Corinaldo: commozione ai funerali di Anna Carla Pulcinelli

Anna Carla Pulcinelli 26/04/2015 - Si è svolto, presso la Chiesa Parrocchiale di San Francesco, il funerale di Anna Carla Pulcinelli, moglie del presidente della Banca di Credito Cooperativo di Corinaldo Felice Saccinto.

Nella chiesa, gremita di gente, erano presenti il Sindaco di Corinaldo Matteo Principi, il Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Senigallia Cap. Cleto Bucci, il presidente della Fedarazione Marchigiana delle BCC Bruno Fiorelli, i presidenti e direttori generali delle BCC marchigiane, il direttore generale della BCC di Corinaldo Mauro Tarsi con tutti i suoi dipendenti. L’'ex direttore della Banca d'’Italia Filiale di Ancona dott. Cosimo Centrone il 25 aprile, accompagnato dalla moglie, ha fatto visita all’'Estinta, intrattenendosi per molto tempo con il presidente della BCC Felice Saccinto.

Anche il direttore Generale della Federazione Marchigiana delle BCC Franco Di Colli la sera del 24 aprile si è recato a Corinaldo, per porgere l’'ultimo saluto alla cara sig.ra Anna Carla. All’'inizio della Santa Messa la Chiesa Parrocchiale era gremita di fedeli. Ha officiato il parroco monsignor Giuseppe Bartera che, nell'’Omelia, ha ricordato la figura di Anna Carla. Molta commozione da parte dei familiari e dell’'adorata nipote Giulia, la quale ha scritto queste due lettere alla nonna, lette dalla zia Clara Saccinto, che hanno fatto commuovere i presenti. “

"Sei stata la mia ancora di salvezza, sarai il mio “ancora” per il domani. Sei una di quelle poche persone che lasciano un segno, che ti sei premurata di incastonare all’interno di noi, marchiati dalla tua presenza per i giorni a venire. E sai perché sarai perennemente nella mia memoria? Perché facevi star bene, e di stare bene, noi non ci stanchiamo mai; portavi quiete dove vi era la tempesta. Perché regalavi sorrisi anche senza un apparente motivo, ci scaldavi l’animo con le parole che ci dedicavi.
Avessi saputo che sarebbe stato l’ultimo abbraccio, giuro t’avrei stretto più forte! Da piccola ti avevo promesso che non ci saremmo mai allontanate troppo, e che anche se lo avessimo fatto, poi ci saremmo sempre ritrovate. Che per tutte le volte che avremmo litigato,poi per ognuna di esse avremmo fatto pace. Bene, tu sei stata costretta ad intraprendere questo cammino, che ti ha allontanato fisicamente da me, e che, per cause impedienti, non hai purtroppo potuto evitare.
Ma io tutt’ora rinnovo la mia promessa che un giorno ci ritroveremo, tu aspettami, e quando sarà il momento, mi rivedrai nuovamente al tuo fianco. Legate come siamo, nessuno potrà dividerci, neanche la morte. Questo non è un addio, ma un arrivederci. Con la certezza di essere nel tuo cuore, e con la sicurezza che risiedi nel mio, buon viaggio Nonnina, mi mancherai!
”"

“"Cara Nonna, non so se mi farò mai una ragione di averti persa con così tanta facilità. Tu che eri roccia indistruttibile, fonte di gioia e vitalità. Rimpiango ogni attimo in cui avrei potuto darti un bacio o una carezza di più. Mi hai accompagnata durante la crescita, nel bene e nel male, nella buona e nella cattiva sorte. Sei stata una delle figure di riferimento che più mi hanno influenzato,tu che eri colma di pregi, e tenevi così pochi difetti.
Se ti scrivo, è ormai giunta la fine della tua passeggiata terrena, e si sta avvicinando l’ingresso per il posto cui eri destinata ad andare. Si prevedono momenti difficili, privati come siamo dei sorrisi carichi d’affetto che riservavi esclusivamente a noi. Sei tutta una scoperta nonna, ed il tempo che ho passato al tuo fianco, mi ha permesso di esplorare ogni più piccola sfaccettatura di te e del tuo essere. Mi auguro che si prendano cura di te, e che da angelo quale sei, ti trattino come tale. Inutile sottolineare che senza te noi stiamo male, e sin dal momento che ci hai lasciati, le cose hanno perso un po’ del loro valore. Proteggici e dacci la forza di sovrastare tutto questo dolore, in modo che non finissimo annientati dalla potenza di quest’ultimo. Ti voglio bene nonna, e ricordati che seppur hai abbandonato il tuo corpo e non fai più parte di questo mondo, sarai sempre viva nel mio cuore. Fino a quando non ci rivedremo, Sempre tua, GIULIA
”"

Il parroco al termine delle lettere ha letto il messaggio del Vescovo Diocesano Mons. Giuseppe Orlandoni e il saluto del Cancelliere Mons. Umberto Mattioli.
La Santa Messa di settima verrà celebrata domenica 3 maggio, alle ore 11,15, presso la Chiesa Parrocchiale di San Francesco.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-04-2015 alle 20:21 sul giornale del 27 aprile 2015 - 1621 letture

In questo articolo si parla di attualità, ilario taus, corinaldo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aiBY