Regionali: Sassoli e Ceriscioli insieme per vincere la sfida dei fondi europei

Luca Ceriscioli 10/05/2015 - 'L'impegno per la Quadrilatero e la Fano-Grosseto, perché collegare l'Adriatico al Tirreno è fondamentale per il rilancio di questa regione. Inoltre ci sono progetti nel piano Junker che interessano le Marche: banchine, allungamenti, moli, attività di dragaggio, stazioni marittime per un totale di 1,45 milioni per Ancona. Altri 3 milioni per l'accesso ai porti e collegamento interporti inseriti nel Def nell'elenco infrastrutture finanziabili con il piano Junker. Insieme dobbiamo portare a casa questi fondi perché significano lavoro, occupazione e rilancio e insieme al futuro presidente riusciremo a raggiungere questo risultato'. Così David Sassoli, vicepresidente del Parlamento europeo intervenendo a Senigallia ad un'iniziativa di sostegno a Luca Ceriscioli e Antonio Mastrovincenzo candidato nelle liste del pd in provincia di Ancona.

'Avrete un grande lavoro da fare - aggiunge - la banca europea degli investimenti ha messo 35 milioni di euro per rilanciare l'aeroporto croato Dubrovnik. Dobbiamo fare lo stesso per quello di Falconara, una priorità per tutto il sistema infrastrutturale delle Marche che integrato con porto e interporto possono diventare un centro intermodale per tutto il sistema del centro Italia'.

'Sto facendo una campagna elettorale fatta di incontri, di storie e di vite vissute -afferma Ceriscioli - associazioni, onlus, con sogni e progetti da realizzare. Ho modo di toccare il polso della realtà, sta diventando un percorso di vita che comporta un grande cambiamento da affrontare tutti insieme. Chi si accinge a governare la regione Marche non può sfuggire al rapporto con l'Europa, che diventa essenziale nelle cose che andremo da fare da qui in avanti. Noi siamo l'unico partito che con coerenza e determinazione siamo critici con l'Europa quando non sviluppa appieno la sua dimensione europea, in grado di incidere sui destini di tutti noi. La dimensione delle imprese, del mercato globale, degli uomini che si muovono per lavoro ma per perseguire una speranza. Una dimensione naturale ed essenziale se riusciremo a produrre i cambiamenti dentro la capacita' di stare appieno nella progettazione e programmazione dei fondi. La parola d'ordine sarà spendere bene perché diventino leva per rilanciare lo sviluppo di questa regione. Serve una programmazione e un uso strategico delle risorse perché il sistema possa ripartire. Sui fondi europei destinati all'agricoltura la regione ha ricevuto 800 osservazioni perché non avevano un progettualità. Noi dobbiamo avere visione non servono interventi a pioggia. Oltre ai mille e duecento milioni di euro assegnati alla regione, dobbiamo essere pronti a concorrere anche a quei fondi strutturali messi a disposizione. Ci sono 324 miliardi del piano junker che sono li e dobbiamo giocarci questa partita. Solo noi possiamo vincere questa sfida. Siamo la componente maggiore all'interno della componente socialista del parlamento Europa. La nostra forza sono le nostre relazioni, i nostri legami. Insieme possiamo fare tanto produrre progetti credibili e grazie al sostegno di chi sta in Europa possiamo farcela'.

 


da Luca Ceriscioli
Presidente Regione Marche




Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 10-05-2015 alle 22:01 sul giornale del 11 maggio 2015 - 526 letture

In questo articolo si parla di politica, luca ceriscioli, spazio elettorale autogestito

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ajdv


Come ha dichiarato l'On. Nencini, per quanto riguarda la Fano Grosseto, verrà finanziato solo il tratto Grosseto Siena. Perciò tutto il resto del tracciato dalle Marche alla Toscana è di la da venire. Non vedo una parola della bretellina tra il porto di Ancona e l'A14 (Ancona Ovest). Non leggo nulla sulla ferrovia Fano-Urbino per il suo ripristino. Mi fermo quì per ora.