"Pedalando nella terra del Duca": Mangialardi, "Un percorso ciclabile di grande bellezza"

10/04/2015 - Sono state collocate venerdì mattina, per quanto riguarda il territorio senigalliese, le tabelle segnaletiche dell'itinerario ciclabile "Pedalando nella terra del Duca".

Prende così concretamente avvio il progetto di cui Senigallia è l'ente capofila e che mira ad aumentare sensibilmente l'offerta di Senigallia in un segmento di grande importanza come quello legato al cicloturismo.

"Un percorso ciclabile di grande bellezza - afferma il sindaco Maurizio Mangialardi - che attraversa splendidi luoghi e paesaggi raffigurati dai grandi artisti del nostro Rinascimento e che promuoveremo in numerose fiere nazionali e internazionali. Di fatto, il circuito culturale e turistico della terra Del Duca inserisce Senigallia all'interno del panorama delle grandi città d'arte italiane". "Il progetto - spiega l'assessore allo Sport Gennaro Campanile - rappresenta una bellissima opportunità per residenti e turisti di scoprire lo straordinario fascino e l'armonia dei nostri paesaggi. Si valorizza così anche un altro filone fondamentale come quello del turismo sportivo collegato alla bicicletta".

L'itinerario si sviluppa in senso antiorario e può prendere il via indifferentemente da ognuna delle quattro città principali che lo caratterizzano: Senigallia, Pesaro, Urbino e Gubbio. Il percorso misura poco meno di 450 chilometri e si snoda quasi per intero su strade panoramiche e a bassa intensità di traffico tra il mare Adriatico e i monti dell'Appennino, attraverso i paesaggi che nel Rinascimento furono dipinti da Piero della Francesca nelle sue opere e da Leonardo Da Vinci nella Gioconda. Per informazioni, dettagli e domande visitate il sito www.terradelduca.it.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-04-2015 alle 14:32 sul giornale del 11 aprile 2015 - 1193 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di senigallia, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ahSR


francesco SIMONCIONI

11 aprile, 11:45
Commento sconsigliato, leggilo comunque