Cpl Concordia: Mangialardi al M5S, 'Nessuna decisione sull'illuminazione'

maurizio mangialardi 29/04/2015 - Cpl Concordia, il sindaco Mangialardi replica agli attacchi del Movimento 5 Stelle: "Non è stata presa alcuna decisione sul servizio di gestione e manutenzione della pubblica illuminazione e degli impianti semaforici" E su Cpl Concordia: "Non abbiamo nulla da nascondere e di fronte al minimo elemento saremo inflessibili nell'agire per il rispetto della legalità e della trasparenza"

"Come ho già detto alcune settimane fa, a Senigallia non c'è spazio per chi non rispetta rigorosamente le leggi e si muove in maniera opaca. Dei problemi di carattere giudiziario che hanno investito la Cpl Concordia siamo perfettamente consapevoli, tanto che già alla fine della scorsa estate ho proceduto in via precauzionale a fare una segnalazione alla Procura della Repubblica al fine di fare chiarezza. Se emergerà solo un minimo elemento tale da inficiare il rapporto tra il Comune di Senigallia e la Cpl Concordia saremo inflessibili nell'agire di conseguenza per il rispetto della legalità e della trasparenza, sia nei rapporti già in essere (gestione calore) sia per quanto riguarda la gara per il servizio di gestione e manutenzione della pubblica illuminazione.

Questa Amministrazione non ha nulla da nascondere e non ha mai nascosto nulla ai cittadini: tutti gli atti emanati sono atti pubblici e come tali vengono pubblicati sul sito del Comune di Senigallia, restando perciò accessibili in ogni momento a chiunque interessato. Nel frattempo, però, va riaffermata la verità: rispetto alla concessione del servizio di gestione e manutenzione della pubblica illuminazione e degli impianti semaforici, il Comune di Senigallia non ha assunto alcuna decisione, tanto meno quella di legarsi a Cpl Concordia per 25 anni. Al momento, abbiamo solo preso in considerazione la proposta formulata da Cpl Concordia ed bandito una gara d'appalto di livello europeo aperta a tutte le imprese qualificate. Tale gara potrà avere esito con l'individuazione dell'aggiudicatario e del concessionario solo se la competente commissione di gara giudicherà idonee e meritevoli le offerte pervenute, scegliendo la più conveniente.

In caso diverso l'amministrazione ha la facoltà di non aggiudicare la concessione. In questo momento, non esiste alcunché da revocare per il semplice fatto che, rispetto al servizio di energia elettrica, non esiste alcun tipo di impegno contrattuale assunto né con Cpl né con altri. Inoltre, mistificatorio è l'utilizzo che è stato fatto delle cifre: non è vero che la durata della concessione è stabilita in 25 anni, così come non lo è l'importo di 27 milioni di euro. I dati riguardano la proiezione su un periodo ipotetico di 25 anni del costo sostenuto oggi dall'amministrazione per i servizi di energia elettrica, che ammonta a poco più di un milione di euro all'anno. Questa sarà la cifra messa in gara al ribasso, con obbligo per l'impresa vincitrice di effettuare investimenti per oltre tre milioni di euro in tre anni".





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-04-2015 alle 18:15 sul giornale del 30 aprile 2015 - 1172 letture

In questo articolo si parla di comune di senigallia, maurizio mangialardi, politica, senigallia e piace a Daniele_Sole Jules

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aiLq


Dovrebbe funzionare cosi'.
Chi vincera' l'appalto si impegna ad investire per rinnovare e mantenere in efficienza fino alla fine del contratto l'impianto di illuminazione.
Al momento attuale il Comune spende circa 1.000.000 € l'anno(..stic@##i...) e la stessa cifra andra' all'asta al ribasso.
Ammettiamo che chi si aggiudica offra, per dire, 800.000 €/anno: il Comune versera' quella cifra per i successivi anni (quindi 800.000 anziche' 1.000.000). Il privato guadagnera' in base alla durata del contratto e all'efficienza della sua struttura e dal fatto che il rinnovamento delle strutture di illuminazione (grazie all'efficienza energetica) gli fara' spendere comunque di meno di energia.
Questo tipo di contratto poi prevede che il bene torni nella piena disponibilita' del pubblico alla scadenza del contratto in perfette condizioni.
Il Comune quindi alla fine si ritrovera' con un sistema nuovo e piu' efficiente.
Quindi dove sta lo scandalo?
Oppure e' solo legato al nome CPL?

PS: non si tratta del tanto contestato "project financing" che non funziona in questo modo.
PPS: casomai ci si potrebbe chiedere se il Comune non possa esso stesso trovare i soldi per fare questo investimento. Ma dipende da quali soldi sono disponibili

Commento modificato il 29 aprile 2015

caro Sindaco, non ti preoccupare dei grillini rimasti, noi in tanti nè siamo usciti dopo aver cercato dal di dentro di portare un po' di democrazia..... senza peraltro riuscirci, perchè vedono il marcio a prescindere. La loro teoria é che solo loro sono i puri senza però ricordarsi degli inganni da loro perpetrati e del loro motto "uno vale uno ...... ma se non la pensi come me non sei nessuno"

Caro frulla_48,
se 48 indica il suo anno di nascita non mi meraviglia faccia confusione con la democrazia.

L'uno vale uno, egregio, è riferto ai voti, non alle decisioni.

Ho visto come si comportano i 5stelle di senigallia:

Uno aveva rapporti con un esponente del pd di jesi, un'altra si preoccupava delle "medicine" alternative come argomento prioritario da affrontare (classico caso di "non si deve trascurare la bottega").

In un paese sano ci vogliono due caratteristiche fondamentali per essere dei buoni amministratori, pubblico o privati che siano:

Onestà e competenza.

L'una senza l'altra serve a poco.

Che si debba dar retta ad uno con la terza media, senza nessuna competenza in argomenti specifici, per poi rischiare di essere commentati come antidemocratici è tipico dell'italiano.

Egli, come lei, è una persona che ritiene la democrazia sia uno uguale l'altro, mentre la democraiza, detto in poche parole, è parità di diritti.

Egli, come lei, ritiene che le idee o i progetti di un incompetente valgano quanto quelle di uno competente.

L'attuale sindaco è un perfetto rappresentante del pdino (renzino) medio:

Tutto votato all'estetica, sempre pieno di giustificazioni, sanno tutto loro (senza aver nessuna competenza per lavoro o studio), gli altri non capiscono nulla.

I "grillini" vedono del marcio dappertutto perchè i "democratici" sono sempre pronti al compromesso, la legalità e il rispetto delle regole e dell'etica non è nel vostro credo.

Vi alleate con chi vi fa più comodo (Spacca e Renzi lo dimostrano ampiamente).

Siete, in altre parole, permalosi, bugiardi, incompetenti, ignoranti, ANTIdemocratici (eh, si, siete anche questo).

Siete uno spaccato dell'italia peggiore.

Il PD attuale, perlomeno quello nazionale, è partito di governo di TUTTA la storia repubblicana italiana che più, per metodi e parole, si avvicina al partito fascista (quello di mussolini).

Ma per sapere questo bisognerebbe aver studiato storia e aver letto qualcosa sulla democrazia al di la degli slogan elettorali.

p.s.:
Caro sindaco,
lei è un po' troppo permaloso per essere un politico, forse ha sbagliato mestiere.

Stai sereno pd, che l'italiano ti vota.




logoEV