Identificato e denunciato l'automobilista che si schiantò contro un'abitazione, il 24enne non ha la patente

13/04/2015 - I carabinieri della Compagnia di Senigallia hanno identificato e denunciato in stato di libertà l’automobilista che sabato notte si trovava alla guida dell’Opel Astra che si è schiantata contro il muretto di recinzione di un’abitazione lungo la statale adriatica nord.

Si tratta di un 24enne originario del Marocco, regolare sul territorio nazionale e residente a Mondolfo (PU), che, dopo il violento impatto nel quale era rimasto illeso, aveva abbandonato l’auto di proprietà di un conoscente.

Il giovane, risultato sprovvisto della patente di guida perché mai conseguita, è stato ora denunciato per il reato di guida senza patente.

Inoltre, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, i carabinieri della locale stazione hanno denunciato in stato di libertà anche un 63enne residente a Cagli (PU). Fermato alle 3:30 della notte tra domenica e lunedì in via Goldoni, l'uomo è stato denunciato per il reato di guida sotto l’influenza di sostanze alcoliche. Sottoposto al test dell’etilometro è risultato infatti avere un tasso alcolemico pari a 2,60 g/lt.

Pertanto i militari, che hanno denunciato l’uomo, hanno provveduto a sequestrare l’auto e ritirare la patente di guida del 63enne.







Questo è un articolo pubblicato il 13-04-2015 alle 14:03 sul giornale del 14 aprile 2015 - 3691 letture

In questo articolo si parla di cronaca, incidente, mondolfo, senigallia, cagli, Sudani Alice Scarpini, carabinieri di senigallia, denuncia, controlli sul territorio, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ahZo


Se guidare senza patente è un reato, a rigore, andrebbe denunciato anche il proprietario dell'auto che gliel'ha prestata.

A cui si aggiunge i guai a cui andrà incontro visto che l'assicurazione non copre chi è sprovvisto di patente.

In definitiva se è condannabile (e speriamo i giudici usino la mano pesante, per dare l'esempio) il "marocchino regolare che risiede a mondolfo (dove a mondolfo? cosi ci facciamo un'idea di chi possa essere sto criminale)" dovrebbe essere legnato (dai giudici, e pesantemente) anche il proprietario.

E' sommamente ipocrita che ci si mobiliti tanto per "l'omicidio stradale" ma ci si accorga di chi guida, addirittura, senza patente che, dunque, non ha la minima idea del comportamento base sulla strada ne, ovviamente, avere le capacità tecniche minime per guidare un auto, solo in caso di incidente.

Dunque tutte le violazioni al codice sono ammesse finchè non conducono agli incidenti.

Ecco l'ipocrisia.

Complimenti alle forze dell'ordine, negligenti come da tradizione.

Luigi Alberto Weiss

14 aprile, 08:01
Tristalia, così legalista e integerrimo, potevi risparmiati l'ingeneroso giudizio finale sulle forze dell'ordine. Anche perchè non conosci fino in fondo gli "atti" inviati al giudice a proposito dell'incidente e delle persone coinvolte, direttamente (l'autista fuggito) e indirettamente (il proprietario del veicolo). Bravo, complimenti per il grannitico senso civico!




logoEV