Arcevia: l'Avis sui tagli al volontariato, 'Ci stiamo mobilitando'

Avis 12/05/2015 - A seguito del comunicato dell CIVIS (Coordinamento Interassociativo Volontari Italiani del Sangue) costituito da AVIS, FIDAS, FRATRES e CRI sezione donatori, in rappresentanza degli oltre 1.700.000 donatori di sangue italiani, attraverso il quale si esprimeva sconcerto per i tagli confermati nella nuova proposta di intesa tra Regioni e Governo relativa al settore trasfusionale, (ovvero per l’intenzione di ridurre i rimborsi relativi alla mobilità extraregionale di sangue ed emocomponenti ed ai contributi previsti dalla Legge 219/’05 per le Associazioni e Federazioni di volontariato del sangue a svolgimento degli importanti compiti di promozione della donazione, di chiamata del donatore e di raccolta di sangue ed emocomponenti, insieme a tutte le altre Associazioni presenti sul territorio nazionale), la nostra Associazione si è mobilitata, facendo proprie le preoccupazioni già espresse dall'AVIS nazionale e diffondendo tra i propri volontari il contenuto della proposta del governo che, se confermata, avrebbe messo a rischio gli sforzi volti ad assicurare in quantità, qualità e sicurezza le necessità di sangue e dei suoi derivati per tutti i cittadini bisognosi di terapia trasfusionale, vanificato un patrimonio che, inoltre, rappresenta un notevole risparmio per la sanità pubblica, messo in crisi il sistema trasfusionale, ostacolando e sminuendo il funzionamento delle sedi associative.

La mobilitazione delle Associazioni come la nostra sembra non essere stata vana.

L'8 maggio scorso il sottosegretario alla salute, Vito De Filippo, ha risposto alla camera a un'interpellanza in merito al paventato taglio delle risorse per le associazioni di volontariato del sangue. Nel suo intervento ha precisato che nel nuovo Patto per la salute in discussione in Conferenza Stato Regioni tali tagli non compariranno.

Il Presidente di AVIS NAZIONALE, Vincenzo Saturni ha così commentato:
"Accogliamo con soddisfazione l’intervento odierno alla Camera del sottosegretario alla salute De Filippo, che assicura l’eliminazione di tutti i tagli al settore trasfusionale e alle associazioni di volontariato del sangue inizialmente previsti nel Patto per la salute.
La mobilitazione delle associazioni sta portando i risultati sperati, riaffermando il ruolo strategico del volontariato per il raggiungimento di un obiettivo imprescindibile quale l’autosufficienza di sangue ed emocomponenti. Attendiamo ora con fiducia l’approvazione del testo definitivo in conferenza Stato regioni’.

Anche l'AVIS di Arcevia apprende tale notizia con soddisfazione.

Resta però la preoccupazione per la chiusura del nostro Centro di Raccolta, a causa della carenza di personale, presso il Centro Trasfusionale di Senigallia che ha fatto registrare un calo di 50 donazioni nel primo trimestre 2015 rispetto al primo trimestre 2014.
Anche in questo senso ci stiamo mobilitando, con il supporto dei Dirigenti AVIS Provinciale e Regionale, cercando di rendere partecipi del serio problema gli amministratori locali, ai quali è stato chiesto un incontro, che si terrà a breve, a salvaguardia del bene comune e di quasi 70 anni di storia associativa. Come analoghe associazioni di volontariato l'AVIS di Arcevia, impegnata attivamente in molteplici aspetti della vita della comunità in cui opera, oltre che nel compito primario della raccolta del sangue, è una risorsa che non può disperdersi.

Se viene quindi riconosciuto che le AVIS, con il proprio lavoro, contribuiscono a perseguire importanti risparmi nella gestione di attività che se fossero gestite dal settore pubblico costerebbero molto, molto di più, contestualmente le strutture pubbliche devono essere dotate di idoneo e sufficiente personale sanitario per non rendere vano tale lavoro.
Torniamo quindi ad auspicare una soluzione in tempi brevi in merito alla dotazione organica del Centro Trasfusionale di Senigallia, “in sofferenza” ormai da troppo tempo.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-05-2015 alle 15:18 sul giornale del 13 maggio 2015 - 741 letture

In questo articolo si parla di arcevia, attualità, avis, avis arcevia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ajil





logoEV