Safer Internet Day 2015. Progetto: Toc Toc? Ci sei? O sei connesso?

05/05/2015 - L’AGE, il Centro Studi Nostos di Senigallia e la Fondazione OIERMO di Castellammare di Stabia (NA), in collaborazione con gli Istituti Comprensivi delle due città, in occasione della Giornata della Sicurezza in Internet di febbraio, hanno proposto in parallelo un breve questionario on-line ai genitori, finalizzato a capire il rapporto esistente tra le tecnologie digitali (es. smartphone) ed i loro giovani utilizzatori.

Sono ormai disponibili i risultati che verranno restituiti alle Scuole senigalliesi secondo il seguente calendario: 9 maggio, ore 9,00
- IC Sud- Belardi c/o Centro Sociale Adriatico di Marzocca 15 maggio, ore 17,00
- IC Nord- Mercantini c/o Aula Magna Mercantini 23 maggio ore 9,00
- IC Centro- Fagnani c/o Aula Magna 29 maggio ore 17,00
- IC Marchetti c/o Aula Magna Agli incontri sono invitati genitori, insegnanti, educatori e chiunque volesse approfondire le strategie educative di prevenzione ad un uso più moderato delle tecnologie digitali ed ad una più corretta presenza dei ragazzi sui più noti social network.

In sintesi, la partecipazione al sondaggio è stata apprezzabile, con 180 questionari a Castellammare (solo I.C. Di Capua) e circa 400 a Senigallia (tutte le scuole) con alcune sensibili differenze:
- la platea stabiese è molto più tecnologica di quella senigalliese;
- i genitori stabiesi usano molto più abitualmente facebook rispetto ai genitori marchigiani (forse una naturale e tecnologica trasformazione della abitudine stabiese a frequentare la piazza del quartiere);
- i ragazzi stabiesi utilizzano meno, rispetto al dato pervenuto dalle Marche, i social network come strumento di studio ma preferiscono utilizzarlo prevalentemente per chattare;
- i genitori di Senigallia (55%) sono più rigidi quando i ragazzi siedono a tavola proibendo l’uso del cellulare;
- è emerso che gli adulti stabiesi sono più permissivi circa la presenza su Facebook dei ragazzi. Infatti, il 20,75% a Senigallia proibisce l’iscrizione (rispetto al 13,5% di Castellammare) su FB e solo il 25,5 % di Senigallia dà il permesso contro il 31,1 % di Castellammare. In generale, i risultati hanno evidenziato che i genitori sono solo parzialmente consapevoli dei rischi di internet e che pertanto iniziative come quella realizzata sono necessarie a migliorare il proprio ruolo educativo.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-05-2015 alle 21:08 sul giornale del 06 maggio 2015 - 825 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aiZ2





logoEV