Tenta di rapinare un fruttivendolo, denunciato un trentenne

polizia 29/04/2015 - Un giovane, originario della Puglia, è stato denunciato dalla Polizia di Senigallia perché responsabile di una tentata rapina commessa nel tardo pomeriggio di martedì nei confronti di un uomo che, con il proprio mezzo carico di frutta, si trovava nei pressi di via Gorizia.

Il tutto è iniziato intorno alle 19,30 quando il giovane si è presentato in prossimità di via Gorizia e qui alla presenza dell'uomo, anche lui di origine pugliese, che stava sistemando della frutta sul propro mezzo, ha cominciato ad inveire e a gridare cercando di costringere l'uomo a dargli i soldi che si trovano all'interno della cassa. Al rifiuto del fruttivendolo, il giovane si è avvicinato e ha cominciato a colpirlo con calci e pugni. A quel punto è intrvenuta la moglie del fruttivendolo chiamando il 113 della Polizia di Stato.

Dopo l'intervento della donna, l'uomo ha cercato di scagliarsi verso la cassa che si trovava sul furgone ma qui è stato bloccato dalla donna la quale ha ceercato di spingere il giovane per evitare che questi riuscisse a prendere la cassa con tutti i soldi. Dopo questa colluttazione e non riuscendo a prelevare il denaro, il rapinatore si è allontanato a bordo di una bicicletta, facendo perdere le proprie tracce. Nel frattempo, è arrivato un equipaggio della Volante del Commissariato che ha raccolto le prime informazioni dalle due persone verso cui era stata tentata la rapina.

Sulla base delle descrizioni fornite il secondo equipaggio della Squadra Volante si è messo alla ricerca dell'uomo resosi autore della tentata rapina. Sono state dunque controllate tutte le vie limitrofe al punto in cui è avvenuto l'episodio nonché l'interno dei locali pubblici presenti nella zona. Nel frattempo, altro personale del Commissariato ha esteso le ricerche ed infatti a distanza di qualche ora è stato rintracciato l'uomo di circa trent'anni, C.D., da tempo residente a Senigallia e con diversi precedenti penali per reati contro il patrimonio, che risultava corrispondere nella descrizione dell'abbigliamento al soggetto che durante il tardo pomeriggio aveva tentato la rapina a carico delle due persone.

Il fruttivendolo e la moglie nel frattempo sono andati al pronto soccorso per le cure del caso. L'aggressore invece è stato accompagnato presso gli uffici del Commissariato e dopo gli atti di rito è stato denunciato all’autorità giudiziaria.





Questo è un articolo pubblicato il 29-04-2015 alle 14:41 sul giornale del 30 aprile 2015 - 1751 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aiKr


mario cardone

30 aprile, 09:59
Con la depenalizzazione di oltre 100 reati deliberata dal governo Renzi la certezza della pena diventa cosa sempre più illusoria e i cittadini percepiranno un senso di impotenza sempre crescente. Le forze dell'ordine senza una giusta legge a supporto hanno sempre più le mani legate. Presto ci diranno prendete il porto d'armi e compratecompratevi una pistola come in america per la gioia delle industrie belliche a cui stanno facendo questo regalo facendo leva sulla paura indotta volutamente alla gente. Nulla accade per caso.