione riuscita in pieno: sa padroneggiare il vuoto politichese meglio di un vecchio assessore. Prima o poi dirà che il problema si risolve eliminando... i parcheggi. Piuttosto chiarisca perchè in certe aree questi "rompi" ci sono al mattino e non nel pomeriggio oppure come si dividono gli orari di "presenza". Ma forse questo è un problema più adatto alle forze dell'ordine.

Concordo con melgaco, anche perché lui ha scritto "non sono qui a proporre soluzioni". E allora a cosa serve votarlo se un politico in campagna elettorale non propone delle soluzioni?
Inoltre, per concludere, ritengo bizzarro vedere nel simbolo di questo candidato, la falce e il martello che per per il suo popolo ha rappresentato decenni di repressione.

gasparinocarbonaro

22 maggio, 14:31
Visto che avete messo mano alla prostituzione con multe per i clienti perché non fate altrettanto con i clienti degli accattoni? In piazza del duomo, ma soprattutto all'ospedale ,un bel cartello: " Divieto di accattonaggio" Coloro che vengono sorpresi ad elargire o comprare qualcosa vengono multati per favoreggiamento. Faccio presente che l'accattonaggio è un reato la prostituzione no.

rudi g

22 maggio, 14:52
in effetti la presenza è un pò "pesante".rnA qualcuno potrebbero dare fastidio, mi rendo conto.rnA me personalmente non piu di tanto.rnmolto meglio loro di nomadi e mendicanti vari.rnCome si risolve la situazione? purtroppo solo con le forze dell'ordine, non vedo altre soluzioni.

Mah, a me non danno alcun fastidio.

Con uno, di origine nigeriane, ogni tanto scambio due parole.

Ovviamente esistono anche degli sporadici casi di comportamenti ossessivi e danni ai veicoli, ma sono casi sporadici.

Basta essere un può più gentili e tolleranti.

So che sono concetti difficili per il borghesuccio medio italiano che considera la propria scatoletta di lamiera come estensione della propria mascolinità.

Ma tant'è, si tratta solo di un oggetto, null'altro.

LUIGINO ROMAGNOLI

22 maggio, 18:32
Commento sconsigliato, leggilo comunque




logoEV