Ostra Vetere: grande successo di pubblico nella giornata di primavera del F.A.I.

24/03/2015 - Il Sindaco di Ostra Vetere Luca Memè ringrazia soddisfatto tutte le persone che hanno partecipato al successo della giornata di primavera del F.A.I.

“Ringrazio la delegazione del FAI di Senigallia, i ragazzi delle scuole locali, i loro Insegnanti ed il Dirigente Scolastico – dice il primo cittadino – per come hanno saputo brillantemente realizzare l’iniziativa e per come hanno preparato i piccoli “ciceroni” , gli studenti della 2^ e 3^ media e di 5^ elementare che, con serietà e compostezza, hanno accompagnato, illustrato e coinvolto i visitatori nella storia e nella bellezza dei  tre siti aperti per l’occasione di particolare interesse storico, artistico e culturale, valorizzando i nostri beni artistici con grande senso civile”.

Ostra Vetere quest’anno ha aderito per la prima volta al grande evento promosso a livello nazionale, giunto alla 23^ edizione, dal Fondo Nazionale per l'Ambiente Italiano sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.

Sabato 21 e Domenica 22 Marzo, nonostante l’inclemenza del tempo, l’ affluenza di cittadini ed estimatori è andata alla grande anche presso la “scoperta”  Area Archeologica della Città Romana di Ostra, che vede annualmente il Comune impegnato in campagne di scavo condotte dall'Università di Bologna e dall'Università Francese di Clermont Ferrand. “Un ringraziamento – dice il Sindaco – va anche alla Pro Loco che  ha collaborato fattivamente nell’allestimento dei gazebo presso i luoghi preposti alle visite e dove alcuni  delegati del Fai di Senigallia hanno potuto raccogliere fondi a contributo libero che verranno utilizzati a sostegno delle attività di recupero promozione e valorizzazione del patrimonio culturale e paesaggistico italiano. Un vivo apprezzamento – conclude il Sindaco - anche agli assessorati  cultura e turismo e alla responsabile del servizio cultura del Comune di Ostra Vetere che si sono impegnati affinchè l’evento raggiungesse un buon risultato”.

Successo dovuto anche ai luoghi aperti al pubblico come la Chiesa del SS.Crocifisso, oggi chiusa al culto e che ha suscitato grande interesse. Una piccola Chiesa di impianto cinquecentesco, edificata allo scopo di proteggere un'antica edicola sacra ritenuta miracolosa e che ben conserva affreschi attribuiti al locale pittore Giovan Battista Lombardello, detto anche della Marca o Montano, uniche testimonianze ancora esistenti dell'attività del pittore nella propria patria; e come il grande gioiello di interesse storico quale il Museo Civico Parrocchiale, non soltanto per la struttura che lo accoglie ma per le tante opere d’arte in esso conservate : dipinti, affreschi, statue lignee, preziose maioliche, libri antichi e frammenti provenienti dallo scavo archeologico che delineano la storia, lontana e vicina, di tutta una comunità.

 







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-03-2015 alle 19:55 sul giornale del 25 marzo 2015 - 761 letture

In questo articolo si parla di attualità, ostra vetere, comune di ostra vetere

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ahbV