Mangialardi sulle Bandiere Blu: “Coniugate sostenibilità ambientale e crescita economica”

maurizio mangialardi 13/05/2015 - Anche per il 2015 Senigallia potrà fregiarsi della doppia Bandiera Blu d’Europa, l’ambito vessillo assegnato dalla Fondazione per l’Educazione Ambientale sia per il pregio delle nostre spiagge, sia per la qualità del nostro approdo turistico.

Non avevamo dubbi, ma resta sempre e comunque una grande soddisfazione ricevere riconoscimenti di natura internazionale che vanno a premiare le buone pratiche messe in campo dall’Amministrazione comunale e consentono a Senigallia di posizionarsi tra le eccellenze turistiche regionali e nazionali.

Buone pratiche che, con grande competenza e attenzione alle esigenze degli operatori turistici, sono state capaci di coniugare sostenibilità ambientale e crescita economica.

Lo possiamo dire con fierezza: oggi Senigallia rappresenta un modello per tutte le Marche, che si distingue in modo particolare per la pulizia delle acque, la qualità dell’accoglienza e delle strutture turistiche, l’efficienza dei servizi offerti, tra cui spiccano una raccolta di rifiuti urbani e differenziata ben organizzata, una programmazione di grandi eventi di carattere internazionale a fianco di tante manifestazioni culturali di alto profilo, un’offerta di iniziative in rete con i Comuni dell’entroterra che permettono di intercettare i nuovi segmenti turistici, oltre a quello balneare, soddisfacendo ogni tipo di esigenza o interesse.

Ultime, ma solo in ordine di tempo, vanno poi ricordate le misure adottate recentemente per rendere Senigallia sempre più città dog-friendly. Una serie di interventi che, come al solito, non rappresentano uno spot stagionale, ma una programmazione mirata volta a cogliere le notevoli opportunità che derivano dal turismo cinofilo.

Grande orgoglio suscita anche la Bandiera Blu per gli approdi turistici che Senigallia si è aggiudicata per il terzo anno consecutivo. Un premio al grande impegno che, nonostante la crisi economica, l’Amministrazione comunale ha messo in campo in questi anni per la riqualificazione del Porto Della Rovere, dalla risoluzione della ultradecennale questione dello sgombero area ex Cantiere Navalmeccanico alla realizzazione della nuova Pescheria, passando per i nuovi impianti di illuminazione e videosorveglianza.

Oggi il porto, uno dei luoghi più suggestivi della città, è tornato ad essere il naturale prolungamento della città sul mare, uno spazio dove si uniscono e convivono l’identità e la cultura marinara della nostra comunità e le prospettive di crescita del turismo e delle attività economiche ad esso legate.

Nonostante tanti successi, siamo consapevoli che non ci si può cullare sugli allori, soprattutto in un settore competitivo come quello turistico. Nei prossimi anni servirà dare continuità a quanto di buono fatto in questi anni, ma servirà anche grande capacità di innovazione, con investimenti mirati a rendere Senigallia sempre più una città ospitale tutto l’anno. Penso alla promozione dell’immagine di “Città della Fotografia”, a innovative formule gestionali per esaltare il binomio turismo-cultura, a bandi pubblici per l’assegnazione di risorse finalizzate all’avvio di nuove imprese in ambito turistico, artigianale, culturale e artistico, al rafforzamento delle reti di relazioni e dei partenariati internazionali per l’attuazione di progetti europei indirizzati al settore turistico.

Mi sia concesso, infine, di dedicare anche quest’anno il successo ottenuto alla memoria e alla fondamentale opera di Fernando Rosi, storico presidente del Comitato Fee Marche, grazie al quale Senigallia conquistò nel 1997 la sua prima Bandiera Blu. Un merito che, anche di recente, abbiamo voluto sottolineare dedicando alla sua figura il piazzale della darsena portuale.

 


da Maurizio Mangialardi
candidato Sindaco di Senigallia




Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 13-05-2015 alle 13:21 sul giornale del 14 maggio 2015 - 600 letture

In questo articolo si parla di comune di senigallia, maurizio mangialardi, politica, senigallia, Amministrative 2015, spazio elettorale autogestito e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ajlz


http://www.viveresenigallia.it/index.php?page=articolo&articolo_id=535587

Oltre a condividere quanto evidenziato da RossoBlu vorrei prima, per una corretta informazione, elencare una delle regole che cita il Sindaco, per ottenere la Bnadiera Blu:

GESTIONE AMBIENTALE
12. L’Autorità Locale / Operatore balneare dovrebbero istituire un Comitato di Gestione della Spiaggia (G)
13. L’Autorità Locale / Operatore balneare devono rispettare tutte le normative relative alla ubicazione e al
funzionamento della spiaggia (I)
14. Le aree sensibili vicino ad una spiaggia Bandiera Blu richiedono una gestione speciale, per garantire la
conservazione e la biodiversità degli ecosistemi marini. (I)
15. La spiaggia deve essere pulita (I)
16. Vegetazione algale o detriti naturali dovrebbero essere lasciati sulla spiaggia (I)
17. Sulla spiaggia devono essere disponibili cestini per i rifiuti in numero adeguato che devono essere
regolarmente mantenuti in ordine (I)
18. Sulla spiaggia devono essere disponibili contenitori per la raccolta differenziata (I)
19. Sulla spiaggia deve essere presente un adeguato numero di servizi igienici o spogliatoi (I)
20. I servizi igienici o spogliatoi devono essere mantenuti puliti (I)
21. I servizi igienici o spogliatoi devono avere lo smaltimento controllato delle acque reflue. Le acque di
scarico devono essere allacciate al sistema fognario o recapitate in contenitori a tenuta stagna da svuotare in
maniera appropriata (I)
22. Sulla spiaggia deve essere fatto rispettare il divieto di campeggio, di circolazione ad autoveicoli o
motoveicoli e deve essere proibito ogni tipo di discarica (I)
23. L’accesso in spiaggia di cani e di altri animali domestici deve essere strettamente controllato (I)
24. Tutti gli edifici e le attrezzature di spiaggia devono essere mantenuti in buono stato (I)
25. Gli habitat marini e lacustri (come la Barriera corallina o le praterie di Posidonia) presenti in prossimità
della spiaggia devono essere monitorati (I)
26. Mezzi di trasporto sostenibili devono essere promossi nell’area circostante la spiaggia (G)

Queste sono le regole ambientali ma il vostro Sindaco c'ha messo dentro tutto anche cose che non c'entrano come la gestione della raccolta differenziata.

Si è però dimenticato a mio avviso di ringraziare il principale responsabile dell'ottenimento della Bandira Blu e cioè la Multiservizi per l'ottimo lavoro di depurazione e mantenimento degli impianti. Al Comune resta solo di mettere in pratica alcune regole basilari e semplici e giustamente la pulizia della spiaggia ma il grosso lavoro lo fa la Multiservizi.....grave dimenticanza Sindaco.

Ultima considerazione per far capire ai cittadini i mezzi poco corretti che usa l'attuale Sindaco per accappararsi un altro stipendio da 40.000 euro annui per cinque........si firma come Candidato Sindaco e non come dovrebbe "Sindaco di Senigallia"; quello che scrive è frutto del suo lavoro da Sindaco e non sono PROPOSTE da Candidato........Senigalliesi non fatevi prendere in giro e fate capire che certi giochini tipici da "venditore" non sono apprezzati.

A disposizione

paolofiore

Come sempre ha ragione il sindaco.

Purtroppo per lui praticamente tutte le spiaggie marchigiane, con l'eccezione di falconara, ovviamente, hanno la bandiera blu.

Quindi si può desumere che non indichi più un bel nulla.

La pulizia delle acque:

Il sindaco dovrebbe spiegare come mai passeggiando sul lungomare in una giornata di pioggia si sente, nitidamente, la puzza degli scarichi delle acque grigie.

Lascio perdere i due scarichi, uno davanti alla casermetta della guardia costiera e l'altro dietro l'ex-lavatoio, che scaricano, ogni tanto, un bel po' di schiuma nel misa.

Dog-friendly:

Su questo sono d'accordo, senigallia è cosi dog-friendly che i marciapiedi vengono usati come latrine senza nemmeno preoccuparsi delle multe, che non vengono fatte.

Specialmente d'inverno, quando fa buio presto e, dunque, complice l'oscurità, i signori padroni dei signori cani hanno la certezza dell'impunità.

Il prolungamento sul mare:

Beh con tutta la ghiaia che c'è nel misa è abbastanza ovvio che si prolunga sul mare.

Chiediamo al sindaco un paio di cosette:

Come mai gli alberghi sono cosi cari, a senigallia?

Come mai si parla tanto di rispetto poi vi sono palesi infrazioni che in altre località manco a cercarle?

In merito al "porto della rovere" (ao, mica stamo a scherzà):

Due telecamere, la "pescheria" (quattro pezzi di legno con tre tubi e quattro cavi elettrici), e lo sgombero del navalmeccanico (ao pure questo, dato che tutte le precedenti amministrazioni erano del suo partito) sono poca roba.

"intercettare i nuovi segmenti turistici, oltre a quello balneare, soddisfacendo ogni tipo di esigenza o interesse"

Questa fa proprio sbellicare:

Voi non siete manco in grado di intercettare quelli che vanno a 100 sul lungomare o a 150 sulla complanare (e lascio perdere le altre strade), figuriamoci le esigenze dei turisti.

Avete, ed è questa cosa peggiore di senigallia, cercate di fare tutto per tutti, dalla "movida" (che tale non è, ma l'ignoranza è giustificata) al turismo per le famiglie, agli eventi musicali e altro.

Cercare di accontentare tutti è il miglior modo per non accontentare nessuno.

Ed è vecchio, come detto, molto vecchio.

Auguri.

p.s.:
Un consiglio: si vanti di meno, ne trarrà beneficio.

La prossima volta si ricordi che lei è il sindaco dei residenti, non dei turisti e, dunque, dovrebbe, prima di tutto, garantirne la tranquillità e la sicurezza, cose delle quali lei è oltremodo negligente, nella migliore delle ipotesi.