Bucari (Pd) sulla digitalizzazione nella refezione scolastica: 'Servizio più efficace e trasparente'

simonetta bucari 19/03/2015 - La digitalizzazione della Pubblica Amministrazione non deve rimanere una semplice dichiarazione di intenti, ma tradursi in concreta realtà e Senigallia ha saputo anche nel settore della refezione scolastica trovarsi tra i primi Enti Locali in Regione ad applicare le nuove tecnologie.

Si perfeziona un’innovazione che ha dimostrato , in altri campi e in altre città, di poter far risparmiare tempo ai genitori, agli insegnanti e agli operatori scolastici. Si semplificano i passaggi burocratici per il personale degli uffici e delle mense comunali. Si eliminano i tempi di raccolta dei buoni-mensa da parte dei docenti, sottratti quotidianamente al tempo scuola. Si eliminano le incombenze per i genitori di inserire ogni giorno il buono nello zaino del proprio figlio. Si eliminano le dimenticanze e gli smarrimenti dei buoni.

Si eliminano i tempi telefonici per comunicare tutti i dati agli operatori della mensa, assenze, presenze, dimenticanze buoni, diete individuali,… Si eliminano le file presso le tesorerie comunali per l’acquisto di carnet di buoni cartacei. Si riducono notevolmente i tempi dei collaboratori scolastici nel conteggiare le presenze. Si aumenta la trasparenza e controllabilità del servizio … Il nuovo sistema informatico nelle scuole senigalliesi è stato introdotto gradualmente e gradualmente tutti gli utenti della scuola, in primis le famiglie, verranno istruiti per un corretto funzionamento del nuovo servizio e solo quando tutte le attività preparatorie saranno espletate si renderà pienamente operativo, con una capillare informazione.

Obiettivo comune è quindi quello di semplificare gli adempimenti degli utenti, rendendo il sevizio “buoni-mensa” più efficiente, efficace e trasparente!!! Eppure, come sempre, c’è chi appare nostalgico del passato, anche quando questo è sinonimo di obsoleto, superato, inadeguato. Peccato!!!


da Simonetta Bucari
consigliere comunale PD




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-03-2015 alle 10:41 sul giornale del 20 marzo 2015 - 677 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, Simonetta Bucari

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/agW0


Egidio Cardinale

20 marzo, 09:31
"Ad oggi, ci sono famiglie che non possono lasciare i propri figli a pranzo a scuola. Per via dei costi. Anziché introdurre il pagamento elettronico (superfluo), sarebbe il caso di andare incontro a queste situazioni di difficoltà per dare uguaglianza". R.P.rnCi sarebbe poi da rivedere anche tutto il discorso della nutrizione...per merenda un quarto di mela...rnCibo che i bambini non mangiano perchè immangiabile e tornanti a casa hanno fame e chiedono di mangiare di nuovo...rnBasta farsi belli a parole, andiamo al concreto ed interveniamo sulle cose serie: il cibo, non i tablet!




logoEV