Mangialardi replica a Ciccioli sui fatti verificatisi durante il comizio di Salvini

maurizio mangialardi 20/05/2015 - Partiamo da un presupposto: all’ex onorevole Carlo Ciccioli non devo nulla e non gradisco i suoi toni imperativi quando si rivolge a me, a maggior ragione se nella veste di sindaco, perché in tale ruolo io rispondo esclusivamente ai cittadini di Senigallia.

Poi, è curioso che oggi Ciccioli mi chieda di prendere posizione come sindaco, quando i suoi amici Paradisi e Rebecchini, da giorni, chiedono l’intervento della Prefettura a ogni mia comunicazione su questioni amministrative ben più serie e importanti per Senigallia rispetto alle zuffe di piazza.

Giovedì ho prima salutato e augurato buon lavoro a tutti i rappresentati delle forze e poi me ne sono andato per altri impegni, non avendo alcun interesse per il comizio di Salvini. Per quanto mi riguarda, il segretario della Lega può parlare e tenere comizi ovunque, perché sono profondamente convinto che gli italiani, e in particolare i senigalliesi, abbiano gli anticorpi necessari per difendersi dai virus del razzismo e della xenofobia. Sono gli anticorpi democratici iscritti nella Costituzione repubblicana, che si concretizzano nell’impegno quotidiano in centinaia di associazioni di volontariato, dove a farla da padrone non sono l’odio e la violenza, ma i valori della solidarietà, della tolleranza, del dialogo e della libertà.

Non mi sfugge, però, il carattere provocatorio delle iniziative di Salvini, che oltre a soffiare sul fuoco delle divisioni, tenta spregiudicatamente di trarre vantaggio elettorale creando e strumentalizzando caos e confusione a danno della cittadinanza e delle attività economiche dei luoghi che visita.

Personalmente, trovo che sarebbe stato molto interessante ed educativo assistere al regolare svolgimento del comizio di Salvini per constatare che si trattava di un’adunanza di poche unità di persone in una piazza completamente vuota. Ma esiste anche un diritto alla protesta ed è giusto che venga garantito, a patto che si svolga rigorosamente nel rispetto della legge e dei cittadini.

Per questo ho voluto personalmente ringraziare le forze dell’ordine che hanno egregiamente svolto il loro lavoro e per questo, allo stesso tempo, non ho alcun bisogno di prendere le distanze da “Città Futura”, i cui esponenti non sono stati minimamente coinvolti negli incidenti. Tale accusa è frutto esclusivo delle fervida immaginazione di Ciccioli e Paradisi.

Infine, a Ciccioli che parla di “clima deprecabile da anni di piombo”, rispondo che durante quel drammatico periodo della storia italiana, io ero un semplice ragazzino che si apprestava alla politica in un partito che faceva della difesa della democrazia e della Costituzione la sua bussola politica e che a Senigallia rappresentava insieme alle forze laiche, cattoliche e progressiste un modello di buon governo della città. Chissà se Ciccioli vuole ricordarci da che parte stava lui all’epoca?


dal comitato Maurizio Mangialardi
Candidato a Sindaco



Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 20-05-2015 alle 15:17 sul giornale del 21 maggio 2015 - 1316 letture

In questo articolo si parla di maurizio mangialardi, politica, spazio elettorale autogestito

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ajGk


Egregio sindaco,
ognuno, in fase preelettorale, strumentalizza quello che vuole:

Chi le proteste dei centri sociali, chi il giro d'italia, chi la mille miglia, chi il'alluvione, chi il giardino del mamamia.

Purtroppo voi politici spesso strumentalizzate eventi di cui non avete nessun merito, è un difetto genetico, probabilmente.

E questo è ben peggio della nuda strumentalizzazione.

Lei ha citato "anticorpi costituzionali" e "politica in un partito che faceva della difesa della democrazia e della Costituzione".

Forse non si è accorto di essere iscritto ad un partito, il PD, che sta disintegrando la costituzione a forza di fiducia.

Mi spieghi, egregio, prescindendo dal fatto, abbastanza ovvio, che tale parlamento si poggia su di una legge incostituzionale, cosa c'è di democratico se il pd ha ottenuto circa 400 parlamentari con lo stesso numero di voti di M5S, che di parlamentari ne aveva, prima degli esodati causa soldi, 180.

Arguisco che il vosto, ovvero di voi politici del pd, senso democratico (che voi usate come marchio, tipo coca-cola) imponga che ogni voto dato al pd valga il doppio a quello dato ad un altro partito.

Se è cosi va bene.

Ma si sciacqui la bocca prima di parlare di costituzione e democrazia.

Per chi ne sa di storia, il pd attuale, quello in parlamento, è il partito che più si avvicina, per metodi e fini, al partito fascista di mussolini.

Ben più del MSI degli anni '70.

Si legga un libro, ogni tanto, invece di inneggiare alla democrazia senza sapere neanch di cosa parla.

Auguri.

Quando giudico molto negativamente le politiche di Ciccioli, Salvini e &, e sottoscrivo parola per parola la odierna presa di posizione del Sindaco Amico Mangialardi io mi firmo con a fianco la mia faccia, al contrario del sig. "csmelusin" che inneggia coprendosi il volto dietro i suoi chiari simboli elettorali.-Maurizio Tonini Bossi

Sindaco impeccabile.

Incredibile, anzi una vergogna che Marche 2020 e Rebecchini si alleino con leghisti ed estrema destra.

alino

21 maggio, 09:06
Commento sconsigliato, leggilo comunque

sig. mauriziotb anche lei compagno di sinistra che sventola bandiere in piazza e coalizzato nella vostra sinistra che ha portato l'Italia al tracollo, coalizzato come i jiadisti, come i mussulmani o i cinesi che anche di fronte a errori grossolani della vostra presunzione giustificate il tutto.rnl'Italia ha bisogno di qualcuno che faccia cambiare la situazione e che si cominci a far rimpatriare i nostri amati negroni che arrivano con smartphone e scarpe nike....altro che profughi............ma guardateli bene che li avete anche vicino casa se sono poveri, sprovveduti o indifesi.rnGrazie alla vostra mente malata avete portato l'Italia a picco e ancora parlate.rnQuelli dei centri sociali contro Salvini sarebbero da arrestare tutti e il Sindaco li difende. Bene votate ancora Questi pagliacci che evidentemente vi stà bene essere in tal situazione!rnBuona giornata compagni!

Oltre a condividere quanto scritto da csmelusin (per mauriziotb; non mi interessa chi sia ma quel che scrive) ma voglio farvi riflettere su questa frase:
"Personalmente, trovo che sarebbe stato molto interessante ed educativo assistere al regolare svolgimento del comizio di Salvini per constatare che si trattava di un’adunanza di poche unità di persone in una piazza completamente vuota".
Con questa frase è come se avesse praticamente condannato la manifestazione e confermato quanto ho scritto nei miei commenti in altri articoli..........Salvini e company avevano tutto il diritto di parlare così come chi voleva aveva il DIRITTO di ascoltare...questa è democrazia. La manifestazione fatta in quel momento del comizio è come avere dei disturbatori al cinema mentre si guarda il film, è mancanza di rispetto per chi assiste e di chi ha fatto il film.

Poi scrive :"Ma esiste anche un diritto alla protesta ed è giusto che venga garantito, a patto che si svolga rigorosamente nel rispetto della legge e dei cittadini."
Questo vale quando la protesta, diritto del cittadino ci mancherebbe altro, non va sopra ai diritti di altri cittadini....praticamente vale il detto LA TUA LIBERTA' O DIRITTO FINISCE DOVE INIZIA LA MIA.

Quindi Sindaco mi dispiace ma se non conosce queste elementari regole di democrazia e rispetto del prossimo direi che non va bene e non è nelle caratteristiche di base del primo cittadino di una città.

A disposizione

paolofiore

Visto che l'articolo l'ha scritto il Sindaco e spero che legga i commenti per riflettere, volevo anche segnalare che quando ci sono feste alla casetta dell'Arvultura dove possono andare chiunque e quindi anche minorenni, si distribuisce alcool senza controlli e si fuma di tutto all'interno dei locali.
Ora veda Lei se è normale una cosa del genere dove chi non fuma si deve respirare di tutto e dove forse il tabacco è foglia rara.

Tanto dovevo e garantisco la veridicità dell'informazione.

paolofiore

Luigi Alberto Weiss

21 maggio, 10:54
Il sindaco pro tempore di arrampica sugli specchi, abbandonandosi a un diluvio di luoohi comuni del politichese, per rivendicare una sua superiorità rispetto a tutti. Invoca la Costituzione e, come è stato osservato, dimentica quanto i suoi "superiori" stanno facendo in Parlamento proprio per demolire quella stessa Costituzione. Così come dimentica il passato, quando scendeva in piazza a difesa della Costituzione "attaccata" da Berlusconi e soci; a Senigallia c'era anche un apposito comitato di difesa, che tra i suoi componenti più attivi aveva anche una certa senatrice cittadina, già presidente della Regione. Adesso hanno cancellato tutto, salvo rispolverare il tutto per una presa di posizione rivolta più contro l'avversario politico per il Comune, che per i piazzaroli "amici".

P.S. - A paolofiore: lo stesso avveniva nelle ex colonie Enel, ma tutti tacevano e coprivano. Capisci a me!

caro maurizio, tu c'hai ragione! c'hai ragione davvero!

Mi spieghi però perchè quando ci fu un zuffa in piazza del duca qualche anno fa che vide avere la peggio il figlio di un vs. alleato (noto per innumerevoli atti in zona e fuori di stampo "rosso", nonchè "capo" del mezza canaja, il giorno dopo eravate tutti in piazza (lei, l'angeloni etc etc) a condannare l'atto?

Atto che non era che una scazzotta .. e nessuno chiese scusa quando si seppe che questi non era una tto fascista, visto che a casa delle persone non fu trovato nulla (tranne una persona di fabriano). quindi ...de co stamo a parlà???




logoEV