Si apre la Festa della Scienza: in programma novità, esperimenti e un ospite d'eccezione: la Luna

06/05/2015 - Stampanti 3D che producono oggetti con il cioccolato, un frammento di Luna proveniente da Huston, laboratori e Silent Disco. Sono solo alcune delle attività previste all’interno del week-end dedicato alla scienza firmato Fosforo per il quinto anno consecutivo.

 “Fosforo è una festa e partecipare alla festa significa presentare dei progetti”.
  Fosforo è un modo per allargare gli orizzonti, un momento di divertimento.
Queste e tante altre definizioni sono state date alla “Festa della scienza”, manifestazione che ha preso ufficialmente il via la mattina di mercoledi 6 maggio all’istituto Corinaldesi di Senigallia, alla presenza, tra gli altri, degli alunni della scuola, del sindaco Maurizio Mangialardi e di uno dei fondatori, Mattia Crivellini.

Ad aprire con orgoglio la conferenza stampa è stato il dirigente scolastico Daniele Sordoni, che ha precisato l’importanza di diffondere la scienza come cultura, ma anche come spettacolo.
L’assessore alla cultura del comune di Senigallia Stefano Schiavoni ha sostenuto che l’evento continuerà a rappresentare una grande opportunità per la città e tutto il territorio, la strategia vincente che finora ha assicurato il successo della manifestazione è “la combinazione di elementi costanti con le novità sulla produzione”, infatti, come ogni anno l’amministrazione comunale partecipa e si affianca all’organizzazione, mettendo a disposizione gli spazi.
Anche il comune di Corinaldo fa parte del progetto, insieme alla Pro Loco. Il vicepresidente Livio Scattolini ha spiegato il perché di questa collaborazione nella possibilità di “allargare gli orizzonti”, sottolineando l’importanza che ha l’evento per il turismo.

Maurizio Mangialardi non ha dubbi: quest’anno Fosforo riuscirà a portare i concetti della scienza da una distanza irraggiungibile, “lunare”, alla semplicità della Terra, in modo che tutti possano comprenderli e capire il fascino delle tecnologie e delle nuove scoperte. Il sindaco ha ricordato che dopo cinque anni la manifestazione è ancora un successo perché “da soli si va forte, ma insieme si va lontano”; Fosforo, infatti, è diventato un po’ il simbolo della speranza per Senigallia, in quanto è stata la prima manifestazione ad essere ripristinata dopo l’alluvione del 3 maggio 2014.
L’assessore alle politiche giovanili Campanile sottolinea che i giovani si sentono sempre molto coinvolti nell’evento, anche grazie a questo aspetto la festa della scienza contribuisce a creare l’immagine che la città porta nel mondo, assieme agli altri unici e interessanti eventi che offre.

L’ultimo intervento spetta a Mattia Crivellini, Fosforo nasce da una sua idea ed è lui stesso a definire questo progetto una “festa”, capace di coinvolgere soprattutto i ragazzi grazie a stage appositamente dedicati alle scuole, che si svolgeranno nei giorni di venerdi e sabato.
In particolare per la prima giornata ha citato l’evento “QR-CODE- 100 dalla Grande Guerra”, volto a coniugare la storia con la scienza, dove “i ragazzi di New Media (dell’istituto Corinaldesi) portano sul palco l’ultima mostra con QR-CODE realizzata per il meeting della pace di Udine”, come recita la breve descrizione nella brochure.

Per sabato pomeriggio, invece, è previsto un evento “pop”: gli studenti dell’istituto di ragioneria dimostreranno come si utilizza una stampante 3D, solo che, invece di stampare usando la plastica, lo faranno con il cioccolato! Crivellini ha segnalato, inoltre, due novità per l’estate 2015, che si svolgeranno ugualmente all’interno del week-end dedicato alla scienza: il “calcio-biliardo”, o snookball, che si giocherà con i principi del tavolo verde su un campo grande 6x3 metri usando le palle da calcio e i piedi al posto delle stecche e la rivoluzionaria “silent disco”. Una discoteca a tutti gli effetti, allestita nel Foro Annonario, dove si potrà ballare, divertirsi e ascoltare musica… con le cuffie! Sarà allestito un palco con due dj, chi avrà gli auricolari potrà sintonizzarsi sulla frequenza della consolle che preferisce e scatenarsi, nel più totale rispetto acustico di chi passeggerà in centro.
Tuttavia, l’ospite d’onore sarà la Luna, o meglio, un frammento di essa preso durante l’ultima missione dell’uomo sul satellite con l’Apollo 17, proveniente dalla zona Taux Litro. Normalmente viene custodito a Huston, ma in via eccezionale sta attraversando l’Italia in un “tour”, del quale Fosforo è la prima tappa. Il frammento sarà esposto in una mostra apposita nella giornata di domenica.

A chiudere la presentazione dell’evento sono stati i ragazzi dell’associazione “Rose bianche sull’asfalto”, che saranno presenti per tutta la durata della festa con uno stand, volto a sensibilizzare la cittadinanza a prevenire gli incidenti stradali causati dalla guida in stato di ebrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.
Fosforo, dunque, è un evento da non perdere, è una festa che permette di coinvolgere bambini e adulti, perché in fondo, il potere della scienza non finisce mai di stupirci. Sarà un’occasione per imparare, ma anche ricordare e rivivere, in quanto non è esclusa la presenza in piazza della leggendaria Deflorian, l’auto del film “Ritorno al futuro”. Come recita la prima pagina del depliant ufficiale, Fosforo è “dedicato a chi bambino negli anni ’80 ha iniziato a scoprire la scienza attraverso un meraviglioso viaggio nel tempo”.







Questo è un articolo pubblicato il 06-05-2015 alle 18:59 sul giornale del 07 maggio 2015 - 529 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione senigallia, articolo, maddalena piattella

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ai3W





logoEV