Stoccaggio CO2 nell'Adriatico, Ricciatti (Sel) chiede chiarimenti al Mise sul progetto Sibilla

lara ricciatti 20/04/2015 - “I cittadini hanno il diritto di sapere cosa accade nel proprio territorio, conoscere gli eventuali rischi per la salute e determinare le scelte che li riguardano”. Lo afferma l’on. Lara Ricciatti di Sel in merito al progetto ‘Sibilla’, che prevede lo stoccaggio di CO2 in un pozzo situato a pochi chilometri a largo da Senigallia.

Nel 2012 la società Independent Gas Management Srl ha depositato una istanza per l’ottenimento della pronuncia di compatibilità ambientale per un progetto di ricerca, finalizzato all’ottenimento della licenza di esplorazione per lo stoccaggio geologico di biossido di carbonio, nell’area del Mar Adriatico Centrale.

Il progetto di ricerca ‘Sibilla’ prevede essenzialmente lo studio di dati pregressi e il re-entry di un pozzo già esistente, denominato ‘Cornelia 1’ (profondità da fondo mare a 1613 m s.s.l., perforato per conto della joint-venture AGIP-SHELL nel periodo aprile-giugno 1969), come sito di stoccaggio di biossido di carbonio, attività regolata da una direttiva europea volta a diminuire la presenza di CO2 nell’aria attraverso attività di sequestro e stoccaggio sotterraneo del gas.

Nel 2012 sia la Regione Marche (attraverso il Dirigente della posizione di funzione valutazioni ed autorizzazioni ambientali) che la Commissione tecnica per la Verifica dell’Impatto Ambientale VIA-VAS del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare esprimevano parere favorevole al progetto di ricerca, preliminare all’attività di stoccaggio vera e propria.

“Nonostante le reiterate richieste avanzate da diversi soggetti istituzionali in più sedi, a partire dal 2012, ad oggi non è ancora chiaro lo stato dell’arte di questo progetto - spiega la deputata di Sel -, progetto che porta con se comprensibili perplessità in ordine ai possibili rischi per la salute e la sicurezza dei cittadini che risiedono sopratutto in aree limitrofe”.

Con il decreto Sblocca Italia (settembre 2014) le competenze su tali attività sono state trasferite al ministero dello Sviluppo economico, con procedure semplificate, anche se diverse regioni, tra le quali le Marche, hanno sollevato il conflitto di competenze innanzi alla Corte Costituzionale.

“Negli scorsi giorni sono stata sollecitata da alcuni cittadini per capire a che punto sia il progetto - spiega Ricciatti, capogruppo Sel in commissione Attività produttive - ho, pertanto, presentato una interrogazione parlamentare rivolta al ministro dello Sviluppo economico per chiedere informazioni dettagliate sull’iter del progetto Sibilla”.


 


da Lara Ricciatti
Deputata - SEL - Sinistra Ecologia e Libertà




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-04-2015 alle 15:16 sul giornale del 21 aprile 2015 - 899 letture

In questo articolo si parla di politica, senigallia, lara ricciatti, stoccaggio di co2

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aiki





logoEV