A Senigallia la conferenza finale del progetto Kepass per l’integrazione europea attraverso la scuola

12/05/2015 - Si terrà a Senigallia, giovedì 14 maggio, presso l’Hotel City, la Conferenza finale del progetto Kepass che intende favorire l’integrazione europea attraverso il mondo della scuola.

Il progetto, finanziato nell’ambito del Programma di cooperazione transfrontaliera IPA Adriatico, nel corso dei suoi due anni di attività, ha avviato, a livello sperimentale, un sistema di mobilità degli studenti delle scuole medie superiori della macro-regione Adriatico-Ionica basato sul reciproco riconoscimento dei crediti scolastici. Sono stati coinvolti 105 studenti e 27 scuole, di tutti i territori aderenti, che hanno ospitato i ragazzi. Ogni scuola ha attivato un tutor didattico e uno di mobilità, per un totale di 54 tutor. Coinvolti anche tutti gli insegnanti dei consigli di classe dove sono stati inseriti gli studenti: più di 400 hanno collaborato al processo d'insegnamento e apprendimento nelle sette regioni partecipanti della macro-regione Adriatico-Ionica. Superiore a mille il numero di studenti delle scuole partecipanti che hanno condiviso il percorso di quelli in mobilità.

Le  Istituzioni scolastiche marchigiane che hanno inviato e ospitato dei giovani studenti sono state: l’IIS Raffaello di Urbino che ha ospitato otto studenti provenienti dalla Croazia (3) dall’Albania (5). L’IIS Panzini di Senigallia ha ospitato due studenti provenienti dalla Slovenia; l’IPSSAR Buscemi di San Benedetto del Tronto ha ospitato un studente proveniente dalla Slovenia. Dalla Regione Marche sono partiti: dall’ IPSSAR F. Buscemi di San Benedetto del Tronto due allievi con destinazione Isola (Slovenia); dall’IIS A. Panzini di Senigallia tre allievi con destinazione Isola (Slovenia) e tre con destinazione Parenzo in Croazia; dall’IIS Raffaello di Urbino quattro allievi con destinazione Valona in Albania e altri due con destinazione Parenzo in Croazia. Nel corso della Conferenza finale del progetto, i lavori saranno diretti a fissare le modalità operative e i criteri di valutazione per i futuri programmi di scambio di studenti e insegnanti tra le scuole che intendendo aderire allo schema KEPASS nel prossimo periodo di programmazione comunitaria 2014-2020.

Il progetto Kepass è stato guidato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, coinvolgendo il Collegio del Mondo Unito dell'Adriatico (ONLUS) di Trieste, la Regione Marche, l’Agenzia per i Servizi Educativi del Montenegro, il Ministero per l’Educazione del Cantone Erzegovino-Neretva della Bosnia-Erzegovina, la Regione Croata dell’Istria, l’Agenzia albanese di sviluppo AULEDA di Valona e l’Istituto per l’Educazione nazionale della Repubblica Slovena. Il Programma di mobilità degli studenti è stato realizzato per l’intero primo trimestre del corrente anno scolastico (2014-2015).

Gli studenti hanno seguito le lezioni nella scuola ospitante e sono entrati in contatto con nuovi metodi e tecniche d’insegnamento e nuove lingue, culture e realtà. Sono stati seguiti e assistiti da tutor esperti, sia per quanto riguarda gli aspetti educativi che per quelli extra-curriculari e ospitati presso convitti, residenze, strutture collegiali o altre strutture messe a disposizione dalla scuola ospitante. I costi di viaggio e di permanenza sono stati interamente coperti dal progetto. Il periodo trascorso in un altro istituto è stato pienamente riconosciuto, in termini di crediti, al rientro degli studenti presso la scuola di appartenenza, con un reale valore aggiunto per gli studenti partecipanti.

 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-05-2015 alle 18:49 sul giornale del 13 maggio 2015 - 266 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ajjv





logoEV