Mangialardi: "Che il tre maggio sia una giornata di tregua e riconciliazione nel ricordo delle vittime dell'Alluvione"

02/05/2015 - Tre maggio 2014. Il giorno dell’alluvione che ha sconvolto Senigallia spezzando vite umane, distruggendo abitazioni, mettendo in ginocchio le imprese, cancellando memorie legate agli affetti più cari delle persone. Una data funesta che segna un prima e un dopo per la nostra comunità locale. Niente sarà più come prima.

Oggi, ad un anno esatto di distanza da quella tragedia, il rispetto e la vicinanza che si deve alle famiglie delle vittime dell’alluvione ci impongono un silenzio di cordoglio ed affetto. 
Dal quattro maggio torneremo a discutere sulle dinamiche di quanto è accaduto, sulla ricostruzione dei fatti, sull’individuazione delle responsabilità.

Ma oggi no. Oggi mi piacerebbe ricordare ciò che in quel giorno ci ha unito: la solidarietà dei cittadini non toccati dall’acqua che sono corsi in strada per spalare le zone colpite, gli angeli del fango con i giovani volti pieni di speranza, le persone accorse da tante parti d’Italia per aiutare a liberare Senigallia dalle macerie. 
Da domani torneremo a litigare e a trasformare, purtroppo, quel fango in terreno di contesa politica. Continueremo l'impegno, iniziato esattamente un anno fa, a favore degli alluvionati.

Oggi, però, mi piacerebbe parlare della fierezza che in quei giorni ha riempito le menti ed i cuori dei senigalliesi che si sono rimboccati le maniche, ricordare la loro voglia di farcela nonostante tutto, l’orgoglio di una popolazione a mollo ma che non ha mai mollato, celebrare la capacità di reazione di donne, uomini,Istituzioni che sono stati capaci di rimettere in piedi la città in tempo per la stagione turistica.

Questo primo anniversario del tre maggio deve darci la consapevolezza che le mutate condizioni ci impongono di stabilire un rapporto nuovo con il fiume fatto di maggiore attenzione e rispetto ed attuato incalzando gli Enti preposti alla gestione del fiume, la Regione Marche e la Provincia di Ancona, affinchè realizzino gli interventi indispensabile per garantire serenità e sicurezza alla popolazione di Senigallia. 
Mi piacerebbe riuscissimo a vivere questo anniversario come un giorno di tregua e di riconciliazione.

E che il ricordo di quel dolore che riuscì ad unirci un anno fa riesca a farci sentire ancora una volta e fino in fondo una comunità coesa e solidale con sè stessa.


da Maurizio Mangialardi
candidato Sindaco di Senigallia




Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 02-05-2015 alle 20:28 sul giornale del 02 maggio 2015 - 1560 letture

In questo articolo si parla di maurizio mangialardi, politica, alluvione, sindaco, spazio elettorale autogestito e piace a Daniele_Sole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aiQ5