Spacca visita gli ospedali di Jesi e Senigallia: “Crescita dei presidi pur in una fase di grandi difficoltà”

19/05/2015 - “La passione e la professionalità degli operatori sono il cuore della riforma sanitaria e anche oggi ne ho avuto la conferma. Il potenziamento delle strutture e del parco tecnologico è stato prioritario in questi anni e i risultati si possono toccare con mano. Per continuare a investire in sanità, sociale e scuole, oggi è però necessario tornare a produrre reddito. È questo il centro del nostro programma di governo”.

Così Gian Mario Spacca, presidente della Regione uscente e candidato per Marche 2020 Area Popolare, Democrazia Cristiana e Forza Italia, visitando questa mattina gli ospedali di Jesi (accompagnato tra gli altri dal sindaco Massimo Bacci) e Senigallia.

Spacca ha incontrato gli operatori e verificato i progressi registrati dalle strutture grazie agli investimenti della Regione. “Pur in un momento difficilissimo per i bilanci regionali – dice – con tagli drammatici ai trasferimenti anche per la sanità e con normative che hanno stressato il personale, come l’obbligo di tornare ai livelli di dotazione organica del 2004 ridotti ulteriormente dell’1,4% la nostra sanità è cresciuta di livello e le esperienze di Jesi, il cui nuovo ospedale è stato inaugurato lo scorso anno, e Senigallia lo dimostrano. Il cuore della nostra riforma, per i presidi per acuti, è aumentare sicurezza e qualità e incrementare ulteriormente la professionalità, l'umanità e la tecnologia degli interventi.

Questo comporta la necessità di maggiori investimenti in tecnologia, possibili solo se c’è disponibilità di risorse. E’ per questo che le criticità del servizio sanitario, a fronte dei tagli indiscriminati del governo nazionale, si possono risolvere se le Marche ritornano a produrre risorse da destinare alla sanità e al socio sanitario. Il 31 maggio sarà dunque un referendum tra chi vuole la crescita che passa per la produzione del reddito e chi sostiene la decrescita felice”.

SCHEDA: LO STATO DELL’ARTE. I NUMERI DAL 2014 A OGGI

Jesi

Lo scorso anno è stato inaugurato il nuovo ospedale “Carlo Urbani”, dotato delle migliori tecnologie e di un sistema logistico funzionale che ne fa un modello sanitario di prim’ordine.

Potenziamento tecnologico: installate la risonanza magnetica, la diagnostica osteoarticolare, il nuovo sistema di monitoraggio Utic, allestimento tecnologico del Carlo Urbani, completamento degli arredi, i sistema di tomosintesi, sistema di monitoraggio medicina, completamento degli impianti, mammotome, mammografo, ecocardiografo, ecotomografo.

Nuove strutture edilizie completate: completamento del trasferimento unità operative, Rsa Cupramontana, Rsa Montecarotto.

Strutture edilizie in corso: Rsa Cupramontana, Rsa Montecarotto, Rsa Filottrano.

Nuove attività sanitarie attivate: lungodegenza Cingoli (aprile 2015), Rsa Montecarotto (settembre 2015), day surgery Jesi (settembre 2015)

Nuovi primari : U.O. Cardiologia, U.O. Chirurgia

Senigallia

Potenziamento tecnologico: installazione Tavolo Telecomandato Arcevia, adeguamento impianto osmosi U.O. Dialisi Senigallia, installazione diagnostica radiologica Pronto soccorso Senigallia (prossima installazione), Colonna laparoscopia 2D. In fase di acquisto e predisposizione atti di gara: ecotomografi ginecologia, ecocardiografo cardiologico, videogastroscopi e videocolonscopi, OCT, Yag laser, Isola neonatale, Letto travaglio parto, Piattaforma elettrochirurgica per isteroscopia, due lavastrumenti, risonanza magnetica 1,5 T, diagnostica radiologica Pronto soccorso Senigallia, Sistema di Tomosintesi su mammografo digitale.

Strutture edilizie in corso: adeguamento Chirurgia, sala parto neonatale, obitorio di Senigallia, obitorio di Arcevia, sala ecografica, nuova collocazione endoscopia digestiva-ex Chirurgia, spostamento odontostomatologia-ex locali endoscopia, installazione telecomandato Pronto soccorso, installazione RMN, adeguamento stanza lavaggio centrale sterilizzazione.

Assunzioni dirigenti medici 2015: U.O. Cardiologia; sostituzione Struttura complessa Medicina trasfusionale.


da Comitato elettorale Gian Mario Spacca





Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 19-05-2015 alle 18:46 sul giornale del 20 maggio 2015 - 1116 letture

In questo articolo si parla di politica, jesi, senigallia, gian mario spacca, spazio elettorale autogestito

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ajDA


FB

19 maggio, 20:25
E' di stamattina una singolare e un po' sconcertante visita del Governatore uscente (?) al nostro ospedale cittadino. Sconcerto non solo dovuto alla sospettabilissima tempistica elettorale, ma anche dalla compagnia del massimo dirigente della sanità locale.
Non so se sia più questione di bon ton o proprio di opportunità politica, considerata la crisi, presunta o reale, fra i vertici del PD regionale ed il proprio ex candidato alla guida della Regione, ma la passeggiata di stamattina ha avuto un chiaro sapore propagandistico e non istituzionale, con l'aggravante dell'assist offerto da quelli che dovrebbero essere espressione non di partito, ma della pubblica amministrazione del servizio sanitario. Non sapresi se sia prevalsa la spudoratezza o l'arroganza, ma sinceramente spero che l'effetto sortito sia l'esatto opposto di quello politicamente ed elettoralmente atteso...

Basta Spacca! Tutta propaganda e poltronissimo.

JollyRoger

20 maggio, 17:09
Ma è lo stesso Spacca sotto il cui governo l'ospedale di Jesi ha visto il massacro dei suoi posti letto ed a tutt'oggi è sottodimensionato rispetto alla quota pur già modesta di posti letto dovuta? E' lo stesso Spacca sotto il cui governo una risonanza magnetica alla schiena vi viene prenotata tranquillamente tra 13 mesi?rncome direbbe Totò: "Ma mi faccia il piacere..."

Spacca dovrebbe essersi già preoccupato del bassissimo livello di qualità della sanità regionale e delle lunghissime code di attesa per le prestazioni! Però non lo ha fatto ed ora chi lo crede più!




logoEV