Cpl Concordia, Mangialardi: "A Senigallia non c'è spazio per chi non rispetta rigorosamente le regole"

maurizio mangialardi 31/03/2015 - "Auspico che le responsabilità siano di natura individuale e territorialmente circoscritte. Di sicuro a Senigallia non c'è spazio per chi non rispetta rigorosamente le regole e si muove in maniera opaca. Per quanto ci riguarda, il percorso da seguire è chiarissimo ed è quello indicato dalla legge.

C'è una gara in corso per l'aggiudicazione del servizio di pubblica illuminazione a cui partecipa anche la Cpl Concordia. Considerato che per legge nessuno può escludere un'azienda da qualsivoglia gara di appalto, pena il rischio di un contenzioso che potrebbe danneggiare economicamente l'Amministrazione, la procedura andrà avanti regolarmente. È del tutto evidente, però, che qualunque impresa si aggiudicherà il servizio, dovrà fornire non solo il certificato antimafia rilasciato dalla Prefettura, ma tutta la documentazione prevista dal codice degli appalti. Come sempre, ogni eventuale mancanza comporterà l'esclusione dell'impresa inadempiente e l'aggiudicazione del servizio alla seguente in graduatoria".

Così il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi, dopo l'inchiesta giudiziaria che ha coinvolto la cooperativa modenese Cpl Concordia in Campania. Mangialardi, poi, interviene anche sul servizio per la gestione e la manutenzione degli impianti tecnologici già appaltato dal Comune alla Cpl Concordia.

"Anzitutto - sottolinea il sindaco - va detto chiaramente che l'iter per l'affidamento di questo servizio, peraltro gestito in maniera egregia da Cpl Concordia, è stato identico a quello che stiamo seguendo per la pubblica illuminazione. In quel caso, non è emerso nulla e la ditta ha fornito tutta la documentazione necessaria, compreso il certificato antimafia, per aggiudicarsi la gestione e la manutenzione degli impianti tecnologici. In secondo luogo, quando lo scorso luglio in consiglio comunale sono stati sollevati dubbi sulla ditta a seguito delle dichiarazione del pentito Iovine, ho immediatamente proceduto a fare una segnalazione alla Procura della Repubblica al fine di fare chiarezza. D'altronde, per questa Amministrazione la trasparenza è sempre stata e continua ad essere un requisito indispensabile per la legalità. Non ci interessano processi sommari e mediatici, tanto più se riguardano aziende che danno lavoro a migliaia di famiglie, e abbiamo piena fiducia nella magistratura. Va da sé, tuttavia, che le ombre vanno fugate a tutela dell'Amministrazione, dei cittadini e della stessa impresa".





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-03-2015 alle 17:29 sul giornale del 01 aprile 2015 - 1884 letture

In questo articolo si parla di comune di senigallia, maurizio mangialardi, politica, senigallia

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ahu1


"A Senigallia non c'è spazio per chi non rispetta rigorosamente le regole"

Bel titolo, peccato non riguardi:

1. Chi va a 120 sui lungomare;

2. Chi si piazza contromano nei semafori bloccando il traffico;

3. Chi non rispetta il rosso;

4. Chi non rispetta la precedenza;

5. Chi corre sulla complanare;

Tralascio le distanze di sicurezza perchè non le rispetta nessuno...

Lo spazio per chi non rispetta le regole non solo c'è, ma c'è la palese negligenza dei vigili e dei carabinieri, che non reagiscono manco quando vengono sorpassati sul lungomare....

Ossequi, ballista.

Commento modificato il 31 marzo 2015

Caro sindaco M. Mangialardi, mi chiedo:

quando lo scorso anno il Consiglio Comunale doveva decidere SE bandire la gara e GIA' SI SAPEVA che la CPL Concordia si sarebbe presentata, potendo vantare una prelazione, PERCHE' dopo l'intervento del consigliere Paolo Battisti che aveva citato l'inchiesta già aperta sulla CPL avete deciso di proseguire nel vostro insano intento e non avete rimandato la decisione, come logica avrebbe voluto nell'attesa che la cosa si chiarisse?

Che fretta c'era? Non vi pare di essere stati incauti e frettolosi?

Oppure il fatto che a segnalare la scabrosa vicenda fosse stato un consigliere di opposizione ti ha portato a decidere diversamente da come ti era stato opportunamente dal consigliere suggerito, visto che per te l'opposizione ha torto "a prescindere"?

Sì, vi siete ficcati in un bel ginepraio. Complimenti!

P.S. Il cigolio delle unghie sullo specchio è assordante.




logoEV