Salvini, l'Arvoltura, Vivere Senigallia e la libertà di espressione

14/05/2015 - I fatti sono noti, Matteo Salvini ha annunciato la sua presenza a Senigallia per un comizio, il Centro Sociale Mezza Canaja ha immediatamente annunciato una contromanifestazione. È finita con una piazza piena di poliziotti e lanci di uova contro il leader lombardo.

Ieri Vivere Senigallia ha pubblicato un articolo dei centri sociali che stigmatizzava la figura di Salvini e la sua presenza a Senigallia, accusandolo in particolare per le sue posizioni sui migranti che arrivano in Europa tramite il Mediterraneo.

Immediatamente su Facebook si è scatenata una salva di commenti contro Vivere Senigallia accusata di prendere le parti dei centri sociali, di essere parziale, di aver pubblicato un comunicato antidemocratico e pieno d'odio.

È evidente che si tratta di persone che non conosco Vivere Senigallia e che non sanno che noi siamo semplicemente la vetrina dove tutti a Senigallia possono esprimere la propria opinione. Ma il tenore, davvero forte, di alcuni commenti mi ha spinto a chiedermi che differenza c'è tra chi non vuole che qualcuno faccia comizi in piazza perché istiga all'odio e chi non vuole che qualcuno scriva comunicati sui giornali online perché istiga all'odio?

La risposta, ovviamente, è: nessuna.

Ma allora come rispondere alla violenza, verbale o fisica che sia? Bisogna semplicemente lasciarli parlare ed urlare?
Io credo di no. Le posizioni cariche d'odio e prive di umanità vanno semplicemente confutate con le parole, argomentando. Vivere Senigallia vi offre uno strumento, semplice, forse banale: i commenti. Difendiamo la democrazia.





Questo è un editoriale pubblicato il 14-05-2015 alle 17:30 sul giornale del 15 maggio 2015 - 5165 letture

In questo articolo si parla di vivere senigallia, michele pinto, politica, lega nord, editoriale, matteo salvini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ajqS


Gent.mo Pinto,
se lei scrive "che differenza c'è tra chi non vuole che qualcuno faccia comizi in piazza perché istiga all'odio e chi non vuole che qualcuno scriva comunicati sui giornali online perché istiga all'odio?" ha un evidente preconcetto, anti-democratico, partigiano. Lei da per scontato che la Lega e Salvini istigano all'odio! Se ne è reso conto oppure necessita di maggiore chiarezza?

Bravo Michele! Difendiamo la Democrazia! Quella vera però! Questi "signori" che vanno in piazza per non far parlare un avversario -nemico- politico e per far male a cittadini onesti li chiami democratici!? Oggi più di ieri sono e sarò per l'onestà!!!!!!

Ho scritto l'articolo prima di venire a sapere dei feriti in piazza Roma.
La violenza fisica, a questi livelli, cambia decisamente la prospettiva sulle cose.

Commento modificato il 18 maggio 2015

Caro Nerissimo.
E' palese che ci sia troppa gente in città, ma anche nel resto del Paese, che quando "vede rosso" scatta come un toro.
Ma siamo umani, non bestie, anche se le bestie spesso sono meglio degli uomini.
Ieri ho visto maltrattare questa città da due "bestie": "l'approfittatore" ed il "contestatore".
Sapere di un giornale attaccato per "lesa comunicazione" è la cosa più assurda che ho letto finora, e definisce chiaramente che razza di gente "povera" ci sia in giro.

E prima che la loro "povertà" mi inserisca selettivamente tra i rossi (lo sono, ma solo per il rosso Ferrari), ripeto qui quello che ho detto/scritto ovunque: se contestazione ci doveva essere doveva trattarsi di tanta gente, senza striscioni, che davano le spalle al politicante di turno circondandolo di disinteresse, come merita il segretario Salvini.
Il quale è lampante sia alla ricerca di facile visibilità.
E per la cronaca, io invece ho letto tanti giudizi negativi sia su Salvini che sui contestatori, assieme. Quindi devo constatare che almeno a Senigallia la gente si è rotta i cogl...i di queste cose.
Tanti saluti e buone camomille

Beh, Sole, mi pare che dimentichi qualche cosina........ (Ma non solo tu).
Salvini, vi piaccia o no, rappresenta una forza politica in campagna elettorale. Vuoi definirlo "approfittatore"? Libero di farlo, anche se non si capisce perché uno che si professa contro l'immigrazione selvaggia debba essere definito in tal modo.... Dovremmo essere tutti d'accordo e ritrovarci con 5.000 sbarchi al giorno? E secondo te dovrebbe anche essere riprovevole non essere d'accordo? Strano concetto di democrazia.....
Ma il massimo è alla fine....... "....il quale èlampante che sia in cerca di visibilità....". Perché tutti gli altri che salgono sui palchi in Piazza Roma sono alla ricerca dell'invisibilità?

Angelo Diamantini

15 maggio, 12:25
@Daniele_Sole
Non molti anni fa un esponente della Lega è stato Ministro degli Interni (Maroni).
Non mi sembra che ci siano state purghe staliniste nei confronti degli oppositori politici.
Da quello che vedo invece da parte di certi "sinistri" personaggi ieri in piazza a cercare di impedire di parlare chi la pensa diversamente da loro, mi sa tanto che se comandassero loro userebbero la violenza per zittire l'avversario politico. Mettere sullo stesso piano un esponente politico che in Italia ha milioni di elettori, con i FASCISTI ROSSI offende la tua e l'altrui intelligenza.

@ Michele
Mi interesserebbe sapere cosa ne pensano i candidati a Sindaco degli avvenimenti di ieri; riesci a farti rilasciare qualche dichiarazione in proposito?
Credo che oltre me interesserebe anche ad altri elettori.

Ciao Ettore

michele montesi

15 maggio, 13:26
la libertà di espressione è sacrosanta e chi tenta di negarla sarà anche antirazzista ma è certamente illiberale.rnilliberale e delinquente, visto che lanciavano oggetti nel mucchio, sulle teste di uomini e bambini.rnspero che la polizia abbia foto e riprese e li vada a visitare casa per casa.

renzo francesconi

15 maggio, 13:53
Capisco che per una citta' un po "fancazzista" come Senigallia l'arrivo di Salvini possa costituire una vera provocazione da respingere con forza!rnNon sono e non saro' un elettore di Salvini, ma auspicherei che gli stessi che hanno manifestato ieri, lo facciano anche contro il degrado (e non solo) della Citta'......ma rimarro' sicuramente deluso.rnrenzo francesconi

Hai ragione francescocon.
Lui era libero di dire quello che voleva, la gente che non era daccordo con quello che propone (tra cui io) poteva scegliere vari modi per contestarlo pur lasciandolo libero di dire: il mio modo l'ho espresso sopra.
Salvini e' un approfittatore perche' sa che molte sue idee sono accettate da una estrema e ridotta minoranza di persone, e che se ora e' attorno al 10% lo deve solo all'assenza di valide alternative di destra in Italia.
Quindi benvenga tutta la pubblicita' gratuita che ottiene da simili eventi, soprattutto quando in primo piano finisce lui e non le sue idee: questa e' visibilita' "scroccata".

Sono d'accordo con Pinto.

Una testata scrive quello che vuole e nel modo che vuole.

Francamente hanno stancato questi fascistoidi, razzisti, ignoranti che pretendono le loro idee (che tali non sono) debbano avere lo stesso diritto degli altri.

Pertini disse che la democrazia è libertà di espressione, eccetto i fascisti, perchè questi la negano, la libertà di espressione.

Ora che la lega rivendichi il diritto alla visibilità fa ridere.

Bossi diceva di usare la bandiera italiana nel cesso.

Borghezio fa ancora comizi contro i "terroni" e i "negri".

Se volete la democrazia, egregi leghisti o fascisti, prima dove accettarla.

Altrimenti siete come i delinquenti che vanno a piangere dai carabinieri perchè hanno subito un torto.

Si chiama IPOCRISIA, ed è irritante, soprattutto se a parlare sono gli adulti.

E ancora più francamente, fa sganasciare dalle risate che i fascisti e i leghisti rivendichino diritti, proprio loro, alla democrazia.

C'è molta corta memoria in giro per il Paese,ci si dimentica di Roma ladrona dei cappi e della separazione Padana e mi fa specie nelle Marche perchè lo ricordo il confine era l'Emilia-Romagna per l'inesistente Padania.Per non parlare poi delle ruberie di quei signori che facean i giustizieri, naturalmente in quel periodo Salvini era a fare il turista su Marte poverino...

Luigi Alberto Weiss

15 maggio, 16:03
Signor Sole, scenda dal filo sul quale si è avventurato e si spinga un po' più in là nella valutazione dell'accaduto. Le intenzioni contro Salvini e Paradisi non erano certo quelle di un'ordinaria contestazione, ma espressione di una cultura intollerante a prescindere che finisce per alimentare reazioni dello stesso segno. Credo che nella storia politica senigalliese SOLO le iniziative di questi piazzaroli (non raramente "coperti" da qualcuno che ancor oggi ha incarichi politici locali di primo piano) hanno SEMPRE richiesto la presenza massiccia di carabinieri e polizia per prevenire pericolose degenerazioni. Ogni candidato fa il suo gioco, presenta le proprie idee, indica le proprie soluzioni. Ai cittadini la facoltà di scegliere ciò che ritengono più congeniali. Con il voto democratico e libero.

Daniele Sole
Forse non ti è chiaro qualcosa....... Non essere d'accordo con quel che dice o pensa qualcun altro non significa dover contestare. Salvini è venuto a sostenere un candidato sindaco, e a fare campagna elettorale. Punto.
Cosa succederebbe se ad ogni comizio di qualsiasi candidato arrivassero i sostenitori della parte avversa a fare casino?
Se fosse successo ad un comizio di qualche compagno si parlerebbe di attentato alla democrazia. Democrazia di cui molti hanno uno strano concetto.

Ciao Luigi e Francescocon.
Ho gia' scritto come mi sarei comportato io: la mia "contestazione" sarebbe stata una voluta noncuranza chiaramente espressa (o l'ironia pungente).
Non funzionerebbe nemmeno l'assenza delle persone, perche' certi soggetti si autoalimentano anche di pochi consensi.
Ho gia' contestato al tempo la scelta dei ragazzi di Arvultura, sull'articolo che ha dato il la' alle critiche a Viveresenigallia.

Non credo quindi di dover aggiungere altro, se non rinnovare la mia stima per VS al contrario chi ha voluto attaccare questo giornale per aver semplicemente pubblicato un comunicato.
Mi consola leggere i tanti giudizi equamente distanti sia dai contestatori sia dal segretario di partito, e una certa stanchezza della gente "normale" a queste cose incentrate su minoranze di persone (estremamente rumorosa ed in cerca di rumore).

Copio e incollo il commento di csmelusin, perché lo condivido parola per parola senza bisogno di aggiungere niente altro.



"Sono d'accordo con Pinto.

Una testata scrive quello che vuole e nel modo che vuole.

Francamente hanno stancato questi fascistoidi, razzisti, ignoranti che pretendono le loro idee (che tali non sono) debbano avere lo stesso diritto degli altri.

Pertini disse che la democrazia è libertà di espressione, eccetto i fascisti, perchè questi la negano, la libertà di espressione.

Ora che la lega rivendichi il diritto alla visibilità fa ridere.

Bossi diceva di usare la bandiera italiana nel cesso.

Borghezio fa ancora comizi contro i "terroni" e i "negri".

Se volete la democrazia, egregi leghisti o fascisti, prima dove accettarla.

Altrimenti siete come i delinquenti che vanno a piangere dai carabinieri perchè hanno subito un torto.

Si chiama IPOCRISIA, ed è irritante, soprattutto se a parlare sono gli adulti.

E ancora più francamente, fa sganasciare dalle risate che i fascisti e i leghisti rivendichino diritti, proprio loro, alla democrazia."

In aggiunta ad Enea prima di me, lo stesso comunicato è stato pubblicato pure in altre riviste online.
Allora, tutti quanti fiancheggiatori dei dimostranti o semplicemente chi ha attaccato Michele Pinto e VS deve prima guardarsi bene, ma molto, dentro?

Luigi Alberto Weiss

15 maggio, 23:00
Forse editore e direttore potrebbero cogliere l'occasione per una messa a punto del giornale nella sua linea politico-editoriale. Dare spazio a tutti ha come controindicazione quello di diventare strumento di ogni propaganda, condivisibile o no. E nel pubblico ci sarà sempre qualcuno che non condivide.

N.H.m.u.

16 maggio, 14:39
Commento sconsigliato, leggilo comunque

francesco

17 maggio, 09:18
Io da cittadino chiedo solo due SEMPLICI spiegazioni e vorrei che fossero rese ENTRAMBE pubbliche perchè ritengo un diritto dei cittadini sapere.rnUna squisitamente tecnica : LA MANIFESTAZIONE DEI CENTRI SOCIALI ERA AUTORIZZATA? rnA)se si chi a fatto questa valutazione senza prevedere percorsi diversi ha sbagliato. rnB)Se non era autorizzata sono stati individuati individuati i promotori? sono stati denunciati ?alla Autorita' Giudiziaria?rnCHI HA OCCUPATO IL PALCO ED HA PRESO LA PAROLA E' STATO IDENTIFICATO E DENUNCIATO? se si i cittadino vogliono esser informati.rnAltrimenti da domani siamo tutti autorizzati a fare altrettanto. rnLa seconda squisitamente politica PERCHE' NESSUN ESPONENTE DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE HA PUBBLICAMENTE CONDANNATO GLI EPISODI DI FASCISMO DI SINISTRA COSI EVIDENTI CHE HANNO DANNEGGIATO L'IMMAGINE DELL'INTERA COLLETTIVITA'? A questo proposito ho registrato al contrario commenti di plauso da vari militanti e questo mi fa pensare che vi sia stato una sorta lasciapassare politico ai noti episodi. VERGOGNA!!!rnP.S. a scanso di equivoci non ho mai votato Lega, ma mi batterò sempre per il rispetto delle leggi.




logoEV