Nausicaa Filieri candidata con La Città Futura

13/05/2015 - Ho 34 anni e sono maestra, precaria con due lauree. Mi candido ancora una volta con La Città Futura perché ritengo necessario e importante sostenere chi, nei cinque anni del suo mandato amministrativo, ha svolto un ruolo qualificante, decisivo e critico nel governo cittadino sostenendo tematiche e battaglie di carattere sociale e popolare.

-Con questo impegno l’Assessore Paci, nonostante i drastici tagli, è riuscita a mantenere pressoché le stesse risorse per i servizi scolastici comunali e per i servizi sociali.

- Con l’esigenza della miglior trasparenza La Città Futura si è fatta sostenitrice di “Open Municipio”, strumento che permette a tutti i cittadini il monitoraggio e la verifica dell’operato del Consiglio Comunale.

- La Città Futura si sta battendo perché in Parlamento si discuta una legge sul fine vita ed è stata promotrice del Registro per il Testamento Biologico, del Registro per le Unioni Civili, della trascrizione dei matrimoni omosessuali celebrati all’estero.

- La Città Futura ha appoggiato il referendum per l’acqua pubblica e fatto parte del Movimento NO-Rigassificatore a Falconara e conduce la sua lotta in Consiglio Comunale per impedire le trivellazioni in Adriatico.

- L’anima ambientalista de La Città Futura emerge dall’impegno per la tutela del territorio con il recupero dell’edificato, la riqualificazione urbana e la riduzione del consumo di territorio. Il contenimento dell’espansione abitativa di via Cellini ne è un esempio.

Nel programma politico de La Città Futura compaiono gli obiettivi sociali economici e ambientalisti da raggiungere, in continuità con l’attività già svolta in Consiglio Comunale. La politica economica nazionale riversa sui Comuni i pesanti problemi che un tempo affrontava. Ora sono le amministrazioni locali a trovarsi in grave difficoltà con i loro cittadini, nel fare e nel non fare. È perciò importante che l’impegno nelle opere pubbliche sia affidato a persone al di fuori dei grandi interessi, che siano credibili nell’efficienza e affidabili nell’onestà.

Ne La Città Futura abbiamo individualità ispirate dal valore della moralità, dalla vera appartenenza alla classe sociale mai compromessa col potere, capaci di mantenersi fedeli alla propria natura e perciò in grado di assumere gli impegni nel massimo rispetto di sé stessi e delle persone che rappresentano. Il nostro e mio impegno nasce dai problemi e dal sacrificio; il nostro e mio sguardo è rivolto a chi, come noi ha bisogno di giustizia.

Voto di genere
La legge elettorale prevede la preferenza unica. Si possono però esprimere due preferenze all’interno della stessa lista solo se di genere diverso. Luciano Montesi ed io siamo amici di vecchia data con idee e interessi comuni. Abbiamo perciò scelto di “pedalare in tandem” per questa campagna elettorale.

 







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-05-2015 alle 10:08 sul giornale del 14 maggio 2015 - 929 letture

In questo articolo si parla di politica, La Città Futura

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ajkO


Luigi Alberto Weiss

14 maggio, 08:56
Una candidata così, che già ha assimilato il linguaggio politichese, che ne pensa della riforma della scuola che vuole imporre il Governo nazionale? Lei che è una precaria dovrebbe averlo un parere genuino, personale, concreto, intelligente.