Corinaldo: un week end da tutto esaurito, fra le commemorazioni del 25 Aprile e la Festa dei Folli

27/04/2015 - Fra il 25 Aprile e la "Festa dei Folli", il fine settimana appena trascorso a Corinaldo ha fatto registrare il tutto esaurito. Due giorni caratterizzati da due importanti manifestazioni di natura profondamente diversa l'uno dall'altro ma che hanno accesso il "paese più bello del mondo" nell'ultimo fine settimana di Aprile: la Commemorazione della Festa della Liberazione, quest'anno al suo 70esimo anniversario e la "Festa dei Folli" con la oramai caratteristica "Crazy Color Run", in questa occasione alla sua terza edizione.

Procedendo per ordine cronologico, nel cuore della mattinata di sabato, esponenti dell'Amministrazione comunale (con il sindaco Matteo Principi e tutti i gli assessori della sua Giunta), delle forze dell'ordine (presenti rappresentanti dei CC, della Finanza e della Polizia Locale), delle varie Istituzioni assieme a numerose altre personalità e un'autentica folla di persone si sono riuniti a dar forma ad un foltissimo corteo in occasione della commemorazione della "Festa della Liberazione.

Corte che si è originato dirimpetto al Municipio e che ha iniziato nel migliore dei modi per rendere omaggio al 70esimo anniversario della Festa. In successione, sono avvenute la deposizione di corone in prossimità del Sacrario e dei Monumenti ai caduti, mentre il corteo, capeggiato dal Gonfalone e dalle varie autorità, ha fatto ritorno al Municipio. Il tutto in compagnia delle pertinenti note del Corpo Bandistico "Città di Corinaldo".

In Municipio, infine, la mattinata si è conclusa con la tradizionale consegna della Borsa di studio "Arnaldo Ciani". "Riflessioni a cento anni esatti dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale". Questo l'argomento con cui gli alunni dell'Istituto Comprensivo "G. degli Sforza" si son dovuti cimentare. E il vincitore, in questa occasione, è risultato essere Pietro Luzi mentre l'elaborato segnalato è stato quello realizzato da Giulia Vitali. Entrambi hanno ricevuto premi in denaro.

"Credo che in una giornata come oggi (il 25 aprile per chi legge, ndr) - ha esordito il sindaco Matteo Principi - sia doveroso sottolineare il senso di sacrificio compiuto da centinaia di migliaia di combattenti al fine di donare ad altre, moltissime persone una vita all'insegna della libertà. Rapportare, vale a dire, quei valori letteralmente scesi in campo cento anni fa alla vita attuale, per alimentare in noi una speranza legittima".

"Non può che farmi piacere - ha proseguito il prof. Settimio Ciani - sapere che ci si ricordi di sacrifici e drammi sì lontani ma quanto mai impressi nella nostra memoria soprattutto se raffrontati con in tempi che stiamo vivendo. Uno stimolo che può e deve incoraggiarci a lottare per un futuro migliore".

Il preside Francesco Savore, infine ha elogiato i componimenti dei suoi alunni. Nel pomeriggio il clima, come era ovvio che fosse, si è trasformato.

Dai ricordi dei sacrifici compiuti cento anni or sono ci si è rituffati nel presente. Un presente coloratissimo, dato che il programma contemplava la prima giornata della terza edizione della "Festa dei Folli", organizzata dal Gruppo Storico "Città di Corinaldo".

Il cui clou, tra stand gastronomici e con prodotti tipici, mercatini, laboratori dedicati a bambini, musica e altro ancora, ha avuto luogo proprio nel pomeriggio di sabato 25. Vale a dire quando oltre 1200 atleti hanno dato vita alla "Crazy Color Run", la ormai tipica corsa nel cuore della festa. Un arcobaleno umano: questo è il termine più consono per descrivere ciò che si è presentato agli occhi al momento della partenza (lo ricordiamo, la corsa non era competitiva e, quindi, non risultano esserci vincitori). Prima della gara, infatti, il divertimento è stato assicurato dallo spruzzarsi addosso a vicenda quantità notevoli di polvere di mais colorata (atossica e biodegradabile al 100%) per rendere, come già anticipato, l'atmosfera ancor più frizzante.

Ed è stato davvero un piacere per centinaia di spettatori e visitatori ammirare questo "serpente" dipinto di atleti, professionisti e non, insinuarsi fin nei meandri del centro storico di Corinaldo. La corsa, infatti, prevedeva 5 giri per un totale di 5,5 chilometri, con partenza, non a caso, da piazzale della Liberazione. Una attività sportiva che, insieme a tutto quanto contemplava il programma, ha davvero riempito Corinaldo di migliaia di persone.

La "Festa dei Folli" poi è continuata ieri, domenica, con il Campionato Nazionale Arcieri Storici e Tradizionali che ha colorato il borgo corinaldese, il Gruppo storico "Combusta Revixi" il quale si è esibito per le vie del paese e l'arte dei Centro Italiano dei Madonnari, con i loro "quadri" realizzati in tempo reale fra i sampietrini corinaldesi.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-04-2015 alle 15:47 sul giornale del 28 aprile 2015 - 636 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di corinaldo, corinaldo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aiEs