A dodici mesi dall'alluvione di Senigallia, il Centro San Nicola protagonista a Londra

07/05/2015 - Liberarsi dalle dipendenze da droghe, alcool gioco d’azzardo o sex addiction si può. A patto di affidarsi ad un centro specializzato in grado di prendersi cura del paziente, specie dal punto di vista fisico, emotivo e sociale.

Ė il caso del Centro San Nicola, di Piticchio d’Arcevia, nelle Marche, divenuto, in breve tempo, un polo all’avanguardia in Europa grazie ai suoi innovativi metodi di cura. Proprio i metodi e le pratiche introdotte dal Centro, per il terzo anno consecutivo e a dodici mesi dalla drammatica alluvione che ha devastato l’azienda capogruppo, Villa Silvia, sono sotto i riflettori dell’UKESAD di Londra, la manifestazione europea di riferimento per le dipendenze, in corso da lunedì 4 maggio, sino a quest’oggi, mercoledì 6 maggio, presso l'Hotel Marriott. Un approccio, quello del Centro San Nicola, unica realtà del settore a rappresentare l’Italia in questa importante kermesse, che sta riscuotendo apprezzamento nel Belpaese come all’estero. Lo confermano le sinergie sviluppate con alcune importanti catene ospedaliere private, conosciute, appunto, a Londra.

Collaborazioni che, sino ad oggi, hanno portato, nelle Marche, 50 pazienti di lingua anglofona. E siamo solo all’inizio. 600 operatori del settore, circa 16 paesi del mondo coinvolti, tra cui, per la prima volta, Argentina, India, Singapore e Mauritius, e numerose sessioni di approfondimento: questo è UKESAD. Non solo una vetrina su come superare il tunnel delle dipendenze, ma una vera e propria fucina di stimolo e di confronto per raggiungere standard di recupero del paziente sempre più elevati. Obiettivo che lo stesso San Nicola vuole perseguire con l’integrazione dei due metodi di cura più accreditati, quello francese e quello del Minnesota.

Ma la carta vincente della struttura, unica realtà riabilitativa in Italia ad offrire nel campo delle dipendenze questa opportunità, è l’equipe multidisciplinare bilingue, italiano e inglese, come riconosciuto anche nell’ambito dell’UKESAD. Secondo i vertici del Centro “si tratta di un punto di forza sia per i pazienti italiani sia per quanti provengono da oltre confine. Ecco perché sempre più stranieri scelgono le Marche per riabilitarsi”. E Londra non disdegna, pur guardando ad altre strutture come quelle francesi o spagnole che quest’anno ha ospitato, per la prima volta, all’UKESAD. Anche se la credibilità e la professionalità ‘made in Italy’ sembrano essere quelle più gettonate.





Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 07-05-2015 alle 17:18 sul giornale del 08 maggio 2015 - 2079 letture

In questo articolo si parla di sanità, arcevia, attualità, villa silvia, senigallia, piticchio, pubbliredazionale, sanità e territorio, centro San nicola

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ai6Q

Leggi gli altri articoli della rubrica Sanità e territorio