M5S sui rifiuti: 'I politici se ne accorgono solo alle elezioni'

movimento 5 stelle m5s 12/05/2015 - Figuratevi se siamo gelosi delle nostre iniziative! Anzi siamo felici che i nostri politici locali si siano finalmente risvegliati, al trillo delle elezioni comunali, prendendosi a cuore un tema per noi fondamentale: quello della Gestione dei Rifiuti.

E’ sorprendente leggere in questi giorni di campagna elettorale, come sia tornato così in auge il problema dei rifiuti e della tassazione in bocca ad alcuni candidati (https://www.facebook.com/senigalliabenecomune/posts/329930643884047?hc_location=ufi). Fummo noi a punzecchiare l’Amministrazione, portando al protocollo una proposta di delibera (quando ancora era possibile ) di “Atto di Indirizzo sulla Gestione dei Rifiuti”, che fu approvata e deliberata dal consiglio Comunale il 19/12/2013 (DEL.CONS.COM.n°97), anche grazie alle firme di numerosi cittadini che appoggiarono la nostra idea.

Ma cosa proponevamo? Intendevamo introdurre la Tariffa Puntuale, secondo cui chi più ricicla meno paga. Ma noi non siamo mica gelosi di questa iniziativa! E così abbiamo continuato a regalare alla nostra stanca Amministrazione ore ed ore di lavoro rubate alle nostre vite di comuni cittadini per portarli a decidere su un argomento fondamentale per il nostro territorio. A febbraio 2014 la III Commissione avrebbe dovuto “attuare l’atto approvato” (Comunicato Stampa del Consigliere Perini del 14/01). Ovviamente noi eravamo presenti a tutte le commissioni su questo tema, e abbiamo appurato una certa “indecisione” in materia, da allora nessun progetto è stato realizzato. A quel punto, abbiamo ritenuto opportuno realizzare ed inviare a tutti i Componenti della Commissione un documento tecnico (Prot. 2014/0013632 del 6/03/2014) nel quale sono stati evidenziati esempi pratici dell’introduzione della Tariffa Puntuale in altri Comuni in cui i cittadini hanno visto ridursi la tariffa sui rifiuti (fino al 40% in meno, rif. Dati Contarina 2012) superando la percentuale dell’80% della raccolta differenziata.

Per dare maggior peso a quanto da noi sostenuto, in un’altra occasione (giugno 2014) abbiamo invitato a partecipare alla Commissione (in diretta Skype) l’Ing. Attilio Tornavacca, Direttore della ESPER (Ente di Studio per la Pianificazione Ecosostenibile dei Rifiuti), uno dei massimi esperti in Italia sulla gestione dei rifiuti. Lo stesso Assessore Campanile in quella stessa commissione affermò che a Luglio 2014 sarebbe partita la Tariffazione Puntuale per i cittadini del quartiere del Vivere Verde (come quartiere prova).Una vera bufala!

Ci chiediamo come può un Assessore mentire cosi spudoratamente ai cittadini? Certo che non siamo gelosi delle nostre iniziative! Ma fino a che consegneremo le nostre istanze ad un’Amministrazione ricca di decisori indecisi e di improvvisatori naif le cose non potranno mai cambiare. I nostri sforzi (documento tecnico, intervento di esperti in materia di rifiuti …) sono stati del tutto inutili … abbiamo prima pagato la TARES poi la TARI, e lo scorso anno la Tariffa sui Rifiuti nel Comune di Senigallia è stata più alta rispetto a quella di molti Comuni limitrofi.

Infine secondo quanto ci dicono se la raccolta differenziata è aumentata e son diminuiti i conferimenti in discarica  perché le tariffe sono aumentate? la strategia per aumentare la % di differenziata e ridurre i costi per i cittadini la proponemmo più di un anno fa! Fino a che i rifiuti saranno visti come “spesa” (per la raccolta ed il conferimento in discarica) o come “forma di energia” (per centrali a biogas o inceneritori), i cittadini continueranno a pagare sempre di più. Al contrario, il rifiuto va visto, da chi lo gestisce, come una risorsa, chi lo ha capito (aziende private) ne ha fatto una fonte di lauti guadagni, anche nel nostro territorio.

“Perché non far beneficiare i cittadini del frutto economico che viene prodotto dal riciclaggio dei rifiuti”? (citando Perini che ha citato noi). Quello che è rimasto finora solo un’intenzione e non un’azione, anche da parte di chi adesso proclama di volerlo fare e in passato, quando poteva non lo ha fatto, rappresenta quello che cantavano gli Elio&leStorieTese: Tra il DIRE e il FARE c’è di mezzo “e il”. Quello che proponiamo (Tariffa Puntuale) dunque porterà ad un aumento della raccolta differenziata, in quanto il cittadino è incentivato a dividere i rifiuti perché meno “grigio” produce, meno paga di tasse! No, non è la gelosia!

Ma visto che i nostri interlocutori politici non hanno avuto il coraggio o la volontà di condurci ad un vero cambiamento sulla questione dei rifiuti, ci proponiamo noi di farlo, senza intermediari. D’altronde che senso ha dare il proprio voto a chi ha preso e continua a prendere spunto dalle nostre battaglie senza nemmeno un piccolo, sommesso ringraziamento? Siamo certi che agli elettori non sfuggirà questa sostanziale differenza perché solo votando il movimento 5 stelle potrà sperare in un decisa svolta della vita amministrativa della città.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-05-2015 alle 11:29 sul giornale del 13 maggio 2015 - 555 letture

In questo articolo si parla di politica, Movimento 5 Stelle, M5S, Senigallia 5 stelle


Mi dispiace ragazzi ma non ci siamo e dalla lettura dell'articolo mi sembra di leggere gli stessi redatti dai soliti politici e chiaramente come sempre mi spiego su quanto asserisco.
Dal primo Dicembre 2012 è entrata a gestire il servizio raccolta rifiuti e trasporto in discarica e centri smaltimento la RIECO per 13 Comuni tra cui ovviamente Senigallia.
Nel contratto con la RIECO , poco più di 30 milioni di euro in 5 anni, c'è la clausola che il raccolto del differenziato sia nel Porta a Porta che nelle isole ecologiche è di SUA PROPRIETA'; cioè lo vende al miglior offerente. Quindi voi potete fare tutto quello che volete ma fino alla fine del contratto e cioè dicembre 2017, il sistema puntuale sul DIFFERENZIATO non è possibile (anche perchè la RIECO ha proprio bisogno di questi ricavi per rientrare meglio nella gestione complessa del PaP Integrale).

Il cittadino paga invece il conferimento del grigio ad esempio e lì potrebbe attuarsi la tariffazione puntuale ma parliamoci chiaro, il costo del conferimento è di 80 euro a tonnellata compreso di ecotassa che tradotto in kg sono 8 centesimi. Fate bene la differenziata e pesatela e non so se arrivereste a 30 Kg/mese per una spesa di 2,40 euro a famiglia...vale la pena mettere su un sistema ulteriorimente complesso come il sistema puntuale con tutta l'organizzazione che ne deriva ? (sistema informatici gestionali, camion con pese e certificazione del peso per garantirne l'autenticità al cittadino pagante....come fai ?)

Parlate poi del NO BIOGAS per smaltire l'organico....scherzate ? E' l'unico modo per farlo ed attualmente il cittadino sta pagando ben 94 euro a tonnellata per smaltirlo in Romagna oltre ai costi derivati dal numero di passaggi del PaP che comporta.
Realizzare un impianto pubblico a Biogas da FORSU sistemato presso un importante depuratore, strategicamente sistemato nel territorio provinciale e magari ben servito da strade è il massimo; impianto a regime questo si sostenta da solo (garantito ,calcoli alla mano fatti su vari impianti) arrivando quindi a pagare quasi nulla lo smaltimento dell'organico. Un impianto per gestire l'intera Provincia costa all'incirca 15.000.000 di euro e ne sono stati stati spesi ben 9 milioni nel 2009 per fare un impianto aerobico a Corinaldo, inaugurato anche dallo stesso Mangialardi, dopo qualche anno è stato convertito per scarsa funzionalità.....rendiamoci conto come siamo messi.
Quindi, a parte qualche piccola modulazione sul servizio raccolta come ad esempio far passare il grigio una volta ogni 15gg oppure 1 volta al mese, non potete fare altro fino al 2018......i signori del CIR33 ben sostenuti dall'attuale Amministrazione vi hanno fatto un bel regalino...una bella auto lussuosa e COMODA ma costosa da mantenere e molto inquinante...penso che abbia reso l'idea.

A disposizione

paolofiore

Ho dimenticato di specificare che i 9 milioni spesi per l'impianto di Corinaldo poteva gestire META' Provincia se avesse funzionato come un impianto a Biogas.




logoEV