Inaugurata la mostra dedicata ai due finanzieri italiani che respinsero la marina imperiale austriaca

08/04/2015 - Con una cerimonia tutt'altro che retorica, è stata inaugurata mercoledì mattina la mostra intitolata La fallita incursione imperiale ad opera di due Guardie di Finanza, allestita nei locali dell'Expo ex.

L'evento, promosso dal Comune di Senigallia e dall'Associazione nazionale finanzieri d'Italia, rientra nell'ambito delle iniziative per il centesimo anniversario della prima guerra mondiale.

La mostra ricorda le gesta eroiche dei finanzieri Carlo Grassi e Giuseppe Maganuco, che, nell'aprile del 1918, impedirono agli incursori della marina imperiale austriaca di distruggere le opere portuali di Ancona e i sottomarini a sua difesa. Il fatto storico si lega anche a Senigallia poiché durante l'operazione, i militari imperiali, anziché sbarcare nella località Torrette di Ancona, approdarono a Marzocca, procedendo poi da lì a piedi fino al capoluogo. Nel 1972, l'amministrazione senigalliese appose proprio nei pressi dell'errato punto di sbarco degli austriaci un'opera di Romolo Augusto Schiavoni dedicata ai due finanzieri italiani.

L'inaugurazione si è svolta in due momenti distinti. Dopo la presentazione della mostra a Palazzo del Duca con gli interventi del sindaco Maurizio Mangialardi, del presidente dell'Anfi di Senigallia, generale Roberto Boccolini, del prof. Marco Severini, e del comandante regionale della Guardia di finanza, generale Umberto Sirico, si è proceduto al taglio del nastro.

"In un momento dove il senso delle istituzioni purtroppo sembra appannarsi - ha detto il sindaco Mangialardi - ricordare il coraggio, la lealtà, l'onore dei finanzieri Grassi e Maganuco significa riconoscersi in un esempio di integrità morale e offrire ai più giovani un modello su cui edificare la propria vita e quella dell'intera comunità nazionale. Valori che ancora oggi, ancorati a questa gloriosa tradizione, sono più che mai vivi nell'impegno quotidiano del corpo della Guardia di Finanzia e dell'Associazione nazionale finanzieri d'Italia. E proprio al presidente dell'Anfi di Senigallia, generale Roberto Boccolini, porgo il mio sentito ringraziamento per questa prestigiosa iniziativa".

"Un ringraziamento particolare - ha sottolineato a sua volta il comandante Boccolini - al sindaco Mangialardi, il quale, alcuni mesi fa, appena gli proposi di organizzare insieme questo evento non esitò un istante a esprimere il suo entusiasmo e la sua piena disponibilità, mettendo a disposizione della manifestazione le sale espositive e tutto il sostegno necessario all'organizzazione. Il mio desiderio è che la mostra possa dare ancora più lustro al corpo della Guardia di Finanza, consentendo di veicolare e rinverdire l'amore per la Patria e l'attaccamento a quei sani valori morali tra cui spicca quello dell'alto senso del dovere. Per questo invito tutti a visitare la mostra con le famiglie, i figli, i nipoti, gli amici, e far vedere loro come un finanziere piemontese e uno siciliano riuscirono in un difficile frangente a incarnare i principi di unità, amore per il proprio paese e spirito di abnegazione, che sono alla base della pacifica e civile convivenza".

La mostra che resterà aperta tutti i giorni, dall'8 al 15 aprile, dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 17 alle ore 19. L'ingresso è gratuito.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-04-2015 alle 13:22 sul giornale del 09 aprile 2015 - 612 letture

In questo articolo si parla di cultura, comune di senigallia, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ahL1