Regionali: Ceriscioli, dobbiamo convincere i marchigiani che cambiare è possibile

Luca Ceriscioli 03/05/2015 - 'Tutti noi dobbiamo convincere i marchigiani che cambiare è possibile. Pesaro, prima che diventassi sindaco, aveva 10 km di piste ciclabili, in 10 anni siamo passati a 80. All'inizio sembrava impossibile e oggi Pesaro è la capitale della bicicletta.

Questo significa che la determinazione e la voglia di fare possono portare avanti il cambiamento che serve per rilanciare l'economia della nostra regione. Serve una stagione nuova, vicino ai territori, tra la gente, caratteristica tipica degli amministratori che si può trasferire in regione. La sobrietà nei comportamenti e nelle scelte sara' determinante. Non sprecare risorse, smettere di premiare clientele dando spazio al merito. Siamo pronti manca un mesetto. Dobbiamo convincere le persone ad andare a votare. Gli esempi che i cittadini hanno sotto gli occhi non sono belli. Come il nostro presidente che è passato al centrodestra pur di mantenere la poltrona. Dobbiamo andare tra la gente e convincerli che cambiare è possibile.

Lunedì succederà una cosa molto importante. Si approverà l'Italicum, la legge elettorale. Finalmente chi vince le elezioni governa senza dover mediare. Grazie a Renzi che con determinazione porta avanti questo progetto. Quello che vale per l'Italia potrebbe non valere per le Marche. La nuova legge elettorale consente la governabilità solo raggiungendo un risultato importante. Per cambiare abbiamo bisogno di forza e per questo dobbiamo vincere bene per avere quei numeri per fare le scelte che servono a dare una svolta alla nostra regione'.





Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 03-05-2015 alle 09:07 sul giornale del 04 maggio 2015 - 703 letture

In questo articolo si parla di politica, luca ceriscioli, Comitato Ceriscioli Presidente, spazio elettorale autogestito

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aiRH


Cambiare è possibile!! Dopo 60 anni, non votare più il PD!!!!!

"....aveva 10 km di piste ciclabili, in 10 anni siamo passati a 80." Hai voluto la bicicletta !!?! Pedala.
Noi tanti elettori pedaleremo certo non a tuo favore.

Vitale Vitaliano

03 maggio, 21:59
Bisogna creare OCCUPAZIONE altro che piste ciclabili!
Tanto se va avanti così gli italiani, volenti o nolenti, in bicicletta ci dovranno andare per forza (visto che non potranno più permettersi nemmeno di coprare la benzina,,,,).
Un candidato che parla di piste ciclabili in un momento come questo vuol dire che è completamente avulso dalla realtà.

Tra voi del PD e Liste Civiche ad Osimo ( liste civiche di Latini intendo quelle che ha i piedi in due staffe in regione con il PD a Osimo contro il Pd con la vecchia amministrazione regionale. Ora alle prossime elezioni, canditati osimani liste civiche uno con Spacca il rivoluzionario destroide e ingannatore degli elettori Marchigiani altro con lei? ) Ma si può andare a votare in questa situazione.? Io presidente del comitato NO PRG di Osimo ho consegnato le schede elettorali della mia famiglia alla Prefettura di Ancona già mesi fà dopo che Equitalia incaricata dalle liste civiche di pigorarmi i miei beni e pensione solo perchè non riesco a pagare IMU per area edificabile mai richiesta da me e contestata dalla provincia di Ancona decide il TAR ma a cica dieci anni nessuno si pronuncia e i cittadini devono pagare tasse per un mercato che non cera e non ci sarà mentre imprese edili va in fallimento e famiglie stremate da tasse IMU e Tasi! ma da quelle aree edificabili ha solo redditi agricoli? Vergognatevi? Marini Angelo tel 328-4521586

vorrei solo ricordare che questa regione è governata da più di 25 anni dal PD e negli ultimi 10 dal PD cn Spacca .... SE LI CONOSCI LI EVITI ...

Canditato presidente ci dica cosa farà se verrà eletto, non quello che ha fatto a Pesaro o a cosa serve l'italicum!

Luigi Alberto Weiss

05 maggio, 08:31
Ceriscioli e il suo PD ovvero la convinzione che vendendo fumo si può vivere bene e a lungo. Piuttosto parli di sanità, trasporto pubblico, servizi sociali, reti telematiche, cultura. Settori finora governati da assessori regionali PD, con i risultati pessimi sotto gli occhi di tutto.