Porto Recanati: risultava residente a Senigallia. In realtà viveva all'Hotel House e spacciava eroina

Guardia di Finanza all'Hotel House 21/04/2015 - Ennesimo arresto per la Guardia di Finanza di Porto Recanati all’interno dell’Hotel House. Questa volta, a finire in manette è M.R., un trentaseienne di origini pakistane, formalmente residente a Senigallia.

A lui, i finanzieri sono arrivati grazie ai continuoi controlli nella zona, noti alle cronache locali, soprattutto con il fine di abbattere il traffico illegale delle sostanze stupefacenti. Nella tarda serata di lunedì, l’uomo è stato notato dai finanzieri appostati all’interno del condominio: mentre i militari si avvicinavano per effettuare l'identificazione, M.R. è fuggito in un appartamento e da lì ha lanciato un involucro fuori da una finestra. L'involucro, che conteneva eroina, è stato individuato da un altro finanziere, appostato nel parcheggio interno del condominio, che ha provveduto ad informare i suoi colleghi.

Il pakistano veniva quindi identificato e la zona in cui si muoveva perlustrata con attenzione certosina, cosa che ha permesso di rinvenire un ulteriore involucro nascosto in un intercapedine contenente anch'esso eroina suddivisa in più dosi. L'uomo, nonostante risulti residente a Senigallia, di fatto viveva all'Hotel House in un appartamento dove teneva nascosti un bilancino di precisione ed un altro involucro di eroina. Complessivamente sono stati sequestrati 135 grammi di eroina, contanti per 100 euro e tre cellulari. 

M.R. è stato dunque arrestato e condotto presso la Casa Circondariale di Camerino, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria compentente.


di Arianna Baccani
redazione@viverecivitanova.it






Questo è un articolo pubblicato il 21-04-2015 alle 17:55 sul giornale del 22 aprile 2015 - 604 letture

In questo articolo si parla di cronaca, eroina, spacciatore arrestato, articolo, Arianna Baccani, hotel house di porto recanati

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ain3





logoEV